Poster un message

En réponse à :
Afghanistan

APPELLO DEI MUSULMANI E DELL’ UCOII (Unione delle Comunitą Islamiche Italiane) : « Liberate il fratello Kash Torsello ».

mercredi 25 octobre 2006 par Federico La Sala
[...] L’appello via Internet partito dalle comunitą islamiche in Italia viene definito « un fatto sicuramente positivo » dal capo della Farnesina, il ministro Massimo D’Alema. Ma non č l’unico. Anche singoli imam hanno fatto appello alla liberazione di "Kash", il nome con cui Torsello si faceva chiamare in Afghanistan che ricorda il suo lavoro di fotografia sul Kashmir e la sua permanenza qualche anno fa nell’enclave musulmana a confine tra Pakistan e India. Il sito Peacereporter, collegato a (...)

En réponse à :

> APPELLO DEI MUSULMANI E DELL’ UCOII (Unione delle Comunitą Islamiche Italiane) : « Liberate il fratello Kash Torsello ».

samedi 28 octobre 2006

Dopo la madre del fotoreporter, oggi anche la moglie chiede il rilascio con un messaggio bilingue. Su Al Jazeera

Appello in italiano e arabo per Torsello "Mio marito prega con voi, liberatelo" *

ANCONA - Secondo appello dei familiari per la liberazione di Gabriele Torsello, il fotoreporter italiano rapito in Afghanistan. Dopo quello della madre trasmesso ieri sera sia dal Tg2 che da Al Jazeera, oggi la moglie del freelance ha lanciato un appello in italiano e arabo durante la manifestazione ad Ancona in occasione della fine del Ramadan, organizzata dall’Unione delle comunitą islamica in Italia (Ucoii).

"Al Salam aleikum. Gabriele č un fotoreporter italiano sequestrato 16 giorni fa in Afghanistan - questo il testo dell’ appello letto in italiano dalla moglie Silvia e in arabo dal presidente dell’Ucoii, Mohamed Nour Dachan, davanti alle televisioni e ai giornalisti - dove č andato a dare voce a chi non ha voce, voleva parlare della vita quotidiana della gente, e la sofferenza del popolo, della vita degli afgani. Gabriele stima il popolo afgano, ha lavorato tanti anni in Kashmir e da due anni sta lavorando per l’Afghanistan. Gabriele - prosegue il testo - č una persona pulita e trasparente, č un uomo vero che vuole fare il suo lavoro, č un fotoreporter. Vi preghiamo con tutto il cuore di liberarlo perchč possa tornare nella sua famiglia".

"Gabriele ha scritto a mamma Vittoria che ama l’Afganistan e il popolo afgano. Gabriele - prosegue il testo - ama tanto il mondo islamico tant’č che ha abbracciato la fede islamica. Nessuna madre, nessun padre, nessuna moglie e nessun figlio vorrebbero che il loro congiunto si trovasse in questa situazione - conclude - Ciao Gabriele, ti aspettiamo", ha concluso la moglie, aggiungendo in arabo il saluto ’Che Dio sia con voi’.

Ad Ancona ci sono, oltre alla moglie Silvia, il padre Marcello, il figlioletto di 4 anni Gabriele e tre cugini del fotoreporter. L’appello dovrebbe essere trasmesso questa sera dall’ emittente araba Al Jazeera insieme ad un altro appello, pronunciato da Dachan a nome dell’Ucoii e dei musulmani d’Italia. (28 ottobre 2006)

* www.repubblica.it, 28.10.2006


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :