Poster un message

En réponse à :
Record europeo...

657 le persone morte sul lavoro dall’inizio dell’anno !!! Fausto Bertinotti chiede al Parlamento di dare avvio ad un’indagine conoscitiva

samedi 23 septembre 2006 par Federico La Sala
[...] « L’Italia segna il record europeo di morti sul lavoro - sottolinea ancora Bertinotti - Le cause di questi tragici eventi sono certamente da ricercare nella carenza di controlli, nella mancata applicazione delle regole, nella scarsa considerazione del lavoro umano »[...]

Morti sul lavoro, Bertinotti : indaghi il Parlamento*
Fausto Bertinotti chiede al Parlamento di « dare avvio ad un’indagine conoscitiva che possa risalire alle cause delle morti sul (...)

En réponse à :

> 657 le persone morte sul lavoro dall’inizio dell’anno !!! Fausto Bertinotti chiede al Parlamento --- Il governo non vara i decreti di attuazione della legge per la sicurezza sul lavoro.Perché ? Perché ormai gli imprenditori dettano legge in politica (di Piero Sansonetti).

mardi 4 mars 2008


-  Il governo non vara i decreti di attuazione della legge per la sicurezza sul lavoro
-  Perché ? Perché ormai gli imprenditori dettano legge in politica

Prigionieri di Confindustria

di Piero Sansonetti *

No, non è bastata : la Thyssen non è bastata. Il mondo politico, il governo, i partiti politici maggiori non riescono a convincersi che la guerra del lavoro merita la loro attenzione. Chiede un intervento drastico, leggi, decreti. E che se queste leggi costeranno qualcosina - una parte centesimale dei propri profitti - alle imprese, beh, è un prezzo che si può accettare per salvare centinaia di vite ogni anno. Tra tutti i generi di omicidio, l’omicidio sul lavoro - l’omicidio da sfruttamento - è di gran lunga il più frequente, oggi, in Italia. Ogni dieci omicidi per rapina, o per furto (o altre cause legate alla delinquenza comune, mafia compresa) ci sono 100 omicidi sul lavoro. E’ una grande emergenza, possiamo chiamarla emergenza-capitalismo.

Il Parlamento ha varato una legge quadro per contenere questa strage. Ma il governo non vara i decreti attuativi, e la legge resta lì, inerte. Perché il governo non vara i decreti ? Noi abbiamo un sospetto : perché subisce le pressioni di Confindustria, che è contraria a quelle leggi e a quei decreti, che rendono un po’ meno flessibile il funzionamento delle aziende e aumentano di qualche centesimo di euro il costo del lavoro. E’ un sospetto infondato ? Leggetevi l’intervista al ministro Damiano, che pubblichiamo a pagina 2, e vedrete che il sospetto non è solo nostro. E Damiano non è un "feddayn"...

Per questo parliamo di omicidio di Stato. E chiediamo che il governo intervenga nei prossimi minuti - non ore, giorni, settimane - riconoscendo le proprie responsabilità e chiedendo formalmente scusa ai parenti degli operai della Thyssen, e di quelli di Molfetta, e del portuale di Genova e delle altre decine e decine che sono morti in questi mesi mentre i decreti restavano sospesi e il consiglio dei ministri non li approvava. E subito dopo aver chiesto scusa, il governo deve varare immeditamente quei decreti. Infischiandosene delle pressioni di Confindustria. E possibilmente deve mandare a quel paese Montezemolo, che proprio ieri si è permesso di dettare un decalogo per i partiti, dal momento che lui ritiene di essere il padrone d’Italia. E sapete perché Montezemolo si crede il padrone d’Italia ? Perché molti partiti - che riempiniono le loro liste elettorali con i capi della Confindustria e del padronato - glielo fanno credere.

* Liberazione, 04/03/2008


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :