Poster un message

En réponse à :
Per la dignità e la libertà di tutti gli esseri umani ...

UBUNTU : "Le persone diventano persone grazie ad altre persone". NELSON MANDELA, UN COMBATTENTE SUL RING DELLA STORIA. Il ritratto attraverso le immagini.

samedi 28 juin 2008 par Federico La Sala
[...] "Nel giudicare i nostri progressi individuali ci concentriamo su fattori esterni, come la posizione sociale, la popolarità, l’autorità, la ricchezza, il livello culturale. Ma i fattori interni possono essere più decisivi : onestà, sincerità, semplicità, purezza, generosità, disponibilità ad aiutare gli altri. Qualità interne alla ricchezza di un’anima".
Così scriveva Nelson Mandela alla moglie Winnie, in una delle tante lettere dal carcere durante i 27 anni di prigionia. (...)

En réponse à :

> UBUNTU : "Le persone diventano persone grazie ad altre persone". --- Sudafrica, Zuma : Mandela peggiora. "Adesso è in condizioni critiche".

lundi 24 juin 2013


-  Sudafrica, Zuma : Mandela peggiora.
-  "Adesso è in condizioni critiche"

-  L’annuncio è stato fatto da Mac Maharaj, portavoce del presidente sudafricano. Il leader della lotta all’apartheid dallo scorso 8 giugno è in un ospedale di Pretoria per un’infezione polmonare *

JOHANNESBURG - L’ultimo annuncio ottimista da parte della presidenza sudafricana risale a ieri. Nelson Mandela resta "grave ma stabile", aveva precisato una nota ufficiale. Ma oggi la situazione è precipitata e le sue condizioni sono state definite "critiche" . Lo ha reso noto Mac Maharaj, portavoce del presidente Jacob Zuma. Mandela è ormai ricoverato in un ospedale di Pretoria da 16 giorni per la recrudescenza di una grave infezione polmonare che ha la sua origine nei 27 duri anni di prigione. In una nota diffusa in serata, si legge che i medici "stanno facendo tutto il possibile" per far sì che le sue condizioni "migliorino".

L’ufficio del presidente fa sapere che Zuma ha fatto visita a Madiba in ospedale e che è peggiorato nelle ultime 24 ore. Al suo capezzale ci sono la moglie, Graca Machel, e il vicepresidente dell’Anc (il partito che fu di Mandela, al governo), Cyril Ramaphosa.

Ieri la presidenza aveva anche confermato le notizie di stampa secondo la quali l’ambulanza militare che l’aveva trasportato in ospedale aveva subito un guasto. Il veicolo era stato subito sostituito con un altro, si leggeva nella nota in cui veniva ribadito l’appello al rispetto della privacy di Mandela e alla collaborazione dei media.

Negli ultimi anni la salute del premio Nobel è diventata sempre più fragile. È la quarta volta che Nelson Mandela viene ricoverato negli ultimi sei mesi. Rimase in ospedale per quasi tutto dicembre, poi a gennaio per controlli, poi in aprile per una rinnovata crisi polmonare, poi l’8 giugno i medici avevano riscontrato una ripresa dell’infezione ai polmoni. Tra questi due ultimi ricoveri c’era stata, in maggio, la diffusione di un video che lo ritraeva in casa, immobile, taciturno, corrucciato, visibilmente impedito e sofferente (nella foto).

Lo scopo dell’operazione era di mostrare ai sudafricani increduli e angosciati che il vecchio padre della patria era ancora vivo, ma l’effetto fu opposto, perché nelle immagini si vedeva soltanto un uomo ridotto all’ombra di se stesso. Le sue condizioni sono "gravi, ma stabili", diceva il primo comunicato letto sabato dal portavoce presidenziale Mac Maharaj, un altro ex detenuto di Robben Island. Da allora i medici non hanno aggiunto nulla. Nessuna novità era trapelata dall’ospedale di Pretoria. Fino a questa sera.

* la Repubblica, 23 giugno 2013


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :