Poster un message

En réponse à :
Donne e Diritto

ISLAM. Sherazade : la protagonista delle "Mille e una notte" era bella, intelligente e agguerrita, altro che una velina... Un’intervista a Fatema Mernissi

jeudi 12 octobre 2006 par Federico La Sala
[...] « La riforma della Moudawana, il Codice di statuto personale, sta portando molti cambiamenti. Certo, la tradizione è lenta a morire, ma una legge ha anche effetti immediati. Per esempio, i nuovi diritti della donna in caso di divorzio hanno scoraggiato molti uomini al matrimonio, mentre ci sono donne che, piuttosto che scegliere le vite delle loro madri, rinunciano alle nozze in giovane età. Se negli anni ’60 le donne che si sposavano prima dei vent’anni erano l’80%, oggi sono il 20% » (...)

En réponse à :

> ISLAM. Sherazade : la protagonista delle "Mille e una notte" era bella, intelligente e agguerrita, altro che una velina... -- Dal Marocco all’Iraq, dalla Siria allo Yemen. Così le donne arabe musicano la parola.

samedi 3 novembre 2007

poesia

Così le donne arabe musicano la parola

DI PIERANGELA ROSSI (Avvenire, 03.11.2007)

Dal Marocco all’Iraq, dalla Siria allo Yemen. Parlano del velo, certo, ma soprattutto d’amore e di non amore le poetesse arabe contemporanee. Proprio come se volessero - e alcune sono emigrate ­vestire abiti occidentali e liberare l’amore. In alcune zone del mondo arabo non possono firmare autografi in pubblico, e neppure recitare a voce alta un distico. Ad alcune è capitato di finire in carcere per gli scritti saggistici in favore della libertà e dell’emancipazione, altre sono fuggite, c’è chi ha perso il posto di lavoro in università dopo gli attacchi di un poeta islamico conservatore, alcune, come detto, sono in esilio in Occidente - Francia, Germania, Stati Uniti, Canada - , alcune hanno pubblicato in Paesi arabi - il Libano - più moderati.

Esce ora un’antologia a cura di Valentina Colombo, un’esperta, con una accurata introduzione, di poetesse arabe Non ho peccato abbastanza (citazione da Joumana Haddad), Piccola Biblioteca Oscar Mondadori. Scrive l’irachena Amal al-Juburi, emigrata negli Usa : « Oriente, che cosa mi hai fatto ? / Ti ho amato ma mi hai portato solo vergogna, / mi hai sfigurato come un esercito di cieche Sharazad, / hai superato ogni limite danzando sul mio corpo, / mi hai nutrita del desiderio delle stelle / nei rapidi istanti del fulmine.../ ma tutto ciò da dietro un velo ».

Della guerra scrive Dunya Mikhail, anch’essa irachena, anch’essa negli Stati Uniti : « La guerra / com’è / seria / attiva / e abile ! » per poi elencarne le nefandezze, e concludere « La guerra lavora molto / non ha simili / ma nessuno la loda ».

L’egiziana Iman Mersal, che vive in Canada, scrive una garbata poesia, « Ho un nome musicale » : « Forse la finestra alla quale mi sedevo / preannunciava una gloria straordinaria / Sui miei quaderni scrivevo : / Iman... / Iscritta alla scuola elementare ’Iman Mersal’ né la lunga bacchetta dell’insegnante / né le risate provenienti dai banchi in fondo potevano / farmi dimenticare la questione. // Pensavo di intitolarmi la nostra via / a condizione che le nostre case venissero ampliate » e via così.

Spesso si tratta di lunghi poemetti, ma non bisogna credere che la scrittura araba femminile sia cosa di oggi, viene da lontano, dall’antica Enheduanna, fino agli anni ’40 e ’70 del Novecento. Nel capitoletto « L’essenza femminile affiora dalle acque del Golfo », si fa notare, da Valentina Colombo, come anche nei paesi più refrattari alla poesia delle donne ora le poetesse crescano di numero. In altri Paesi sono giornaliste, insegnanti, direttrici di riviste, hanno un ruolo pubblico. Sono, comunque, molte.

-  A cura di Valentina Colombo
-  NON HO PECCATO ABBASTANZA
-  Oscar Mondadori. Pagine 292. Euro 9,00


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :