Inviare un messaggio

In risposta a:
La costruzione del ’presepe’ cattolico-romano .... e la ’risata’ di Giuseppe!!!

MEMORIA DI FRANCESCO D’ASSISI. "VA’, RIPARA LA MIA CASA"!!! Benedetto XVI ha ricordato la conversione di Francesco: «l’ex play boy convertito dalla voce di Dio»... ma ha "dimenticato" la denuncia sul "ritardo dei lavori", fatta da Pirandello già a Benedetto XV. Che disastro!!!

LA "SACRA FAMIGLIA" DELLA GERARCHIA CATTOLICO-ROMANA E’ ZOPPA E CIECA: IL FIGLIO HA PRESO IL POSTO DEL PADRE DI GESU’ E DEL "PADRE NOSTRO". E’ ORA DI RESTITUIRE "L’ANELLO DEL PESCATORE" A GIUSEPPE, PER AMARE BENE MARIA - NON GIOCASTA!!!
giovedì 4 ottobre 2012 di Federico La Sala

In risposta a:

> "Va’, ripara la mia casa"!!! Benedetto XVI ricorda la conversione di Francesco d’Assisi: «l’ex play boy convertito dalla voce di Dio»... ma ha ’dimenticato’ la denuncia sul ’ritardo dei lavori’, fatta da Pirandello già a Benedetto XV ?!

martedì 5 settembre 2006

Il ’cattolico’ presepe di "Forza Italia": mettere il cavaliere al posto del bambinello.... "Mammasantissima"!!!


Il presepe di Tremonti di Antonio Padellaro *

L’ex ministro Tremonti ha liquidato come reato di compromesso storico l’invito rivolto ai due poli dal presidente Napolitano per cercare intese sul risanamento dei conti pubblici chiesto dall’Europa. Di fronte a una proposta di puro buon senso, la risposta sgarbata e priva del più elementare galateo istituzionale conferma che il partito berlusconiano ha come unica strategia quella di sedersi sulla riva del fiume e attendere che sulla Finanziaria il governo Prodi compia un clamoroso scivolone. Del dialogo non sanno che farsene, e se sulla missione in Libano hanno votato con l’Unione è solo perché non potevano comportarsi diversamente dopo il disco verde di Stati Uniti e Israele. Per la verità, neppure nel centrosinistra le piccole e grandi intese raccolgono entusiastici consensi ma, almeno, c’è l’impegno riconfermato da Prodi di non procedere a colpi di maggioranza sul terreno delle riforme. Se questa è la situazione non si comprende sulla base di quali ragionamenti il ministro Mastella giudichi «intempestivo», e dunque «sbagliatissimo» affrontare il problema del conflitto di interessi nel momento in cui, afferma, «cerchiamo la collaborazione della Cdl sulla Finanziaria». Prima di tutto non ci sembra una mossa astuta avvertire Berlusconi che si beccherà l’odiata legge quando non serviranno più i suoi voti. Ma poi, dopo la risposta a Napolitano, quali cortesie, di grazia, Mastella si attende da questa opposizione? E in cambio di cosa un provvedimento cardine del programma dell’Unione (che a certe condizioni perfino An e Udc sono disposti a discutere) dovrebbe essere accantonato? In una celebre commedia c’è unpresepe che, malgrado gli sforzi, al figlio di Eduardo proprio non piace. Mettere il cavaliere al posto del bambinello, per fare apprezzare a Tremonti il presepe dell’Unione, ci sembra francamente troppo.

www.unita.it, Pubblicato il: 04.09.06 Modificato il: 04.09.06 alle ore 6.01


"DEUS CARITAS EST" E "FORZA ITALIA": DUE "LOGO", UNA SOLA L0GICA! L’URLO DEL SILENZIO!!!*

di Federico La Sala

Caro Direttore apprezzo molto il discorso fatto da Franco Laratta [cfr. “La voce del silenzio”: www.lavocedifiore.org, 04.02.2006]: ma, ti prego, non confondiamo i livelli - e salviamo le differenze (e il mio discorso non è affatto "l’altra campana")!!! Che c’entra il messaggio ev-angelico con il discorso del capo assoluto di una SETTA, che si chiama - paradossalmente - "cattolica"?!!! Che "Deus caritas est" lo dica Giovanni, come Gesù, come Francesco, è una cosa .... ma che lo dica il ’Faraone’, me lo concedi?, è un’altra cosa!!! O no?!!! Per farti capire: se io, cittadino italiano, PRIMA - UN TEMPO gridavo "Forza Italia" ero LIBERO E ORGOGLIOSO di essere cittadino italiano; se, ORA ed OGGI, grido "Forza Italia", sono diventato .... un ’italiano’, un ’cattolico’!!! Hai capito la differenza? Cosa c’entra Gesù con il papa Ratzinger?!! E dov’è più la differenza tra il Presidente della Repubblica e il presidente del consiglio in una Italia, dove si grida "Forza Italia"?! Allora cerchiamo di non confondere la "lana" con la "seta" e stiamo attenti a CHI parla e non solo a COSA dice. Premesso questo, credo, comprenderai meglio la portata DEMOCRATICA e COSTITUZIONALE e il senso CRITICO E CRISTIANO della nota (che ti allego), scritta in occasione dell’uscita dell’Enciclica papale. Molti cordiali saluti, Federico La Sala(04.02.2006)

Allegato:

“DEUS CARITAS EST”: IL “LOGO” DEL GRANDE MERCANTE .... DI ARMI***!!! di Federico La Sala

In principio era il Logos, non il “Logo”!!! “Arbeit Macht Frei”: il lavoro rende liberi, così sul campo recintato degli esseri umani!!! “Deus caritas est”: Dio è amore, così sul campo recintato della Parola (del Verbo, del Logos)!!! “La prima enciclica di Ratzinger è a pagamento”(www.unita.it, 25.01.2006 - cfr. www.ildialogo.org/filosofia)!!! Il grande discendente dei mercanti del Tempio si sarà ripetuto in cor suo e riscritto davanti ai suoi occhi il vecchio slogan: con questo ’logo’ vincerai! Ha preso ’carta e penna’ e, sul campo recintato della Parola, ha cancellato la vecchia ’dicitura’e ri-scritto la ’nuova’: “Deus caritas est”! Nell’anniversario del “Giorno della memoria”, il 27 gennaio, non poteva essere ’lanciato’ nel ’mondo’ un “Logo” .... più ’bello’ e più ’accattivante’, molto ’ac-captivante’!!! Il Faraone, travestito da Mosè, da Elia, e da Gesù, ha dato inizio alla ’campagna’ del Terzo Millennio - avanti Cristo!!! Federico La Sala (26.01.2006)


***

LA NUOVA "LEGITTIMA DIFESA" E IL CARDINALE MARTINO

E quello che possiamo fare noi nel frattempo

di Enrico Peyretti (www.ildialogo.org/politica, Giovedì, 26 gennaio 2006 )

Se le cose stanno così, se un cardinale, presentando l’enciclica del papa "Dio è amore" valuta un "diritto sacrosanto", il diritto di uccidere un ladro (vedi notizia riportata in fondo), diritto introdotto da un governo sempre più barbaro, distruttore di quanto di civile avevamo; se le cose stanno così, quel cardinale, incaricato di lavorare, per conto della "santa sede", alla giustizia e alla pace, ignora non solo che Dio è amore, ma anche che il senso primo della legge umana e della politica è di allontanare dall’odio i nostri rapporti per condurli verso il rispetto e l’amore, almeno verso la considerazione della vita, anche del ladro, superiore alla proprietà.

Se le cose stanno così, quel cardinale ha perduto non solo il vangelo ma anche il minimo buon senso civile, e dà il suo assurdo appoggio alla più barbara delle leggi berlusconiane, dopo la partecipazione criminale alla guerra di Bush, per qualche basso vantaggio politico. Se poi le cose non stanno così, dica quel cardinale le parole che sono da dire.

Nel frattempo, propongo, e vi propongo, di lanciare una tempesta di lettere e messaggi al micro-presidente del barbaro sconsiglio dei mini-ministri redazione.web@governo.it e al Presidente della Repubblica, garante della Costituzione civile presidenza.repubblica@quirinale.it (in questo caso occorre firmare con nome e indirizzo stradale completi), per gridare la protesta e l’indignazione e la volontà di boicottare in ogni modo la legge sul "legittimo omicidio per salvare il portafoglio".

Buona salute, buon coraggio, buona resistenza, buona speranza!

Enrico Peyretti

La notizia dell’Apcom

Città del Vaticano, 25 gen. (Apcom) - La legge sulla legittima difesa, approvata in via definitiva in Parlamento, "è un principio sacrosanto". Lo ha detto ad Apcom il cardinale Renato Raffaele Martino, presidente del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, a margine della conferenza stampa di presentazione della prima Enciclica di Papa Benedetto XVI, "Dio è amore". "E’ un principio sacrosanto difendersi dall’aggressore - ha detto Martino - così come lo Stato è chiamato a difendersi, anche i cittadini devono poterlo fare. Bisogna però tenere in considerazione il principio di porporzionalità - ha spiegato il card. Martino - ma si tratta di un principio giusto, perché il dono della vita deve essere difeso e anche il bene della vita del nascituro". Ssa/Sav


* www.lavocedifiore.org/, 05.02.2006.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: