Poster un message

En réponse à :
Deus "charitas" est (1 Gv., 4. 1-16) ... non "Deus caritas est" (Benedetto XVI, 2006) !!! In Vaticano non c’è solo la Sfinge, ma c’è la peste e c’è Edipo....

MESSAGGIO EU-ANGELICO E TRADIMENTO STRUTTURALE DELLA FIDUCIA. Benedetto XVI ai vescovi d’Irlanda, sulla pedofilia : gli abusi sessuali sui minori sono "crimini abnormi" (2006). E il rapporto della Child Abuse Commission (2009).

IRLANDA : RAPPORTO-SHOCK SU ABUSI FATTI DA RELIGIOSI CATTOLICI AI DANNI DEI MINORI
jeudi 21 mai 2009 par Federico La Sala
IRLANDA : RAPPORTO-SHOCK SU ABUSI FATTI DA RELIGIOSI CATTOLICI *
LONDRA - "Centinaia" di preti e suore cattolici irlandesi sono stati coinvolti in abusi sessuali e fisici ai danni di minori in istituzioni pubbliche in Irlanda : lo afferma il rapporto della Child Abuse Commission, che ha condotto la più grande indagine di sempre sugli ordini religiosi irlandesi. Lo scrive la stampa britannica.
Il rapporto (3.500 pagine) ha raccolto le testimonianze di circa 2.500 vittime di questi abusi tra (...)

En réponse à :

> MESSAGGIO EU-ANGELICO E TRADIMENTO STRUTTURALE DELLA FIDUCIA. --- Preti pedofili, la promessa del Papa : "Crimini odiosi, interverremo in Irlanda".

vendredi 11 décembre 2009

Lettera pastorale dopo gli abusi nei confronti dei minori nell’arcidiocesi di Dublino Il Pontefice : "Rabbia e vergogna. Scriverò ai fedeli". Annunciati provvedimenti sui responsabili

-  Preti pedofili, la promessa del Papa
-  "Crimini odiosi, interverremo in Irlanda"
*

ROMA - Il Papa prova "rabbia e vergogna" per gli abusi sessuali compiuti da alcuni preti irlandesi nei confronti di bambini. "Sono crimini odiosi. Indicherò con chiarezza le iniziative da prendere". Per un’ora e mezza il Pontefice si è riunito in Vaticano con il presidente della Conferenza episcopale irlandese e l’arcivescovo di Dublino. Insieme hanno riletto il Rapporto Ryan, l’inchiesta statale sugli abusi sessuali commessi su 2.500 bambini delle scuole cattoliche tra il 1940 e il 1980. E alla fine il Pontefice ha promesso un intervento a carico dei responsabili. "La Santa Sede prende molto sul serio la questione", ha detto il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi.

Alla vigilia del vertice in Vaticano, i vescovi d’Irlanda avevano chiesto pubblicamente scusa per gli episodi di pedofilia e per il tentato insabbiamento dello scandalo : "Chiediamo scusa a coloro che hanno subito gli abusi dei sacerdoti quando erano piccoli, ai loro familiari e a tutti coloro che, giustamente, se ne sono scandalizzati",hanno scritto i vescovi irlandesi. "Ci sentiamo anche coperti di vergogna di fronte ai tentativi di insabbiamento messi in atto dall’arcivescovato di Dublino".

Ma per Benedetto XVI non basta : "Quel clero ha tradito le solenni promesse", tuona il Papa che intende inviare una "lettera pastorale ai fedeli irlandesi in cui indicherà chiaramente le iniziative da prendere in risposta alla situazione". Forse già oggi alcuni vescovi irlandesi potrebbero rassegnare le dimissioni.

Il Papa chiede scusa per una delle pagine più nere della storia della Chiesa cattolica. "Fu un abuso sessuale sistematico e ampiamente diffuso ai danni di bambini e adolescenti di entrambi i sessi, in scuole, orfanotrofi e riformatori gestiti da cattolici", documenta i Rapporto Ryan. Racconti atroci, di uomini e donne oggi adulti che ricordano di essere stati picchiati, seviziati, stuprati talvolta da più persone contemporaneamente. Le vittime erano spesso giovani "difficili", orfani, disabili, abbandonati, che speravano di ricevere dalla Chiesa il conforto che non avevano mai conosciuto e si sono ritrovati invece inghiottiti in un orrore.

* la Repubblica, 11 dicembre 2009


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :