Poster un message

En réponse à :
Finanziaria

La fantastica storia del bollo pazzo

Come verranno colpiti gli italiani
lundi 30 octobre 2006 par Mauro Diana
Venghino, signori venghino !. Mai frase più semplice può rappresentare al meglio la situazione politica italiana. Una situazione a dir poco circense. Il ministro Mastella prima libera i carcerati con l’indulto e poi, quando questi “riprendono l’attività” criminale, vuole mandare l’esercito. Si fa la finanziaria stravolgendo la teoria del “chi più inquina, più paga”, ma non si considera che ognuno vuole acquistare l’auto che più lo soddisfa.
Infatti, invece di abolire (...)

En réponse à :

> La fantastica storia del bollo pazzo

mardi 31 octobre 2006

BOLLO AUTO CAMBIA ANCORA, SGRAVI PER OVER-75 (ANSA)

ROMA - Bollo auto, si cambia ancora. E forse non è nemmeno l’ ultima modifica. Per ora niente più sovrattassa sui Suv : arriva un super-bollo che riguarderà tutte le auto di grossa cilindrata, compresi i gipponi. Ma non è l’unica novità della Finanziaria arrivata oggi : si alza la soglia di esenzione dalle tasse per gli over-75. E ancora : il governo ha rivisto di nuovo la rimodulazione Irpef, confermando che sotto i 40.000 euro nessuno ci perderà. L’ emendamento però non è ancora arrivato e la maggioranza spinge per ulteriori modifiche, in particolare sul superbollo. Potrebbe essere alzata la soglia che aumenta la tassa sopra i 100kw. "Il governo è aperto alle modifiche - ha detto il sottosegretario alle Finanze, Alfiero Grandi - La soglia di 100 kw non è la linea Maginot". E’ invece stato presentato l’emendamento che ridisegna il patto di stabilità interno e che conferma un impatto sui Comuni della Finanziaria di 1,5 miliardi di euro, meno gravoso dei 2,8 miliardi ipotizzati in un primo tempo. A far discutere è soprattutto il nuovo ritocco sul bollo. Il primo tra i commenti arrivati è quello del presidente di Confindustria (nonché al vertice di Fiat e Ferrari), Luca Cordero di Montezemolo : "Ce n’é una ogni ora. Aspetto che si capisca qualcosa". Sui bolli è l’ennesimo cambiamento da parte del governo che prima aveva lanciato il bollo gratis per le nuove auto e le nuove moto non inquinanti e aveva messo una sovrattassa per i Suv ; poi aveva deciso di impiegare in altro modo quelle risorse, tornando indietro sull’esenzione (che però ancora compare nelle pubblicità delle case automobilistiche). E ora cambia invece la sovrattassa che non riguarderà solo i Suv ma tutte le auto sopra i 100 kilowatt. Ecco le novità di oggi.

-  SUPERBOLLO PER AUTO DI GRANDE CILINDRATA. Le uniche auto che non avranno rincari saranno le euro 4 fino a 100 kw : pagheranno 2,58 euro a kw. Il bollo poi sale per le auto più inquinanti, con un ulteriore rincaro per le auto sopra i 100 kw che pagheranno, oltre questa soglia, 1,3-1,5 euro in più per chilovattore. Ad esempio, una euro 3 pagherà 2,70 euro fino a 100 kw e 4,05 euro per kw sopra questa soglia. Le più tartassate saranno le vetture Euro 0 : 3,00 euro sotto i 100 kw, e poi 4,5 euro per kw sopra questa soglia. Ma altre modifiche potrebbero arrivare, alzando ora la linea di aggravio fissata oltre i 100 kw.

-  SALE NO TAX AREA PER OVER-75. Il rincaro dei bolli servirà a finanziare sgravi per i pensionati ultrasettantacinquenni. Per loro sarà previsto un ulteriore ampliamento della fascia di reddito esente, dalle tasse da 7.500 a 7.750 euro. E questo avrà un effetto di alleggerimento anche per i pensionati dei scaglioni di reddito successivi.

-  IRPEF, ALIQUOTE NON SI TOCCANO. Resterebbero come punto fermo anche gli scaglioni di reddito previsti nell’emendamento del governo e dunque la maggioranza dovrebbe ritirare le proprie proposte di modifica che chiedevano un’aliquota al 45% per i redditi più alti. "Non sono state ritoccate né le aliquote, né gli scaglioni - ha spiegato Visco - perché spostare un solo euro può avere effetti enormi. Abbiamo agito su detrazioni e assegni familiari". Di fatto le detrazioni, già aumentate, saranno ritoccate all’ insù per i redditi tra i 23.000 e i 28.000 euro (con un incremento tra 10 e 40 euro) per evitare ’scalini fiscali’ che penalizzavano i lavoratori dipendenti di questa fascia di reddito.

-  VIA AUTOMATISMI PER COMPENSAZIONE IVA : Non ci saranno più automatismi nelle compensazioni dell’ Iva : i contribuenti che utilizzano i versamenti on line (cioé tutti coloro che hanno la partita Iva) dovranno presentare una richiesta preventiva sei giorni prima del versamento con compensazione. La richiesta va presentata entro il 10 del mese per i versamenti che si effettuano il 16. Varrà il silenzio assenso ma l’ Agenzia delle Entrate potrà negare l’ autorizzazione : lo farà per i contribuenti che nel passato hanno già vantato crediti inesistenti, costringendo poi il fisco a richiedere il pagamento dovuto con una procedura costosa e inviando una cartella esattoriale.

-  PESO MANOVRA SU COMUNI SCENDE A 1,5 MLD. Per i Comuni "si riducono i margini di incertezze". Questo, secondo il sottosegretario all’Economia Nicola Sartor, il senso dell’emendamento del governo alla Finanziaria arrivato oggi in commissione Bilancio alla Camera. L’intervento diretto a carico dei Comuni, dunque, si conferma a 1,5 miliardi di euro per il 2007. Viene recepita la richiesta degli enti locali che hanno chiesto l’inclusione nelle regole del patto di stabilità interno delle spese in conti capitale cofinanziate dalla Ue e dalle quote di parte nazionale e delle spese per interventi correlati alla legge obiettivo senza alcuna modifica per i saldi di finanzia pubblica.

-  COMPARTECIPAZIONE REGIONI ACCISA GASOLIO. Un emendamento in questo senso sta per essere presentato dal governo alla Finanziaria, secondo quanto ha preannunciato Sartor.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :