Poster un message

En réponse à :
Per il dialogo e la pace : Eu-ropa !!!

ITALIA e CHIESA CATTOLICA. Oggi, 20 novembre 2006, l’incontro tra il nostro Presidente della Repubblica e Papa Benedetto XVI, tra Giorgio Napolitano e Joseph Ratzinger. Dalla "Voce di Fiore" un buon-auspicio : che "DUE SOLI" (Dante) illuminino il cielo della nostra Terra !!!

lundi 20 novembre 2006 par Federico La Sala
[...] Sicuramente nel colloquio tra papa e presidente (accompagnato dalla moglie Clio) ritornerà il tema, tanto caro a Karol Woytjla, delle radici cristiane dell’Europa, che inutilmente il papa recentemente scomparso si sforzò di far inserire nella costituzione europea. Alla questione Napolitano dedicò, nel maggio scorso, alcune righe del suo messaggio d’insediamento. Per dire che "si deve laicamente riconoscere la dimensione sociale e pubblica del fatto religioso e lo svilupparsi concreto (...)

En réponse à :

> ITALIA e CHIESA CATTOLICA. Oggi, 20 novembre 2006, l’incontro tra il nostro Presidente della Repubblica e Papa Benedetto XVI, tra Giorgio Napolitano e Joseph Ratzinger. Dalla "Voce di Fiore" un buon-auspicio : che "DUE SOLI" (Dante) illuminino il cielo della nostra Terra !!!

vendredi 24 novembre 2006

Il Papa : abbattere i pregiudizi su Aids

Bendetto XVI : « Atteggiamento di indifferenza e persino di esclusione e rigetto nei confronti dei malati » *

CITTA’ DEL VATICANO - Il Papa è preoccupato per la situazione dell’Aids e delle malattie infettive in tutto il mondo. « Impressionante è il numero e la varietà dei modi con cui esse minacciano, speso mortalmente, la vita umana anche in questo nostro tempo - ha detto il pontefice incontrando questa mattina i partecipanti allaXXI Conferenza internazionale promossa dal Pontificio Consiglio per la Pastorale della Salute sul tema ’Aspetto pastorali della cura delle malattie infettivè - termini quali lebbra, peste, tubercolosi, Aids, ebola evocano drammatici scenari di dolore e di paura. Dolore per le vittime e per i loro cari, spesso schiacciati da un senso di impotenza di fronte alla gravità inesorabile del male ».

« Tra i pregiudizi che ostacolano o limitano un aiuto efficace alle vittime di malattie infettive - ha proseguito il pontefice - c’è l’atteggiamento di indifferenza e persino di esclusione e rigetto nei loro confronti, che emerge a volte nella società del benessere. È una pericolosa tendenza culturale - ha osservato ancora Benedetto XVI - che porta a porre se stessi al centro, a chiudersi nel proprio piccolo mondo, a rifuggire dall’impegnarsi nel servire chi è nel bisogno ».

Di fronte al flagello di queste malattie infettive, « l’impegno umano - ha scandito Benedetto XVI - non deve mai arrendersi nel cercare mezzi e modalità di intervento più efficaci per combattere questi mali e per ridurre i disagi di quanti ne sono vittime ». Infine, Papa Ratzinger ha ribadito « quanto sia importante la collaborazione con le varie istanze pubbliche, perché venga attuata la giustizia sociale in un delicato settore come quello della cura e dell’assistenza ai malati infettivi ». E su questo il Papa ha accennato « all’ equa distribuzione delle risorse per la ricerca e la terapia, come pure alla promozione di condizioni di vita che frenino l’insorgere e l’espandersi delle malattie infettive ».

* La Stampa, 24.11.2006


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :