Poster un message

En réponse à :
Astro-nomia : Scienza e tecnologia...

ANTIKYTHERA : CHIARITI I MISTERI. ERA UNA "MACCHINA" PER SEGUIRE LA "NAVIGAZIONE" DEL SOLE E DELLA LUNA NELL’"OCEANO COSMICO".

(...) per l’epoca può essere definito un vero e proprio computer (...) dimostra "lo straordinario potenziale tecnologico dei greci, perso con l’impero romano".
vendredi 1er décembre 2006 par Federico La Sala
[...] Per decenni il meccanismo è stato attentamente studiato, ma solo oggi i ricercatori sono in grado di stabilirne con esattezza funzioni e pregio tecnologico. Svelando, per esempio, la questione dei due display, uno anteriore, l’altro posteriore presenti su Antikythera.
Grazie ai raggi X e ad una Tac tridimensionale si è arrivati a leggere le iscrizioni che compaiono sul meccanismo e a decifrare il funzionamento dei display [...]

Uno (...)

En réponse à :

> Antikythera : chiariti i misteri. ERA UNA "MACCHINA" PER SEGUIRE LA "NAVIGAZIONE" DEL SOLE E DELLA LUNA NELL’"OCEANO COSMICO".

dimanche 3 décembre 2006

IL CIELO

Tornado su altri pianeti : Venere, Saturno, Giove

di Piero Bianucci *

La navicella europea « Venus Express » in questi giorni ci sta svelando nuovi aspetti dei giganteschi vortici atmosferici che si avvitano intorno ai poli del pianeta Venere. Intanto la sonda « Cassini » (Nasa ed Esa) ha osservato la formazione di un tornado su Saturno. E da più di un anno su Giove è comparso un nuovo vortice (non polare) simile alla « Macchia Rossa », proprio mentre questa storica tempesta gioviana in corso da circa tre secoli sta perdendo vigore.

Sono tutti fenomeni interessanti in sé, ma diventano ancora più interessanti se messi a confronto con fenomeni analoghi che avvengono sulla Terra. La « planetologia comparata » è una delle tante nuove discipline scientifiche che l’esplorazione dello spazio ha reso possibile.

L’atmosfera di Venere compie un giro intero del pianeta nell’arco di quattro giorni. La sonda della Nasa Pioneer Venus 25 anni fa scoprì il vortice polare Nord. Le immagini erano a risoluzione molto bassa, oggi Venus Express ci mostra particolari minutissimi. La cosa singolare è che questo ciclone Nord aveva due « occhi ». Due tornadi in uno ! Quando la sonda europea nell’aprile scorso è arrivata in vista di Venere, subito gli scienziati dell’Esa sono andati a vedere se il polo Sud di Venere avesse un ciclone simile : e in effetti ce l’ha.

Questi vortici polari, presenti anche su Giove, Saturno, Urano e Nettuno, sia pure con diversa intensità, sono la chiave per capire come funzionano le atmosfere di questi pianeti. Ogni vortice risente, naturalmente, della Forza di Coriolis, una componente trasversale dovuta alla rotazione del pianeta. E poiché la velocità di rotazione varia molto da pianeta a pianeta (per esempio Giove ruota molto rapidamente e Venere molto lentamente), la Forza di Coriolis contribuisce al diverso aspetto dei vortici polari.

« Siamo però ancora lontani - dice Pierre Drossart, astronomo dell’Osservatorio di Parigi - dall’aver compreso la genesi dei vortici polari di Venere : qui la Forza di Coriolis è debolissima, e certamente ciò ha a che vedere con i due lobi in cui si suddivide il ciclone, formando i suoi due “occhi”. Il meccanismo preciso tuttavia ci sfugge. »

Le ricerche ora in corso utilizzano due strumenti di « Venus Express », uno per osservare nella luce visibile e l’altro per l’infrarosso. Queste due lunghezze d’onda permettono agli astronomi di scrutare il vortice a profondità diverse : in superficie nel visibile, e 100 chilometri più in basso nell’infrarosso. Può darsi che confrontando le immagini il meccanismo di formazione di questi vortici diventi meno misterioso.

E chissà che non si impari qualcosa che ci riguarda da vicino : la circolazione atmosferica sul polo Nord e sul polo Sud della Terra è determinante anche per il clima delle zone temperate.

* La Stampa, 28/11/2006


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :