Inviare un messaggio

In risposta a:
Politica

Lettera a Prodi, Fassino e Veltroni, da parte degli amici del Phorum Palestina e compagni

Sulla visita a Sharon: un documento da leggere subito e divulgare all’istante
sabato 21 maggio 2005 di Emiliano Morrone
All’On.le Romano PRODI
All’On.le Piero FASSINO
Al Sindaco Walter VELTRONI
Abbiamo appreso dalla stampa che avete in programma una visita in Israele, dove incontrerete ufficialmente il Primo Ministro Ariel Sharon. Riteniamo che questo incontro sia un atto politicamente inopportuno e moralmente deplorevole, per i seguenti motivi.
Ariel Sharon non è un leader politico qualsiasi: è direttamente responsabile dell’assassinio di migliaia di uomini e donne, la cui unica colpa era quella di essere (...)

In risposta a:

> Israele ammette la strage della famiglia Sawarkah. Le forze armate hanno aperto un’inchiesta. I palestinesi non credono che porterà a sanzioni nei confronti dei responsabili della morte di otto civili innocenti.

sabato 16 novembre 2019

Israele ammette la strage della famiglia Sawarkah

Gaza. Le forze armate hanno aperto un’inchiesta. I palestinesi non credono che porterà a sanzioni nei confronti dei responsabili della morte di otto civili innocenti

di Michele Giorgio (il manifesto, 16.11.2019)

GERUSALEMME Non ha tardato ad emergere la verità sulla strage della famiglia Sawarkah spazzata via da quattro missili sganciati da un caccia israeliano nella notte tra mercoledì e giovedì su Deir al Balah, nella zona centrale di Gaza. Il 45enne Rasmi (Abu Malhous) Sawarkah, ucciso assieme ad altri sette famigliari (tra cui due donne e due bambini di tre e quattro anni), descritto dalle forze armate israeliane come un comandante delle rampe di lancio di razzi del Jihad islami, in realtà era un semplice cittadino palestinese. L’“ufficiale” del Jihad era suo fratello, dicono a Gaza, ma non era in casa in quel momento e l’organizzazione islamista lo descrive come un affiliato e non un comandante.

Adesso, scrive il quotidiano Haaretz, le forze armate israeliane indagano sull’accaduto e fanno sapere che non erano a conoscenza della presenza di persone nella casa. Non possono rallegrarsene gli otto uccisi. Ed i sopravvissuti quasi certamente non riceveranno un risarcimento. Le inchieste aperte dall’esercito israeliano sui civili palestinesi uccisi nelle tre offensive contro Gaza del 2008, 2012 e 2014, sono terminate con la formula che i militari avevano agito nel rispetto delle regole di ingaggio.

I palestinesi dovranno accontentarsi di un pardon, è stato un errore. Intanto è salito a 35 il numero dei palestinesi morti nell’operazione israeliana. Uno dei feriti, Ahmed Ayman Abdel Al, è deceduto ieri. Non era un civile, bensì un membro delle Brigate al Qassam, l’ala militare di Hamas. Oltre a morti e feriti si calcolano anche i danni. Secondo una prima stima fatta a Gaza ammonterebbero a tre milioni di dollari. Circa 500 abitazioni sono state danneggiate. Otto case sono state distrutte completamente. Le infrastrutture civili (fognature, elettricità, rete idrica e strade) hanno subito danni per circa 600mila dollari.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: