Inviare un messaggio

In risposta a:
"Gomorra" Italica!!!

PUGLIA. 2006-2012: TARANTO non ha piu’ un soldo, nemmeno per seppellire i morti!!! Un ’resoconto della situazione’ (2006) di Attilio Bolzoni, con allegati aggiornamenti sul caso Ilva (2012).

sabato 18 agosto 2012 di Federico La Sala
[...] Quella che segue è la ricostruzione dei fatti che hanno sprofondato una città del Sud in un gorgo di debiti, il più grande dissesto finanziario di un ente locale dal fallimento della Napoli dei vicerè degli Anni Ottanta. Un buco di quasi 500 milioni, un sindaco rovesciato dagli scandali, stipendi d’oro che hanno arricchito un clan di burocrati, un prefetto nominato a governare quella Puglia diventata famosa per Giancarlo Cito, intruglio tra un guappo e un picchiatore nero che si era (...)

In risposta a:

> "Gomorra" Italica !!! PUGLIA: il Comune di TARANTO non ha piu’ un soldo, nemmeno per seppellire i morti!!! Un ’resoconto della situazione’ di Attilio Bolzoni

giovedì 3 maggio 2007
Purtroppo nella vita bisogna fare i conti con tante avversità e per superare gli ostacoli non è importante essere dei dottori o degli illuminari il sapersi porre alle persone no fa di un uomo uno da avere come esempio. In determinate circostanze c’è bisogno di gente con i calli alle mani, umile e che ama ciò che fa quanto in quello in cui crede. Ora Giancarlo Cito può essere tutto quello che volete ma è stato l’unico a sollevare la città di taranto come mai in 25/30 anni, ricordo che nel 1995 taranto era tra le prime otto città d’italia più vivibili e laddove altri specularono, il Sig. Cito, con poco, a ridato ai tarantini ordine nelle strade, illuminazione, pulizia e soprattutto un lungomare che da oltre un decennio era chiuso ai cittadini, la villa peripato che era diventato un luogo di spaccio e di drogati, la pineta cimino ormai abbandonata a se stessa, la fontana di piazza ebalia, era riuscito a sensibilizzare i cittadini a non usare i marciapiedi come parcheggio per auto o corsie preferenziali per motociclisti, ad usare i cestini dell’immondizia per i rifiuti minuti (carte, fazzoletti...), a reso la zona di S. Vito più vivibile con illuminazioni e zone verdi, insomma, il Sig. Cito è stato l’unico vero SINDACO di Taranto. Mi urge però sottolineare che coloro che lo susseguirono, membri del suo stesso partito, non furono all’altezza della situazione quindi in conclusione, per quanto mi riguarda, ho una forte ammirazione e stima nell’uomo e nella figura politica del solo e soltanto Sig. ormai Dott. Giancarlo Cito . P. S. alla sig.ra Di Bello (signora è stata volutamente scritta in piccolo perchè per me non vale nemmeno quel titolo), che ha ancora la faccia tosta di organizzare feste private per il suo compleanno e farsi vedere ancora in giro, auguro di stare sempre bene in salute perchè solo così potrò vedere la sua rovina...i soldi danno tutto tranne l’eternità...!!!!

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: