Inviare un messaggio

In risposta a:
Per la pace delle fedi !!!

"NATIVITY": E’ "NATALE"!!! L’ "EPIFANIA": IL "PRESEPE", "GESU’", E I "RE MAGI"!!! IL BUON-MESSAGGIO, I FILOSOFI E LA "FIABA" ... DI PINOCCHIO!!! Due "atei" a confronto: il cattolico Maurizio Schoepflin risponde a una "fortissima" provocazione di Maurizio Ferraris. Con GIOACCHINO, vincono PIRANDELLO e FREUD !!!

LA "SACRA FAMIGLIA" DELLA GERARCHIA CATTOLICO-ROMANA E’ ZOPPA E CIECA: IL FIGLIO HA PRESO IL POSTO DEL PADRE DI GESU’ E DEL "PADRE NOSTRO" ... E CONTINUA A "GIRARE" IL SUO FILM PREFERITO, "IL PADRINO".
venerdì 5 gennaio 2007 di Federico La Sala
[...] Se è vero, come è vero, che "costruire il Presepe in casa può rivelarsi un modo semplice, ma efficace di presentare la fede per trasmetterla ai propri figli" e alle proprie figlie; e, ancora, se è vero, come è vero, che "il Presepe ci aiuta a contemplare il mistero dell’amore di Dio che si è rivelato nella povertà e nella semplicità della grotta di Betlemme”, e, che “San Francesco d’Assisi fu così preso dal mistero dell’Incarnazione che volle riproporlo a Greccio nel (...)

In risposta a:

> "NATIVITY": E’ "NATALE"!!! L’ "EPIFANIA": IL "PRESEPE", "GESU’", E I "RE MAGI"!!! IL BUON-MESSAGGIO, I FILOSOFI E LA "FIABA" ... DI PINOCCHIO!!! ---- EPIFANIA: LA LUCE ECCENTRICA (di don Aldo Antonelli).

sabato 5 gennaio 2008

Epifania: La luce eccentrica *

La dovizia di salutari provocazioni che mi vengono dalle letture che la liturgia dell’Epifania offre alla meditazione corre il rischio di restare come strozzata dentro le ganasce della tradizione festaiola, dell’attaccamento alle abitudini e della presunzione ideologica.

Alcuni Magi giunsero... domandavano...videro

Il messaggio, liberato dall’involucro ornamentale del romanticismo bucolico nel quale la tradizione lo ha ingessato, apre il suo scrigno a quanti vengono da lontano, si mettono in cammino, cercano, si informano. Per costoro c’è sempre una stella che splende, una meta che si avvicina, un incontro che si celebra, un volto che interpella. I doni offerti si tramutano in doni ricevuti perché il dono non arricchisce solo chi lo riceve ma rende ricco anche chi lo offre. Il tutto parte dall’ “interessamento” (I care!) cui segue la ricerca.

Per un’altra strada fecero ritorno al loro paese

“Avvertiti poi in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese”. L’incontro con l’Altro ti cambia, non ti lascia così come ti trova; la strada di ritorno è diversa perché tu sei diverso. Il tuo referente non è più il potere (Erode) ma il Sogno. Ma, soprattutto, l’incontro con l’Altro ti rilascia, non ti sequestra. Questi magnifici pellegrini di cui ci parla la scrittura se ne sono tornati al loro paese, non hanno arricchito l’anagrafe cattolica, direbbe Ernesto Balducci. Il messaggio è chiaro, soprattutto per quanti del cristianesimo ne fanno un’arma da conquista e della religione un motivo di dominio. Non ci è lecito presumere di portare l’universo alle nostre misure ma dobbiamo essere noi a subordinare noi stessi alle misure dell’universo. L’Altro! Solo una stella può condurci ad esso, solo la coscienza della nostra “povertà” può aprirci alla ricchezza della sua diversità. Un regime che non fornisce agli esseri umani ragioni profonde per interessarsi gli uni degli altri non può mantenere per molto tempo la propria legittimità. Una società che si chiude in se stessa, criminalizzando l’”Altro”, emarginando il “diverso”, in se ipsa marcescit, deteriorandosi in un mondo di solitudini in comunicanti, in un cielo buio senza stelle.

E’ quanto avviene sull’altro versante della narrazione.

Il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme...

Su questo versante, a cascata, inizia una litania di espressioni che configurano nell’insieme un quadro fosco di violenze e di connivenze, di gelosie e di paure che è bene evidenziare.

“Riuniti tutti i sommi sacerdoti e gli scribi del popolo, s’informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Messia” (Mt. 2,4)

E’ forse questo il primo sequestro della teologia da parte del potere? Inizia forse già da qui l’uso ideologico della divinità a consacrazione di consolidati regimi? La scienza a servizio del potere ha generato la bomba atomica; la verità a servizio del potere genera gli assolutismi.

“Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire con esattezza da loro il tempo in cui era apparsa la stella” (Mt.2,7)

Non stride forse la lucentezza della stella con la plumbea oscurità di segrete trame?

Anche Erode, come i Magi, cerca e domanda, ma per ben altri motivi! Sui sentieri dei profeti oggi passeggiano i ragionieri dell’intrigo.

“Andate e informatevi accuratamente del bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo” (Mt.2,8)

Non è nuovo, ma antico come le montagne, il connubio tra l’ambizione e l’adorazione, il matrimonio tra la riverenza e la falsità.

I tuo figli vengono da lontano

Siamo di fronte ad un arrovesciamento di consunte dinamiche: i lontani si fanno vicini (“Verranno da Oriente...” Lc. 13,29) e i vicini si fanno lontani. Gli estranei diventano “domestici” e i “familiari” diventano estranei (“Inimici hominis domestici eius” Mt. 10,36)

Antrosano, li 13 Novembre 2007

Aldo Antonelli

* Vi propongo alcune riflessioni, anch’esse pubblicate su Adista, sulla festa di domani. Un abbraccio a tutte e tutti. Aldo


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: