Poster un message

En réponse à :
Chi siamo noi, in realtà ?! Chi educa chi ?!

ITALIA. PAESE IMPAZZITO : BULLISMO ... GENERALE E DI STATO. Una questione antropologica e "teologico-politica" !!! Collodi (e Calvino ce lo ha ben detto e ripetuto !!!) aveva già gettato l’allarme : "la bulimia esistenziale nel Paese dei Balocchi" (Michele Serra) trasforma in "asino" (oggi, in "toro" -"bull") e non è dei "Pinocchio", ma degli adulti ... e di "Geppetto" e "Maria", che non sanno ancora "come nascono i bambini"(Freud) ... e "come si diventa ciò che si è" (Nietzsche) !!!

"C’era una volta. - Un re ! - diranno subito i miei piccoli lettori. - No, ragazzi, avete sbagliato. C’era una volta un pezzo di legno" !!!
dimanche 19 novembre 2006 par Federico La Sala
[...] Ognuno di noi sperimenta su se stesso, e più ancora sui figli, se ne ha, l’enorme difficoltà di introdurre, in questo meccanismo rotto, un calmiere, un contrappeso etico. Se l’aggressività dei minori ci spaventa più di quanto è fisiologico, questo dipende, io credo, dal fatto che la paura si manifesta per causa loro, ma non è paura di loro : è la paura - profondissima - di avere perduto in gran parte gli strumenti per affrontarla. E’ la paura di avere reso inarticolato il linguaggio (...)

En réponse à :

> PAESE IMPAZZITO : BULLISMO ... GENERALE E DI STATO. Una questione antropologica e "teologico-politica" !!!

lundi 19 février 2007

Giovanni Bollea : « Il telefonino deve essere vietato, come a teatro »

di Massimo Franchi *

« Non è diminuita l’autorevolezza della scuola, è diminuito il rapporto genitori-scuola e genitori-figli ». Con la lucidità che solo un 93enne come lui può avere, Giovanni Bollea è « preoccupato, ma ottimista » per il futuro della scuola italiana. Gli episodi di cronaca che hanno fatto parlare di emergenza bullismo portano il neuropsichiatra infantile a chiedere « a tutti un’assunzione di responsabilità ». Ieri ha accolto il suo sesto pronipote (Francesco) che come tutti gli altri crescerà con la massima del bisnonno : « Un bambino felice sarà un adulto maturo ».

Professor Bollea, non passa giorno che non si parli di bullismo e filmati pornografici su internet. Cosa sta succedendo agli adolescenti italiani ?

« Da sempre l’adolescenza è un momento di scombussolamento. Oggi poi abbiamo un più veloce sviluppo dell’intelligenza : i ragazzi dai 10 ai 13 anni sono più precoci, dal punto di vista intellettivo sono al livello di un 15enne di 20 anni fa. Di diverso ci sono stampa, tv e internet che amplificano esempi deleteri che possono rovinare anche le belle intelligenze : non devono essere educate con “Saranno famosi” o lavori consimili. Su internet la creazione di filtri da frapporre in modo che certi esempi e settori non siano alla portata di tutti è da auspicare ».

E la scuola come può attrezzarsi per evitare che accadano cose del genere ?

« Il fenomeno del bullismo è cambiato. Una volta avveniva prevalentemente in classe, ora è invece fuori dalle aule che gruppi di compagni rubano il telefonino o picchiano i loro coetanei. Il problema è che con questi episodi la scuola si sente troppo sotto accusa da parte di media e genitori e quindi non riesce a reagire e a portare avanti al meglio la sua funzione educativa. Quasi tutti gli episodi sono a sfondo sessuale : ebbene, perché a scuola non si fa educazione sanitaria o sessuale ? A 15 anni si è nel momento più difficile della maturazione sessuale. Bisogna parlare di questi temi, guidando gli adolescenti ed evidenziando i pericoli che poi i genitori devono riprendere nel rapporto con i figli stando più con loro ».

E sull’uso dei cellulari a scuola qual è la sua opinione ? Il ministro Fioroni ha detto che non vanno proibiti.

« Abbiamo abbandonato la divisa scolastica, però abbiamo aperto le porte al telefonino. Ora, la scuola è qualcosa di più delle sale da divertimento e il cellulare deve essere ritirato all’entrata e il suo uso vietato come a teatro o in un salone da musica. Questo non deve essere vissuto come un proibizionismo, ma come una norma di civiltà e di rispetto ».

Lei insite spesso sul rapporto scuola-genitori. Cosa non funziona oggi ?

« I genitori vedono la scuola solo come un distributore di diplomi e non come un formidabile aiuto educativo : è sbagliato e può portare ad una scorretta valutazione della funzione della scuola da parte dei loro figli. Se non c’è fiducia reciproca fra insegnanti e genitori non si va lontano ».

E la funzione di media ?

« Mi sento di rilanciare l’invito che feci anni fa ai direttori di giornale nel corso di un convegno a Trento. Gli lanciai questa sfida : se il fatto che pubblicate riguardasse vostro figlio, come vi comportereste ? Ecco, la stampa non deve propagandare episodi di offesa sessuale che riguardano minori ».

Scuola, genitori e media : tutti assieme con quale obiettivo e con quali strumenti ?

« L’obiettivo deve essere quello di venire incontro ai desideri, dare risposte ed interessare i ragazzi per formare dei cittadini. Per ottenerlo io avevo già proposto di far votare i ragazzi almeno per le elezioni amministrative già a 16 anni. In più c’è un problema del salto tra il diploma e il mondo del lavoro e allora credo che alla fine delle superiori bisogna creare degli educatori d’indirizzo per guidare i ragazzi alla scelta giusta. Infine i media dovrebbero dare risalto ai tanti giovani che fanno, ad esempio, volontariato ».

In conclusione, è ottimista per il futuro della scuola italiana ?

« Sì, perché la scuola italiana è ancora una delle migliori in Europa. Senza lasciarsi prendere dal negativismo ha le risorse per formare nel modo più aperto ed europeo le nuove generazioni ».

* l’Unità, Pubblicato il : 19.02.07, Modificato il : 19.02.07 alle ore 10.14


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :