Inviare un messaggio

In risposta a:
Chiesa e Stato: la stessa politica, quella della "cari-tas" (= "caro-prezzo")?!

Caro Ministro della PUBBLICA Istruzione ... SCUOLA: Modello azienda? No, famiglia. - Sì, ma QUALE MODELLO di famiglia?! COSTITUZIONE ITALIANA E CHIESA ‘CATTOLICA’: una domanda (implicita in una ’vecchia’ riflessione) per una chiarificazione fondamentale.

“Aver il coraggio di dire ai giovani che essi sono tutti sovrani”(don Milani)
lunedì 16 ottobre 2006 di Federico La Sala
MODELLO AZIENDA? NO, FAMIGLIA
Fioroni: «La scuola è una comunità in cammino»
Il ministro dell’Istruzione spiega che cosa aspetta 8 milioni di studenti
intervista di Terry Marocco (La Stampa/SPECCHIO, 08.09.2006)*


Lupi, pecore, pastori?! Un NO per il REFERENDUM.
25 GIUGNO: SALVIAMO LA COSTITUZIONE E LA REPUBBLICA CHE E’ IN NOI
di Federico La Sala (Libertà - quotidiano di (...)

In risposta a:

> Caro Ministro della PUBBLICA Istruzione ... SCUOLA: Modello azienda? No, famiglia. - Sì, ma QUALE MODELLO di famiglia?! COSTITUZIONE ITALIANA E CHIESA ‘CATTOLICA’: una domanda (implicita in una ’vecchia’ riflessione) per una chiarificazione.

giovedì 16 novembre 2006

Scuola - Ma quale Costituzione ha letto il ministro Fioroni? *

Caro direttore,

il ministro Fioroni ormai ripete ogni giorno che nella Finanziaria, pur in mancanza di risorse adeguate per la scuola e l’università, deve essere previsto un incremento di contributi per le scuole private; recentemente il ministro ha anche precisato che tale finanziamento per le scuole private (in gran parte cattoliche) sarebbe necessario per «garantire il diritto costituzionale all’istruzione»! Ma quale Costituzione ha letto il ministro Fioroni? Certamente non quella italiana che all’art. 33 non solo afferma che «la Repubblica... istituisce scuole statali per ogni ordine e grado», ma precisa anche che ai privati deve essere riconosciuto il diritto di istituire scuole, ma «senza oneri per lo Stato». La Costituzione senza dubbio prevede il «diritto all’istruzione», ma nelle scuole statali che lo Stato, e quindi il ministro della Pubblica Istruzione, ha l’obbligo di istituire per tutti. Lo Stato deve difatti garantire il diritto all’istruzione con proprie scuole e non può appaltare l’istruzione pubblica a privati e, tanto meno, a scuole di orientamento confessionale che non possono garantire una formazione libera e pluralista che invece la scuola statale deve obbligatoriamente garantire. Un ministro della Repubblica, deve anzitutto conoscere la Costituzione della Repubblica e quindi applicarla, consentendo a tutti di poter accedere alla scuola pubblica ed evitando che, per carenze di adeguate strutture pubbliche (anche perché risorse pubbliche sono illeggittimamente destinate a privati), si renda necessario usufruire di quelle private, in gran parte confessionali. In questi giorni si discute la Finanziaria; è auspicabile che le forze politiche dell’Unione, che in campagna elettorale avevano affermato il ruolo primario della scuola statale, richiamino il ministro Fioroni al rispetto del programma dell’Unione e soprattutto della Costituzione che, lo ripetiamo, assicura il diritto all’istruzione, ma anzitutto all’istruzione statale; la frequenza delle scuole private non può essere pertanto necessitata dalla colpevole carenza di strutture pubbliche e dalla distrazione di risorse pubbliche a favore delle scuole private.

Il Comitato dell’Associazione “Per la scuola della Repubblica” Firenze

* Liberazione, 15.11.2006


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: