Poster un message

En réponse à :
"Pietà per il mondo, venga il nuovo sapere"(M. Serres, Distacco, 1986) !!!

LA STATUA DELLA LIBERTÀ DEGLI U.S.A. - CON LA SPADA SGUAINATA : "GUAI AI VINTI" !!! LA LEZIONE DI FRANZ KAFKA, IL MAESTRO DELLA LEGGE : RIPENSARE L’AMERICA. E il sogno del "nuovo mondo" !!!

"IN GOD WE TRUST" : TUTTO A CARO-PREZZO ("DEUS CARITAS EST") !!! IL DERAGLIAMENTO DELLA DEMOCRAZIA E BUSH CHE FA LA "BELLA STATUINA".
mardi 12 juin 2007 par Federico La Sala
[...] Sull’orlo dell’abisso, non ci resta che venir fuori dallo stato (cartesiano-hegeliano) di sonnambulismo : seguire il filo del corpo (l’ombelico !), riacchiappare il senso della vita, e riattivare la memoria delle origini. Con Kant, con Feuerbach, con Marx, con Nietzsche, con Freud, con Rosenzweig, con Buber, e con Kafka ... si tratta di capire il significato della “spada” impugnata dalla “Statua della Libertà” [...]
"Potrei, per me, pensare un altro Abramo" (F. (...)

En réponse à :

> LA STATUA DELLA LIBERTA’ DEGLI U.S.A. - CON LA SPADA SGUAINATA : "GUAI AI VINTI" !!! "IN GOD WE TRUST" : TUTTO A CARO-PREZZO ("DEUS CARITAS EST") !!! LA LEZIONE DI FRANZ KAFKA, IL MAESTRO DELLA LEGGE. IL DERAGLIAMENTO DELLA DEMOCRAZIA E BUSH CHE FA LA "BELLA STATUINA"(Barbara Spinelli). RIPENSARE L’"AMERICA". E il sogno del "nuovo mondo" !!!

lundi 9 juillet 2007

Il Comitato di cittadini e lavoratori di Vicenza Est

www.comitatovicenzaest.splinder.com/ ,

che si oppongono al progetto Dal Molin e chiedono la conversione ad usi civili della Caserma Ederle è lieto di invitarvi alla conferenza stampa con il Prof. Philip Rushton, Università di Napoli, autore del libro "Riportiamoli a casa - il dissenso nelle forze armate staunitensi" e Chris Capp, disertore americano impegnato con i movimenti per la pace per la fine della guerra e il ritiro delle truppe dal fronte.

Durante la conferenza verranno brevemente illustrati i progetti del Comitato Vicenza Est per lasciare spazio ai prestigiosi ospiti. Seguirà l’iniziativa "La Pace urlata al Megafono" di fronte alla Caserma Edrle per invitare i soldati a non partecipare alla guerra e a dissociarsi dai progetti di militarizzazione.

La conferenza stampa si svolgerà il giorno 12 luglio alle ore 18 presso i locali della Cooperativa Insieme, in Via Dalla Scola 255 a Vicenza. L’iniziativa di fronte alla Caserma Ederle si svolgerà alla sera. Le iniziative sono realizzate in collaborazione con altri importanti gruppi e comitati del movimento No Dal Molin-No Vicenza città militare la cui lista verrà diffusa durante la conferenza stampa (le adesioni sono in corso).

Sono previste iniziative della "Pace urlata al megafono" di fronte ad altri siti militari in città il giorno 13 luglio.

Siamo già in grado di diffondere la lettera scritta da Chris Capps che verrà distribuita di fronte alla Caserma Ederle, che risulta essere centro di progettazione e preparazione delle guerre in corso.

Per contatti mailto:comitato.viest@libero.it>comitato.viest@libero.it

Italiani, e soldati di stanza in Italia, mi chiamo Chris Capps. Ero di stanza in Germania poco prima del mio dislocamento a Baghdad, Iraq. Dopo averci completato il mio turno di servizio sono stato riportato in Germania dove ho appreso che fra meno di 9 mesi sarei stato inviato in Afghanistan. Per me far parte di un’occupazione, anche quando non si è nel ruolo di combattente diretto significa partecipare nell’oppressione del popolo indigeno del paese che stavo occupando. Per me tale situazione era inaccettabile e ho capito come uscire dall’esercito allontanandomi senza permesso. Ormai sono fuori dall’esercito e faccio parte di un’organizzazione che si chiama Veterani dell’Iraq contro la guerra (Iraq Veterans Against the War).

Sono qui in Italia come parte di un’iniziativa per prendere contatti con soldati che si trovano di stanza qui e farli capire che non sono soli nei sentimenti di disagio che provano nei confronti del conflitto in Iraq. Come ho imparato in prima persona, esistono altre scelte oltre a quella di accettare di essere inviato in missione. Mi trovo qui come ospite dei gruppi di pace locali in Italia che non vogliono assistere passivi né alla continuazione dell’attuale conflitto né al vostro coinvolgimento nello stesso. Non vogliono assistere a un’occupazione che venga supportata dal proprio territorio, né vogliono accettare che voi, i loro attuali vicini di casa, vengano inviati a fare parte dello stesso conflitto. Spero che ascoltiate sia la maggioranza degli Americani sia la maggioranza degli italiani che vogliono porre fine ora a tutto ciò.

Chris Capps


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :