Inviare un messaggio

In risposta a:
Cinema

IN ’AMERICA’ VOGLIO ANDARE!!! Quando gli immigrati eravamo noi - gli italiani ... : "NUOVOMONDO".

venerdì 8 settembre 2006 di Federico La Sala
[...] un mix tra ricostruzione storica e potenza dell’immaginazione. Come del resto Crialese conferma: "Al realismo preferisco il mito, è vero. Ma il film ha comunque una sua base concreta e una sua attualità: ad esempio sono assolutamente veri i test d’intelligenza e attitudinali a cui venivano sottoposti gli immigrati. Un meccanismo bio-politico di persecuzione e di discriminazione. Ma dietro il viaggio di Salvatore e della sua famiglia io vedo soprattutto l’epocale passaggio dall’uomo (...)

In risposta a:

> IN ’AMERICA’ VOGLIO ANDARE!!! Quando gli immigrati eravamo noi - gli italiani ... : "NUOVOMONDO".

sabato 9 settembre 2006

Mostra di Venezia 2006

I commenti dei vincitori e del presidente della giuria, Catherine Deneuve "Commovente il film di Zhang-Ke, contiene tutto ciò che a noi piace"

Crialese: "Premio straordinario. E’ questo il mio Nuovomondo"

Il regista Leone d’oro: "Continuerò a difendere i deboli del mio Paese"

Helen Mirren: "Mi sento in una bolla eccitante, lontana dalla vita quotidiana"

dal nostro inviato CLAUDIA MORGOGLIONE (www.repubblica.it, 09.09.2006)

VENEZIA - Immutabili rituali da fine-Mostra: dopo la proclamazione dei vincitori, la consueta conferenza stampa con i protagonisti della serata. E, almeno per i cronisti italiani, il più atteso è Emanuele Crialese, Leone d’argento-rivelazione di questa edizione 2006: "Sono molto felice - dice lui - già solo di essere qui al Lido, figuriamoci del premio. Questo è il mio terzo film: considero il riconoscimento appena ricevuto qualcosa di straordinario. Che la giuria, tra l’altro, ha quasi inventato apposta per me. Sono emigrato anni fa in America, ora sono tornato nel mio Paese: forse è qui il mio Nuovomondo". In riferimento, ovviamente, al titolo del suo film.

C’è da dire che il regista sembra davvero contento, al di là della diplomazia di rito. Al contrario di chi, in platea, giudica questo strano Leone d’argento una sorta di premio di consolazione, che lo ha di fatto escluso da quelli maggiori. Quale che sia il giusto modo di giudicare la questione, ecco le altre dichiarazioni post-cerimonia.

Jia Zhang-Ke, Leone d’oro per Still Life. "Continuerò a difendere gli strati di popolazione più deboli del mio Paese - dice il regista - questo premio rappresenta per me una conferma di questo impegno: proseguirò su questa strada per almeno altri dieci-vent’anni".

Catherine Deneuve, presidente della giuria. La diva francese difende alcune decisioni giudicate "eccentriche" da molti cronisti. A partire dal Leone d’oro a un film visto da pochissimi addetti ai lavori, la cui proiezione per il pubblico è andata semideserta. "Siamo rimasti sopresi dalla qualità del film - racconta - contiene tutto ciò che a noi piace: la bellezza della fotografia, la storia, i personaggi che ci hanno commosso. E comunque, su questa scelta non abbiamo affatto avuto lunghe discussioni". C’è poi chi si dice perplesso sul fatto che il Leone d’argento-rivelazione sia andato a Emanuele Crialese. Già esploso quattro anni fa, a Cannes, con Respiro. "E’ vero - ribatte la Deneuve - ma non dimentichiamo che la gente ha la memoria corta". E sul riconoscimento a Ben Affleck, accolto con una certa sorpresa, dichiara: "Anche altri attori avrebbero meritato la Coppa Volpi, ma poi bisogna concludere. E alla fine abbiamo trovato un accordo su di lui".

Helen Mirren, migliore attrice. Accolta dai giornalisti presenti con l’ormai consueto, scrosciante applauso. Quanto a lei, ironizza sulla sua eleganza e sul suo aspetto giovanile: "Faccio di tutto per non somigliare alla regina - dice - così tutti ammirano di più la mia interpretazione...". E poi, sul premio: "E’ come una meravigliosa bolla, eccitante, che porta lontano dalla vita quotidiana". Infine, sulle eventuali reazioni di Elisabetta al film: "Forse si è detta ’beh, poteva andare peggio!’".

Il caso Jean-Marie Straub/Daniel Huillet. I registi, vincitori di un premio speciale per l’insieme dell’opera, in cartellone alla Mostra con la pellicola Quei loro incontri, hanno fatto scalpore, due giorni fa, per alcune dichiarazioni. Frasi che suonavano pro-terroristi kamikaze. Questa sera i due sono assenti, ma a parlare a loro nome è una delle attrici del film, Giovanna Daddi: "Sono persone che non farebbero male a una mosca - dichiara - con quella frase intendevano proporsi come terroristi del cinema, non certo come terroristi nella vita reale". Una precisazione che però non spegne le polemiche, intorno a questo riconoscimento.

(9 settembre 2006)


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: