Poster un message

En réponse à :
Politica

Lettera a Prodi, Fassino e Veltroni, da parte degli amici del Phorum Palestina e compagni

Sulla visita a Sharon : un documento da leggere subito e divulgare all’istante
samedi 21 mai 2005 par Emiliano Morrone
All’On.le Romano PRODI
All’On.le Piero FASSINO
Al Sindaco Walter VELTRONI
Abbiamo appreso dalla stampa che avete in programma una visita in Israele, dove incontrerete ufficialmente il Primo Ministro Ariel Sharon. Riteniamo che questo incontro sia un atto politicamente inopportuno e moralmente deplorevole, per i seguenti motivi.
Ariel Sharon non è un leader politico qualsiasi : è direttamente responsabile dell’assassinio di migliaia di uomini e donne, la cui unica colpa era quella di essere (...)

En réponse à :

>Onu. Usa fuori dal Consiglio dei diritti umani. Il premier israeliano applaude alla decisione dell’Amministrazione Trump di abbandonare anche questo organismo dell’Onu.

jeudi 21 juin 2018

Usa fuori dal Consiglio dei diritti umani, Netanyahu ringrazia

Usa/Onu. Il premier israeliano applaude alla decisione dell’Amministrazione Trump di abbandonare anche questo organismo dell’Onu. La sintonia tra Usa e Israele è totale. Intanto nuova fiammata di guerra a Gaza

di Michele Giorgio (il manifesto, 21.06.2018)

GERUSALEMME Grazie Trump ‎« per il coraggioso passo contro l’ipocrisia e le bugie del cosiddetto ‎Consiglio dei diritti umani dell’Onu‎ ». Il governo israeliano di Benyamin ‎Netanyahu ringrazia il presidente americano per la decisione di far uscire gli Usa ‎dall’organismo delle Nazioni Unite annunciata martedì notte dal Segretario di stato ‎Mike Pompeo e dall’ambasciatrice Usa al Palazzo di vetro Nikki Haley. Ne ha tante ‎di ragioni Israele per ringraziare l’Amministrazione Trump impegnata in un’opera ‎costante di demolizione delle Nazioni unite e del diritto internazionale.
-  Dopo gli ‎attacchi alla funzione dell’Onu, il veto alla nomina di un palestinese (l’ex premier ‎dell’Anp Salam Fayyad) come inviato speciale per la Libia, l’uscita dall’Unesco in ‎appoggio alle posizioni israeliane, il riconoscimento unilaterale di Gerusalemme ‎come capitale di Israele, il trasferimento dell’ambasciata Usa da Tel Aviv nella ‎città santa e l’uscita degli Usa dall’accordo sul programma nucleare iraniano, ora ‎giunge questo nuovo “regalo”.

Per qualcuno è altro schiaffo dell’Amministrazione Usa al sistema delle relazioni ‎internazionali, che siano organizzazioni o accordi non in linea con le priorità ‎americane. In questo caso, come in tutti quelli elecati prima, sul tavolo non ci sono ‎le priorità americane bensì quelle israeliane, a conferma della completa sintonia tra ‎Washington e Tel Aviv.‎‏ ‏‎« Invece che occuparsi dei regimi che violano i diritti ‎umani quel Consiglio si è ossessivamente fissato con Israele, unica vera ‎democrazia del Medio oriente‎‎ », afferma Washington.
-  Sono le parole che hanno ‎usato i premier israeliani tutte le volte che il Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu ‎ha criticato o condannato lo Stato ebraico. Le violazioni che commette Israele, ‎viene ripetuto, sarebbero inesistenti o comunque insignificanti rispetto a quelle ‎che avvengono in altri paesi della regione, quindi il Consiglio dovrebbe occuparsi ‎solo di quelle.

Colonizzazione di territori occupati militarmente, arresti arbitrari, detenzioni ‎senza processo, confisca di terre, demolizioni di case, blocco di Gaza, uso della ‎forza contro i civili palestinesi in corso da 51 anni a questa parte sono cose da ‎nulla per Pompeo e Haley. Per loro il Consiglio dell’Onu è ‎‎« la fogna della ‎faziosità politica‎‎ ». ‎« Prendiamo questa decisione perché il nostro impegno non ci ‎permette di continuare a far parte di un’organizzazione ipocrita e asservita ai ‎propri interessi che ha fatto dei diritti umani una barzelletta‎ », ha proclamato ‎Haley.

La decisione era nell’aria da tempo, non è una sorpresa. Washington era già ‎uscita dal Consiglio per tre anni durante l’amministrazione di George W. Bush ma ‎era tornata a farne parte con Barack Obama. Gelida (e inutile) la reazione del ‎segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, che si è limitato a fare sapere che ‎‎« avrebbe preferito che gli Stati Uniti rimanessero nel Consiglio‎ », sottolineando ‎che ‎« l’architettura delle Nazioni Unite sui diritti umani svolge un ruolo molto ‎importante nella loro promozione e protezione in tutto il mondo‎ ».

Nel frattempo la tensione resta alta lungo le linee tra Gaza e Israele. Netanyahu ‎ha avvertito che se i palestinesi invieranno ancora “palloni incendiari” da Gaza ‎verso il territorio israeliano ‎« Il pugno di ferro dell’esercito colpirà con ‎potenza...Siamo pronti ad ogni scenario ed è meglio che i nostri nemici lo ‎capiscano e subito‎ ». L’avvertimento è giunto dopo una nuova notte di lanci di ‎razzi palestinesi e di attacchi aerei israeliani (25 contro presunti obiettivi di ‎Hamas) che spingono Gaza verso un nuovo conflitto a quattro anni di distanza ‎dall’offensiva “Margine Protettivo”.

I media israeliani, aiutati da quelli europei e ‎americani, preparano l’opinione pubblica internazionale ignorando il blocco di ‎Gaza che dura da 12 anni e parlando solo di “guerra degli aquiloni” in riferimento ‎ai lanci dei palestinesi che hanno provocato incendi in alcuni campi coltivati oltre ‎le linee di demarcazione. Pochi ricordano che l’intera fascia agricola di Gaza a ‎ridosso di Israele da anni è quasi inaccessibile ai contadini palestinesi sui quali i ‎soldati non esitano ad aprire il fuoco quando si avvicinano “troppo” alle barriere ‎di separazione.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :