Inviare un messaggio

In risposta a:
Uomini e donne, per un "cambio di civiltÓ" - al di lÓ del Regno di "Mammasantissima": l’alleanza edipica della Madre con il Figlio, contro il Padre, e contro tutti i fratelli e tutte le sorelle.

USCIAMO DAL SILENZIO: UN APPELLO DEGLI UOMINI, CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE. Basta - con la connivenza all’ordine simbolico della madre!!! - a c. di Federico La Sala

L’antropologia come la teologia della "sacra famiglia" della gerarchia vaticana Ŕ zoppa e cieca: Ŕ quella del ’Figlio’ che prende - accanto alla Madre - il posto del padre "Giuseppe" e dello stesso "Padre Nostro"... e fa il "Padrino"!!!
lunedì 27 novembre 2006 di Federico La Sala

In risposta a:

> USCIAMO DAL SILENZIO: UN APPELLO DEGLI UOMINI, CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE. ---- IL 22 NOVEMBRE A ROMA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE.

venerdì 21 novembre 2008

INIZIATIVE

IL 22 NOVEMBRE A ROMA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

di ELENA BIAGINI *

[Dal sito della Libera universita’ delle donne di Milano (www.universitadelledonne.it) riprendiamo il seguente articolo apparso sul quotidiano "Liberazione" del 23 ottobre 2008 col titolo "Manifestazione contro la violenza sulle donne a Roma il 22 novembre 2008"]

Il 24 novembre del 2007 la grandissima manifestazione femminista e lesbica contro la violenza maschile sulle donne ha sconvolto l’asfissia della politica italiana, anche di movimento, con forza, radicalita’ ed autonomia. 150.000 donne in corteo a Roma con parole d’ordine chiare e assolutamente fuori dal coro: la violenza sulle donne ha un sesso non una nazionalita’, sono i maschi a commetterla e, per questo, qualunque politica xenofoba e securitaria non puo’ usare a pretesto questo tema; al contrario, la violenza contro le donne e’ commessa principalmente in famiglia. Per qualche giorno lo scorso anno i media sono stati costretti a rendere pubblici i dati su femminicidi e violenze di ogni genere, i dati sconvolgenti di una guerra in atto in tutto il mondo contro le donne, una guerra che inchioda come responsabile il sesso maschile e mostra che, nella maggior parte dei casi, sono proprio i maschi all’interno della famiglia, di qualunque grado di parentela, a uccidere, brutalizzare, stuprare le donne.

Il "sommovimento" del 24 novembre scorso non si e’ spento e per tutto l’anno ha portato le femministe e le lesbiche piu’ volte in piazza, in presidi e cortei spontanei lo scorso 14 febbraio quando la polizia irruppe nelle corsie del Policlinico di Napoli a violare la degenza di una donna che aveva interrotto la propria gravidanza, in un 8 marzo organizzato in tantissime citta’ diverse con lo slogan "Tra la festa il rito e il silenzio scegliamo la lotta" e poi in presidi davanti a tribunali dove si celebravano processi per stupro e femminicidio, in cortei volti a rompere l’omerta’ degli stupratori, in iniziative antirazziste. Quel sommovimento dello scorso anno e’ divenuto una rete che ha trovato tempo, modalita’ e desiderio di approfondimento e confronto attraverso due edizioni di "Flat - Femministe e lesbiche ai tavoli", lavori tematici di centinaia di femministe e lesbiche che hanno prodotto saperi, pratiche, percorsi su violenza maschile, sessismo, autodeterminazione, fascismo, razzismo, lavoro e precarieta’, comunicazione.

Anche quest’anno le femministe e lesbiche "sommosse", in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, lanciano un appello a tutte le donne per tornare in piazza: sabato scorso, in un’affollata assemblea che si e’ tenuta presso la Casa Internazionale delle Donne, e’ stato infatti deciso di organizzare un corteo che sabato 22 novembre, come lo scorso anno, partira’ da piazza Esedra per raggiungere piazza Navona.

E come lo scorso anno la manifestazione sara’ autonoma e autorganizzata: non saranno partiti o sindacati a costruirla ma collettivi, gruppi, associazioni, assemblee di femministe e lesbiche sparsi sul territorio nazionale. Gia’ all’assemblea nazionale di sabato, oltre alle romane, hanno partecipato donne da molte citta’ fra cui Bologna, Milano, Palermo, Bari, Trieste, Firenze, Perugia, Napoli, femministe e lesbiche di tutte le generazioni.

E se anche quest’anno la manifestazione - antisessista, antirazzista e antifascista - avra’ come motore la denuncia della violenza maschile su donne e lesbiche, togliendo il velo ideologico che spesso copre la famiglia come teatro di violenza, e la rivendicazione di autodeterminazione per tutte, molti sono i temi che l’attualita’ politica ha imposto: anzitutto la violenza istituzionale attuata attraverso il ddl Carfagna che criminalizza le prostitute e con loro tutte le donne (sabato infatti era presente anche il Comitato per i diritti civili delle prostitute), ma anche attraverso lo smantellamento dello stato sociale, la precarizzazione e i decreti Brunetta e Gelmini che colpiscono scuola e universita’ e quindi migliaia e migliaia di donne non solo lavoratrici e studenti.

Poi, accanto alla violenza contro donne e lesbiche, e’ stata sottolineata la violenza transfobica che ha prodotto momenti efferati, tra cui in piu’ interventi e’ stata ricordata la caccia alle trans al Prenestino, quartiere della periferia romana.

Ma anche l’opposizione alla guerra, come massima espressione di violenza maschile subita prioritariamente dalle donne, e al militarismo, saranno portate in corteo in un momento politico in cui sembrano ormai fenomeni endemici.

Le parole chiave intorno a cui si e’ dipanato il ragionamento dell’assemblea femminista e lesbica sono "condotta", "decoro" e "controllo", i pilastri di un regime autoritario ormai imposto nel paese che trova in una violenta riaffermazione machista e patriarcale la sua piu’ forte definizione. Il decoro che, sbandierato dalle amministrazioni locali e dai decreti governativi, vuole imporsi come norma e controllo delle donne, delle lesbiche, di tutte le soggettivita’ eccentriche, deve essere smascherato come grimaldello per imporre limiti all’autodeterminazione delle donne, delle lesbiche, di tutte e di tutti. Il corteo sara’ anche quest’anno una manifestazione di donne per le donne, definizione molto discussa in assemblea per il rischio che possa essere letta come essenzialista, ma che in realta’ vuole ribadire l’autonomia di femministe e lesbiche, le protagoniste di questa lotta, mentre altre soggettivita’ che vorranno partecipare troveranno la loro collocazione nella parte finale del corteo.

Per approfondimenti e aggiornamenti: flat.noblogs.org

-  Tratto da
-  NONVIOLENZA. FEMMINILE PLURALE
-  Supplemento settimanale del giovedi’ de
-  La nonviolenza Ŕ in cammino

-  Direttore responsabile: Peppe Sini.
-  Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac@tin.it

-  Arretrati in:
-  http://lists.peacelink.it/

-  Numero 220 del 20 novembre 2008

* Il Dialogo, Venerdý 21 Novembre,2008 Ore: 15:22


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: