Inviare un messaggio

In risposta a:
Morale e oiko-nomia

Sette lamentazioni contro la FINANZIARIA. Per Adam Smith, la filosofia morale era un ingrediente essenziale e pre-giudiziale dell’economia politica. E’ bene non scordarlo mai. Un commento di Eugenio SCALFARI

domenica 8 ottobre 2006 di Federico La Sala
[...] il governo, volendo equilibrare un po’ una scala di redditi fortemente squilibrata, è stato generoso nel senso che ha diminuito il prelievo sui contribuenti fino ai 40-50 mila euro e lo ha accresciuto al di sopra di quella fascia. Si dice: doveva tagliare gli sprechi. Doveva riformare il "welfare". Doveva colpire gli statali. Doveva doveva doveva.
Mi viene in mente la risposta di Don Abbondio al cardinal Federico Borromeo che gli rimproverava di non aver celebrato il matrimonio tra (...)

In risposta a:

> Sette lamentazioni contro la FINANZIARIA. Per Adam Smith, la filosofia morale era un ingrediente essenziale e pre-giudiziale dell’economia politica. E’ bene non scordarlo mai. Un commento di Eugenio SCALFARI

domenica 8 ottobre 2006

L’ex premier dal palco della festa democristiana a Saint Vincent "Grave se il governo ponesse la fiducia sul provvedimento"

Finanziaria, Berlusconi: "Pronti a manifestare in tutta Italia"

E attacca: "Sulla moneta Visco e Bersani hanno copiato Stalin". Fini: "Prima battaglia parlamentare, poi se non si cambia, si va in piazza" *

ROMA - Silvio Berlusconi torna prepotentemente sulla Finanziaria e non esclude "manifestazioni in tutta Italia". Inoltre, spiega, sarebbe "grave" se il governo ponesse la fiducia sul provvedimento. Il leader azzurro, concludendo la tre giorni organizzata dalla Democrazia cristiana a Saint Vincent, ripropone la strategia indicata, a più riprese, in questi giorni: "Non ci tireremo indietro a scendere nelle piazze con manifestazioni in ogni capoluogo di provincia e in ogni piazza, per dare a tutti la possibiltà di partecipare".

Un’opposizione che, spiega il leader di An, Gianfranco Fini "deve prima passare in Parlamento e poi, in assenza di cambiamenti, nelle piazze". E a Francesco Storace che aveva esortato il partito a organizzare "comunque e, in caso, anche da sola" una mobilitazione contro la Finanziaria, Fini replica secco: "Noi non siamo il megafono delle proteste altrui. Per questo presenteremo pochi e qualificanti emendamenti e qualora non fossero sufficienti, proporremo la mobilitazione in piazza".

Neanche Berlusconi, però, esclude la battaglia parlamentare: "Il nostro dovere è di opporci alla finanziaria in Parlamento, dove dovremmo presentare emendamenti comuni nella Cdl per evitare che la cultura pauperista e l’odio sociale che permeano la manovra del governo Prodi, non ricada sugli italiani". Una battaglia da farsi insieme a quelle parti della maggioranza che vogliono modificare la manovra: "Cercheremo il dialogo con le forze dell’attuale maggioranza, qualora volessero unirsi a noi per modificarla profondamente".

Quindi, riprendendo il tema che gli è caro dei "comunisti", ha raccontato: "Ho letto l’ultimo scritto di Stalin dove spiega che l’obiettivo comunista è togliere la moneta. Visco e Bersani ci stanno riuscendo. Hanno aperto la via fiscale al regime abolendo la moneta in tantissimi rapporti".

Il leader della Cdl è apparso particolarmente ottimista, soprattutto nel commentare i sondaggi che danno il centrodestra in vantaggio di quattro punti sull’Unione: ’Siamo avanti di sei punti tondi tondi". Il presidente in attesa di entrare in sala è stato costretto a sedersi su una poltrona a causa di un dolore al ginocchio destro. "Ieri - ha detto - alcuni giovani mi hanno sfidato sugli ottanta metri piani. Ho vinto io, ma dalla notte scorsa ho un forte dolore al ginocchio". (8 ottobre 2006)

*

www.repubblica.it, 08.10.2006


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: