Inviare un messaggio

In risposta a:
Eu-angélo!!! Buona-notizia...

IL SEGRETO DEL "SORRISO" DELLA "GIOCONDA"?! E’ NATO UN NUOVO ESSERE UMANO ... e voi che guardate NON SAPETE PIU’ ’LEGGERE’ NE’ IL VOLTO DELLE PERSONE NE’ IL VOSTRO CUORE!!!

"Amore è più forte di Morte / Passione più potente degli Inferi" (Cantico dei cantici: 8, 6-7, trad. di G. Garbini, Paideia 1992)
mercoledì 27 settembre 2006 di Federico La Sala
[...] La radiografia tridimensionale dei ricercatori canadesi ci dà una nuova interpretazione della Gioconda [...] Un lungo lavoro di analisi sulle immagini ha permesso di scoprire una vera sorpresa, rivelata ieri da Bruno Nottin, specialista del Centro di ricerca dei musei francesi. Gli strumenti canadesi consentono di vedere un particolare inedito: Mona Lisa è rivestita da un fine velo di mussolina, che all’epoca era portato dalle donne incinte o da quelle che avevano partorito da poco. (...)

In risposta a:

> IL SEGRETO DEL "SORRISO" DELLA "GIOCONDA"?! E’ NATO UN NUOVO ESSERE UMANO ... e voi che guardate NON SAPETE PIU’ ’LEGGERE’ NE’ IL VOLTO DELLE PERSONE NE’ IL VOSTRO CUORE!!!

sabato 27 gennaio 2007

Prof. Ernesto Solari Cel. 339.2984261 e-mail ernsola@tin.it Sito Internet http://solari1.supereva.it/

Sono l’autore del libro “Gioconda, il volto e l’anima” edito da Aisthesis, Mi. Nei giorni scorsi la notizia del ritrovamento della tomba di Monna Lisa ha fatto nuovamente parlare alcuni giornali della Gioconda come il ritratto di Monna Lisa Gherardini (Ipotesi del Dott. Pallanti, a cui ha risposto contrariamente il Prof. Alessandro Vezzosi) continuando ad ignorare che Monna Lisa non è la donna ritratta nel quadro del Louvre ma sicuramente di altro dipinto probabilmente disperso. Il dipinto del Louvre è una donna Lombarda, ipotesi questa confermata da alcuni studi trovati recentemente dal sottoscritto e pubblicati sul libro in oggetto. Gli studiosi continuano a parlare di indizi o idee senza il conforto di alcuna prova e i media continuano a dare voce a queste falsità ignorando la verità di prove concrete e tangibili. Perché? E’ possibile oggi sostenere e dimostrare il contrario di quanto affermato da questi signori. Perché ignorarlo? Fino ad oggi nessuno è riuscito ancora a dimostrare concretamente che la Gioconda sia la toscana Lisa Gherardini. Perché poi non considerare l’ipotesi che possa trattarsi di donna lombarda come molti aspetti, a partire dalle caratteristiche del paesaggio, portano a pensare? E’ da maggio del 2006 che tanta stampa nazionale (oltre 80 articoli) ha dato la notizia del ritrovamento, da parte di chi scrive, di alcuni studi relativi alla Gioconda presenti nel Codice Atlantico. Studi che portano a considerare una nuova identità della Gioconda, non più Monna Lisa ma la povera figlia primogenita di Ludovico il Moro, Bianca Sforza, morta avvelenata pochi mesi dopo il matrimonio con Galeazzo di Sanseverino, grande amico di Leonardo; Bianca Sforza è la vera Gioconda, su questo punto pochi possono essere i dubbi secondo chi scrive, anche se esiste un’unica possibile alternativa: la Gioconda potrebbe essere il ritratto di Caterina Sforza, ipotesi che era già stata avanzata da Magdalena Soest la quale ritiene vi sia anche una relazione col ritratto di Caterina Sforza dipinto da Lorenzo di Credi che si trova nella Pinacoteca forlivese. Molti sono comunque i dubbi, ma inviterei gli illustri studiosi citati dai TG a considerare anche i disegni del Codice Atlantico e soprattutto a chiedersi che senso avesse avuto per Leonardo rappresentare un paesaggio lombardo alle spalle di una donna toscana.

Prof. Ernesto Solari


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: