IL CRISTIANESIMO NON è UN CATTOLICISMO !!! "DIO NON E’ CATTOLICO" (Carlo M. Martini). Deus charitas est..... non "Deus caritas est"(Benedetto XVI, 2006) !!!

CONTRO FAMIGLIA CRISTIANA, L’OSSERVATORE ROMANO PREFERISCE LA LINEA DURA E CERCA DI ASSOLDARE TEX WILLER !!! Il magistero cattolico-romano è ormai al capolinea - a cura di Federico La Sala

vendredi 15 août 2008.
 

Ansa » 2008-08-14 21:16

OSSERVATORE ROMANO, TEX WILLER IN PRIMA

CITTA’ DEL VATICANO - Con un nuovo colpo a sorpresa del suo direttore Gian Maria Vian, l’Osservatore Romano é oggi tornato a stupire i suoi lettori, dedicando due pagine ai sessant’anni di Tex Willer, l’eroe dei fumetti inventato da Gian Luigi Bonelli.

In prima, il giornale del Papa pubblica addirittura la riproduzione della copertina dell’albo speciale di settembre che raffigura il famoso cow boy abbracciato ad una giovane donna indiana. E sottolinea che Tex "conserva forte attualità nella sua veste di perenne difensore della giustizia, tra uomini diversi per razza, cultura e costumi".

In un ampio articolo dedicato alla figura del ranger texano con la camicia gialla, protagonista ormai di oltre 600 avventure, il giornalista Roberto Genovesi ricostruisce la nascita del personaggio a fumetti, arrivato nelle edicole dopo la fine della seconda guerra mondiale, quando un popolo italiano "stremato da un conflitto devastante dal punto di vista del sacrificio di vite umane ma anche sul piano morale" accoglie di buon grado "un giustiziere americano dalle idee chiare, capace di distinguere, ’senza se e senza ma’, il buono dal cattivo".

E’ per questo, scrive l’Osservatore, che "Tex si dimostra subito un eroe interclassista. Piace agli operai, agli studenti, agli intellettuali e ai politici". Eppure, osserva il quotidiano della Santa Sede, Tex "non ha un carattere dalle mille sfaccettature, non ha una psicologia complessa e le sue azioni sono spesso dettate da scelte nette". Quel che conta, però, è che Tex è un "esempio di rettitudine morale, di fedeltà coniugale e di amore paterno", oltre che "portatore di comportamenti irreprensibili dettati da valori non negoziabili".

Nelle storie di Tex Willer "il bene è sempre chiaramente distinguibile dal male e non vi sono mai strade alternative a quelle buone e giuste per raggiungere l’obiettivo finale". Per l’Osservatore Romano c’é poi un altro aspetto ’profetico’ di Tex : "Egli è infatti il primo eroe dei fumetti che, in tempi non sospetti, si prodiga con i fatti per sdoganare un’idea nuova e molto più vicina alla realtà dei nativi d’America. Gli indiani, nelle storie a fumetti di Tex, non vengono quasi mai dipinti come macchiette".

Tex, insieme ai suoi amici fidati, tutti esponenti di "culture di minoranza", è dunque un "simbolo vivente della condivisione tra due culture con un’apertura mentale davvero anticipatrice". Tutte buone ragioni per elogiare il cowboy più famoso del fumetto italiano, che evidentemente in Vaticano, tra tonache e ’segrete stanze’, può contare su estimatori fidati e inaspettati, pronti a scommettere su di lui.


-  Dopo le polemiche con il governo, il direttore della sala stampa della Santa Sede precisa : "Le posizioni del settimanale sono responsabilità esclusiva della sua direzione’’

-  Il Vaticano : "Famiglia Cristiana non esprime la nostra linea"

-  Il direttore don Sciortino : "Questa dichiarazione non è una sconfessione"

-  Il Vaticano : "Famiglia Cristiana non esprime la nostra linea"

CITTA’ VATICANO - Il Vaticano prende le distanze da Famiglia Cristiana e dai suoi scontri con il governo. A farsi portavoce della posizione della Santa Sede è padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa vaticana, secondo cui il settimanale dei Paolini "è una testata importante della realtà cattolica, ma non ha titolo per esprimere né la linea della Santa Sede né quella della Conferenza episcopale italiana". "Le sue posizioni - ha aggiunto Lombardi - sono responsabilità esclusiva della sua direzione’’.

Immediata la risposta del direttore della rivista, don Antonio Sciortino : "Mai ci siamo sognati di rappresentare ufficialmente il Vaticano o la Cei, che hanno loro organi ufficiali di stampa : l’Osservatore Romano e l’Avvenire". Il sacerdote paolino sottolinea, però, che "la dichiarazione di padre Lombardi è formalmente corretta". E’ "scorretto", invece, "se qualcuno vuole interpretare questa dichiarazione come una sconfessione".

Poi spiega : "Famiglia Cristiana, come tutti gli altri organi di stampa cattolici, si ispira al Vangelo ed è in sintonia con la Dottrina Sociale della Chiesa. Noi, sui temi di cui si discute, abbiamo ospitato gli interventi del presidente dei dicasteri vaticani competenti, il cardinale Renato Raffaele Martino".

L’ultimo duro intervento di Famiglia Cristiana contro le scelte dell’esecutivo è di ieri, quando è stato anticipato l’editoriale di Beppe Del Colle in cui si augura che "non sia vero il sospetto" che in Italia sta rinascendo il fascismo "sotto altre forme". Un commento che ha scatenato la polemica.

Ma non è la prima volta, negli ultimi mesi, che il settimanale diretto da Don Antonio Sciortino critica le scelte della maggioranza. Prima ha attaccato la norma sulle impronte ai bambini rom ("una trovata indecente"), poi la "finta emergenza sicurezza". Senza dimenticare la dichiarazione durissima contro Berlusconi quando il premier aveva accusato i pm di essere sovversivi.

* la Repubblica, 14 agosto 2008


Sul tema, nel sito, si cfr. :

-   "DIO NON E’ CATTOLICO". "Dio è al di là delle frontiere che vengono erette". Accorato appello del Cardinale Carlo M. Martini alla Chiesa per una sua rapida e profonda riforma

-   EU-ANGELO E COSTITUZIONE . "CHARISSIMI, NOLITE OMNI SPIRITUI CREDERE... DEUS CHARITAS EST" (1 Gv., 4. 1-8). « Et nos credidimus Charitati... » !!!!
-  VIVA L’ITALIA. LA QUESTIONE "CATTOLICA" E LO SPIRITO DEI NOSTRI PADRI E E DELLE NOSTRE MADRI COSTITUENTI. Per un ri-orientamento antropologico e teologico-politico.


Répondre à cet article

Forum