Poster un message

En réponse à :
EVANGELO = BUONA NOVELLA : .DIO E’ AMORE (Charitas), NON MAMMONA (Benedetto XVI, "Deus CARITAS est", 2006) !!!

DIO : GESU’ E MARIA. E GIUSEPPE, DOV’E’ ?!! L’inutile strage (Benedetto XV, 1917) ... e il ’vicolo cieco’ del cattolicesimo-romano del 2006 d. C !!! Caro Benedetto XVI ... Pirandello (1918) aspetta ancora una risposta !!!

Il signor Daniele Catellani, mio amico, bella testa ricciuta e nasuta - capelli e naso di razza - ha un brutto vizio : ride nella gola...
mercredi 12 juillet 2006 par Federico La Sala
[...] bisogna sapere che, nonostante gran carneficina, con una magnifica faccia tosta il signor Pietro Ambrini, quell’anno, aveva pensato di festeggiare, per i cari nipotini, la ricorrenza del Santo Natale pi¨ pomposamente che mai. E s’era fatti fabbricare tanti e tanti pastorelli di terracotta : i pastorelli che portano le loro umili offerte alla grotta di Bethlehem, al Bambinello Ges¨ appena nato [...]
SINODO DEI VESCOVI 2008 : L’ANNO DELLA PAROLA DI DIO - AMORE ("CHARITAS") O MAMMONA (...)

En réponse à :

> Caro Benedetto XVI ... Pirandello (1918) aspetta ancora una risposta ! DIO, GESU’ e MARIA ...... E GIUSEPPE, DOV’E’ ?!!

jeudi 13 juillet 2006

Caro Biasi ...RILEGGENDO LA NOVELLA DI PIRANDELLO .... E RIPENSANDO ALLA STORIA, RIAFFORANO ALL’ARIA TUTTI I BIMILLENARI MIASMI DI UN CATTOLICESIMO PER IL POPOLO..... se ancora non ne senti il gran fetore, non dire poi che io non ti ho avvisato !!! Dopo Marx, dopo Nietzsche, dopo Pirandello e Freud - per te che hai ancora tanta entusiastico ardore di sentire il fedeoso ’profumo’ del mith-o cattolico-romano, ti allego una ’bottiglia’ dell’ultima produzione di profumo, quello di Valencia 2006. M. cordiali saluti. Dr. S-Mith


Rileggendo il magistero del Papa in Spagna

Dio a scudo dell’uomo

di Antonio Staglian˛ (Avvenire, 13.07.2006)

La visita di Benedetto XVI in Spagna Ŕ stato contrassegnata da alcuni fatti "inauditi" che riempiono il cuore del cristiano di amarezza, ma anche di un po’ di sana consolazione. Chi "non aspetta" il Papa e non lo accoglie, manifesta cosý il suo disprezzo delle veritÓ che egli annuncia : in "questo disprezzo", per˛, splende la bellezza della veritÓ cristiana sulla famiglia, sulla relazione affettiva, sull’amore, sulla societÓ e sulla politica. Questa veritÓ Ŕ destinata a salvare l’umano dell’uomo, perchÚ ne custodisce la sua realtÓ di persona. La proclamazione - ad alta voce, su tutti i tetti - dei « valori non negoziabili » diventa un banco di prova della profezia del cristianesimo. La profezia cristiana Ŕ oggi pi¨ chiara (splendente nella sua bellezza) quanto pi¨ Ŕ contraddetta da politiche alla Zapatero, individualiste e libertarie, causa di tante forme di alienazione dell’uomo. Aveva ragione Giovanni Paolo II nell’affermare che proprio sulla "questione dell’uomo" (questione antropologica) risiede la radice ultima di ogni questione sociale e nel fare della cultura il "luogo e il tempo" dell’impegno pastorale pi¨ grande per l’evangelizzazione. La cultura Ŕ infatti « ci˛ per cui l’uomo diventa pi¨ uomo », ma Ŕ in essa che l’uomo si perde ed entra in crisi : lÓ dove la vita Ŕ distrutta e non rispettata ; lÓ dove l’amore partecipativo tra le persone Ŕ vinto dall’egoismo degli individui e dei gruppi sociali ; lÓ dove la veritÓ dell’azione Ŕ compromessa dall’utilitarismo e dal pragmatismo che puntano al successo immediato, senza alcun senso di responsabilitÓ per gli altri. Benedetto XVI ripropone - sulla scia di Wojtyla - una strenua difesa della persona umana : da qui tutte le critiche non solo sulle questioni della famiglia, ma anche sui tanti problemi relativi ai singoli, agli individui, alle coscienze. Come "Vescovo di Roma", ogni Papa sa di parlare a nome della Chiesa universale e del Vangelo. Sa, per˛, che il Vangelo, annunciato in forme e linguaggi sempre nuovi - attesi i grandi trapassi culturali nelle singole epoche storiche -,custodisce l’umano, spesso offeso proprio dall’uomo. Il cristianesimo Ŕ religione dell’evento di un Dio fattosi carne. ╚ al servizio della salvezza integrale dell’uomo, che Cristo mostra : Ecce Homo. L’uomo Ŕ persona, creato da Dio, secondo la sua immagine e somiglianza, con diritti inalienabili : alla vita, alla crescita armonica in una famiglia unita e in un ambiente morale che aiutino lo sviluppo della sua personalitÓ. L’uomo Ŕ persona e lo Ŕ nel dono di sÚ, fondamento di una convivenza solidale e pacifica tra persone e tra i popoli. Dio Ŕ principio della salvaguardia della persona nell’uomo, che ne impedisce la manipolazione, lo sfruttamento, la mercificazione, la riduzione a un « semplice essere vitale » tra i tanti esseri esistenti. E’ questa la "bellezza difficile" del cristianesimo, ma Ŕ la bellezza che salva il mondo. Essa splende sempre. Anche in "certo disprezzo" che pu˛ diventare oggi l’occasione propizia, il "tempo favorevole", per mostrare al mondo l’Ecce Homo.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :