Inviare un messaggio

In risposta a:
Politica

Lettera a Prodi, Fassino e Veltroni, da parte degli amici del Phorum Palestina e compagni

Sulla visita a Sharon: un documento da leggere subito e divulgare all’istante
sabato 21 maggio 2005 di Emiliano Morrone
All’On.le Romano PRODI
All’On.le Piero FASSINO
Al Sindaco Walter VELTRONI
Abbiamo appreso dalla stampa che avete in programma una visita in Israele, dove incontrerete ufficialmente il Primo Ministro Ariel Sharon. Riteniamo che questo incontro sia un atto politicamente inopportuno e moralmente deplorevole, per i seguenti motivi.
Ariel Sharon non è un leader politico qualsiasi: è direttamente responsabile dell’assassinio di migliaia di uomini e donne, la cui unica colpa era quella di essere (...)

In risposta a:

> Un Muro intorno a Gaza. la barriera si estenderà lungo i 96 chilometri della frontiera tra la Striscia di Gaza e il sud di Israele (di Michele Giorgio)

venerdì 17 giugno 2016

Un Muro intorno a Gaza

Israele/Territori Occupati. Lo ha rivelato ieri il quotidiano Yediot Ahronot precisando che la barriera si estenderà lungo i 96 chilometri della frontiera tra la Striscia di Gaza e il sud di Israele

di Michele Giorgio (il manifesto 17.06.16)

GERUSALEMME Israele costruirà, investendo 2,2 miliardi di dollari (oltre un miliardo e mezzo di euro), un muro intorno a Gaza, sia sopra che sotto terra, per decine di metri. Lo ha rivelato ieri il quotidiano Yediot Ahronot precisando che la barriera si estenderà lungo i 96 chilometri della frontiera tra la Striscia di Gaza e il sud di Israele.

Il progetto in effetti non è nuovo. Tuttavia segna, simbolicamente, l’inizio del mandato neo ministro della difesa e leader dell’ultradestra Avigdor Lieberman, in procinto di recarsi a Washignton per discutere con l’Amministrazione Usa dell’aumento degli aiuti militari americani a Israele (40 miliardi di dollari in 10 anni e di questi 445 milioni di dollari per un nuovo sistema di difesa antimissili).

La barriera avrà lo scopo, spiega Israele, di impedire infiltrazioni da Gaza attraverso i tunnel sotterranei costruiti dal movimento islamico Hamas e da altre organizzazioni palestinesi. Si aggiunge a quelle costruite da Israele nella Cisgiordania occupata, lungo i confini con l’Egitto e, in misura più ridotta, con il Libano, e a quella in fase di progettazione nella Valle del Giordano.

Da tempo si parla di una nuova offensiva militare israeliana contro Gaza e Hamas. L’ultima, due anni fa, ha causato circa 2.300 morti tra i palestinesi ed enormi distruzioni (gli sfollati sono ancora decine di migliaia). Il completamento della nuova barriera anti-tunnel intorno alla Striscia perciò potrebbe aprire la strada a un nuovo conflitto.

Due giorni fa una fonte del ministero della difesa israeliano - forse lo stesso ministro Lieberman secondo le indiscrezioni - ha avvertito che un nuovo conflitto con Gaza è “inevitabile”, anche se questo “sarà l’ultimo” per Hamas. Lieberman negli ultimi anni ha più volte invocato un attacco militare finalizzato a rioccupare la Striscia e a rimuovere dal potere Hamas.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: