Poster un message

En réponse à :
Per l’inizio del dialogo, quello vero (B. Spinelli)

ITALIA E PAKISTAN : LA DIVINA COMMEDIA (Dante Alighieri) E IL POEMA CELESTE (Muhammad Iqbal). Ri-leggiamo insieme... le due opere e i due Autori ! Un’ipotesi di rilettura di DANTE .... e un appello per un convegno e per il Pakistan !!!

DANTE PER LA PACE, PER LA PACE TRA LE RELIGIONI E TUTTI I POPOLI.
vendredi 9 novembre 2007 par Federico La Sala
[...] W O ITALY ... Dopo di lui, in Vaticano, è tornata la confusione, la paura, e la volontà di potenza e di dominio. Un delirio grande, al di qua e al di là del Tevere, ma La Legge dei nostri ‘Padri’ e delle nostre ‘Madri’ Costituenti è sana e robusta ... Dante è riascoltato a Firenze, come in tutta Italia - e nel mondo. Anche nel Pakistan - memori del “Poema Celeste” (Muhammad Iqbal) - la Commedia non è stata dimenticata !!! [...]
PICCHIARE LE DONNE. DIO, UOMINI E DONNE : (...)

En réponse à :

> ITALIA E PAKISTAN : LA DIVINA COMMEDIA (Dante Alighieri) E IL POEMA CELESTE (Muhammad Iqbal). ---- Il diktat dell’Alta Corte : "Niente grazia per Asia Bibi"

lundi 29 novembre 2010

Il diktat dell’Alta Corte

"Niente grazia per Asia Bibi" *

ISLAMABAD- Niente grazia per Asia Bibi. L’Alta Corte di Lahore ha impedito al governo di Islamabad di pronunciarsi a favore della donna cristiana condannata a morte per impiccagione con l’accusa di blasfemia per aver insultato il profeta Maometto 1. Diversi avvocati hanno infatti inviato una petizione alla Corte di Lahore per impedire che il presidente Asif Ali Zardari perdoni la Bibi 2. Il caso della donna, madre di cinque figli, ha mobilitato la comunità internazionale e lo stesso Papa Benedetto XVI ha chiesto il suo rilascio. La più influente alleanza sunnita pakistana, però, lunedì è scesa in piazza per chiedere che non venga concessa la grazia la donna in quanto il rischio è che il Paese sfoci nell’anarchia.

Asia Bibi è stata condannata a morte l’8 novembre in base alla legge sulla blasfemia, che prevede la pena capitale per chi commette questo reato, ma che al momento in Pakistan non è mai stata eseguita. Le accuse contro la donna, però, risalgono al giugno del 2009, quando è stata denunciata con l’accusa di aver offeso il profeta Maometto durante una discussione con alcune musulmane. La Bibi è stata la prima donna pakistana a essere condannata a morte in base alla legge sulla blasfemia in vigore nel Paese, dove i cristiani sono meno del cinque per cento della popolazione. La sua sentenza potrà essere messa in atto solo se sarà confermata in appello dall’Alta Corte di Lahore, che al momento non ha ancora fissato una data per l’udienza.

* la Repubblica, 29 novembre 2010


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :