Poster un message

En réponse à :
Per la dignità e la libertà di tutti gli esseri umani ...

UBUNTU : "Le persone diventano persone grazie ad altre persone". NELSON MANDELA, UN COMBATTENTE SUL RING DELLA STORIA. Il ritratto attraverso le immagini.

samedi 28 juin 2008 par Federico La Sala
[...] "Nel giudicare i nostri progressi individuali ci concentriamo su fattori esterni, come la posizione sociale, la popolarità, l’autorità, la ricchezza, il livello culturale. Ma i fattori interni possono essere più decisivi : onestà, sincerità, semplicità, purezza, generosità, disponibilità ad aiutare gli altri. Qualità interne alla ricchezza di un’anima".
Così scriveva Nelson Mandela alla moglie Winnie, in una delle tante lettere dal carcere durante i 27 anni di prigionia. (...)

En réponse à :

> UBUNTU : "Le persone diventano persone grazie ad altre persone" !!! --- MANDELA : 90 ANNI. A LONDRA, FESTA DI COMPLEANNO.... ’’Vent’anni fa - ha detto Mandela con voce sicura e lenta, mentre nel grande parco londinese calava un silenzio assoluto - Londra ospito’ questo concerto che chiedeva la nostra liberta’, che ci ispiro’ nelle nostre prigioni. Stasera siamo qui liberi, e siamo onorati. Ma anche se siamo qui a festeggiare, il nostro lavoro non e’ finito. Perche’c’e’ poverta’, oppressione, aids. Il nostro lavoro vuole portare la liberta’ a tutti... stasera diciamo, a quasi 90 anni, e’ tempo di avere nuove mani per sollevare questo fardello’’. ’’E’ nelle vostre mani’’, ha detto l’anziano leader, ripetendo lo slogan della campagna anti Aids 46664. Poi si e’ allontanato tra le ovazioni della folla. Per tutto il concerto, Mandela e’ stato nella tribuna d’onore con accanto il premier Gordon Brown, mentre una sfilza di celebrita’ passavano ad omaggiarlo.

samedi 28 juin 2008

Ansa » 2008-06-27 23:39

MANDELA : 90 ANNI, AMY WINEHOUSE REGINA DELLO SHOW

LONDRA - Una grande festa con decine di star del pop e del rock con quasi 50.000 persone, un tributo politico-musicale a un uomo che simboleggia la lotta contro tutte le oppressioni, una notte di mobilitazione contro l’aids : il concerto per i 90 anni di Nelson Mandela e’ stato tutto questo, anche se dal punto di vista strettamente musicale forse non e’ stato indimenticabile, come fu il Live Aid o il concerto londinese del 1988 che chiedeva la liberta’ proprio di Mandela. Ma quando il grande leader sudafricano, simbolo della lotta per i diritti umani, e’ apparso sul palco di Hyde Park, intensissimo nonostante la fragilita’ dei suoi quasi 90 anni, il concerto 46664 (era il numero del carcerato Mandela nei suoi 27 anni in cella) di Londra si e’ trasformato in un evento emozionante, memorabile.

Da Zucchero ai Queen, da Jamelia a Joan Baez, da Johnny Clegg all’attesissima Amy Winehouse (decisamente la regina della serata, in buona forma, nonostante l’enfisema che l’ha fatta finire in clinica fino a qualche giorno fa), ai molti artisti sudafricani, tutti hanno augurato un calorosissimo buon compleanno a Mandela. Nuvole nere e vento hanno accolto i 46664 spettatori paganti. Come sempre, nei concerti in Inghilterra, l’attenzione e la partecipazione del pubblico sono modeste, persino a un evento che si vuole ’storico’ come questo : la gente chiacchiera durante la musica, ma soprattutto fa avanti e indietro per procacciarsi la birra. Uno slancio emotivo (negativo) lo ha provocato il video di ’tanti auguri’ di Victoria Beckham sul maxischermo (insieme a quelli di Richard Branson, dello chef Gordon Ramsey e di altri vip piu’ o meno conosciuti), accolto da un boato di fischi. Qualche applauso convinto lo strappano Leona Lewis, bellissima regina delle chart Usa e Gb, e anche la straordinaria Jamelia. Per il resto, quasi una scampagnata del weekend al palco, per i piu’. Le cose sono cambiate pero’ quando e’ arrivato lo statista, che avanzava a fatica, sorridente solo a momenti, e ha preso la parola dopo che dal pubblico e’ esploso un calorosissimo ’happy birthday’.

Sul palco, quasi tutti gli artisti della serata. ’’Vent’anni fa - ha detto Mandela con voce sicura e lenta, mentre nel grande parco londinese calava un silenzio assoluto - Londra ospito’ questo concerto che chiedeva la nostra liberta’, che ci ispiro’ nelle nostre prigioni. Stasera siamo qui liberi, e siamo onorati. Ma anche se siamo qui a festeggiare, il nostro lavoro non e’ finito. Perche’c’e’ poverta’, oppressione, aids. Il nostro lavoro vuole portare la liberta’ a tutti... stasera diciamo, a quasi 90 anni, e’ tempo di avere nuove mani per sollevare questo fardello’’. ’’E’ nelle vostre mani’’, ha detto l’anziano leader, ripetendo lo slogan della campagna anti Aids 46664. Poi si e’ allontanato tra le ovazioni della folla. Per tutto il concerto, Mandela e’ stato nella tribuna d’onore con accanto il premier Gordon Brown, mentre una sfilza di celebrita’ passavano ad omaggiarlo.

A Hyde Park c’era anche Zucchero, che ha augurato il suo Buon Compleanno a Mandela interpretando al piano sul palco di Hyde Park a Londra ’Everybody’s got to learn sometime’, insieme a Jivan Gasparyan, grande compositore autore tra l’altro della colonna sonora de ’Il gladiatore’. Senza intoppi, ma anche senza grandi brividi, il concerto si e’ concluso, mentre sui grandi schermi scorrevano le migliaia di messaggi di buon compleanno inviati da tutto il mondo al sito del concerto, e sul palco scorrevano Annie Lennox, Simple Minds (sempre travolgenti Don’t you forget about me e Mandela day), Eddie Grant, Queen (gli unici a fare un mini concerto), e nel gran finale, ancora Amy Winehouse superstar a guidare tutti gli altri, per una Free Nelson Mandela, inno della lotta all’apartheid. Lo show verra’ ritrasmesso da Mtv Italia domenica alle 20, per chi l’avesse perso.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :