Inviare un messaggio

In risposta a:
Politica

Lettera a Prodi, Fassino e Veltroni, da parte degli amici del Phorum Palestina e compagni

Sulla visita a Sharon: un documento da leggere subito e divulgare all’istante
sabato 21 maggio 2005 di Emiliano Morrone
All’On.le Romano PRODI
All’On.le Piero FASSINO
Al Sindaco Walter VELTRONI
Abbiamo appreso dalla stampa che avete in programma una visita in Israele, dove incontrerete ufficialmente il Primo Ministro Ariel Sharon. Riteniamo che questo incontro sia un atto politicamente inopportuno e moralmente deplorevole, per i seguenti motivi.
Ariel Sharon non è un leader politico qualsiasi: è direttamente responsabile dell’assassinio di migliaia di uomini e donne, la cui unica colpa era quella di essere (...)

In risposta a:

>Palestina - Abu Mazen all’Europa: “Riconosceteci subito come Stato”. L’Ue frena e studia una cooperazione economica.

martedì 23 gennaio 2018

Abu Mazen guarda all’Europa: “Riconosceteci subito come Stato”

La visita del leader dell’Anp a Bruxelles. L’Ue frena e studia una cooperazione economica

di Marco Bresolin (La Stampa, 23.01.2018)

Abu Mazen è arrivato ieri a Bruxelles con una richiesta ben precisa: «Facciamo appello all’Unione europea affinché riconosca lo Stato di Palestina». E ha usato un avverbio netto: «Rapidamente». Ma dall’altra parte del tavolo la risposta dei 28 ministri non poteva essere positiva: l’Ue ha infatti deciso di lasciare il riconoscimento ai singoli Stati, anche perché non tutti sono sulla stessa linea. Una presa di posizione collettiva, dunque, non ci poteva essere. Ma a Bruxelles il presidente dell’Autorità palestinese ha trovato porte tutt’altro che chiuse.

Tra i 28 ministri degli Esteri Ue - su spinta della Francia -, si sta facendo sempre più strada l’ipotesi di avviare i negoziati per un accordo di associazione tra l’Europa e la Palestina. Il che consentirebbe di evitare il sigillo del riconoscimento ufficiale, ma di fatto - attraverso una forma di cooperazione economica e commerciale - l’Europa tratterebbe la controparte come un vero e proprio Stato. «È una questione di cui non abbiamo parlato oggi - dice Federica Mogherini, Alto Rappresentante per la Politica Estera Ue -, ma ci sono state discussioni tra Stati membri nelle scorse settimane sulla possibilità di lanciare i negoziati». Se ne riparlerà nelle prossime riunioni.

Abu Mazen ha motivato la richiesta di pieno riconoscimento, dicendo che «non sarebbe in contraddizione con la ripresa dei negoziati» e che «incoraggerebbe i palestinesi, aiutandoli ad avere speranza nella pace». Ci sono «troppe risoluzioni dell’Onu e del Consiglio di Sicurezza su questo tema - ha aggiunto - che non possono restare solo pezzi di carta».

La missione del leader palestinese a Bruxelles, comunque, aveva un obiettivo molto chiaro: «L’Ue è il nostro più importante partner internazionale e deve giocare un ruolo politico per trovare la giusta soluzione». Da parte europea non c’è alcuna volontà di tirarsi indietro, anzi. Mogherini ribadisce che la posizione sul Medio Oriente è «ferma». Nel senso che è decisa («Questo non è tempo per il disimpegno»), ma anche che non è cambiata: Bruxelles continua a dire che servono due Stati con Gerusalemme capitale condivisa da entrambi.

Proprio dalla Mogherini erano arrivate critiche nette nei confronti dell’amministrazione Trump, dopo l’annuncio legato allo spostamento a Gerusalemme dell’ambasciata Usa in Israele. «Noi non lo seguiremo», aveva ripetuto a dicembre davanti al premier israeliano Benjamin Netanyahu nel corso di una sua visita a Bruxelles. Su questo, a parte il tentennamento di alcuni Stati (Repubblica Ceca in testa), il fronte è rimasto sostanzialmente compatto. Quel che è certo, però, è che un punto di incontro con Trump andrà trovato per risolvere la questione in Medio Oriente: «Gli Usa da soli non ce la possono fare, ma senza gli Usa non ce la possiamo fare nemmeno noi», ammette Mogherini.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: