Inviare un messaggio

In risposta a:
Politica

Lettera a Prodi, Fassino e Veltroni, da parte degli amici del Phorum Palestina e compagni

Sulla visita a Sharon: un documento da leggere subito e divulgare all’istante
sabato 21 maggio 2005 di Emiliano Morrone
All’On.le Romano PRODI
All’On.le Piero FASSINO
Al Sindaco Walter VELTRONI
Abbiamo appreso dalla stampa che avete in programma una visita in Israele, dove incontrerete ufficialmente il Primo Ministro Ariel Sharon. Riteniamo che questo incontro sia un atto politicamente inopportuno e moralmente deplorevole, per i seguenti motivi.
Ariel Sharon non è un leader politico qualsiasi: è direttamente responsabile dell’assassinio di migliaia di uomini e donne, la cui unica colpa era quella di essere (...)

In risposta a:

> A VITTORIO ARRIGONI - "Barche di aiuti nel nome di Vik", torna in mare la Freedom Flotilla. La missione prevista a maggio sarà ribattezzata con il suo motto: "Restiamo umani".

domenica 17 aprile 2011

Gli amici dell’attivista lo onoreranno nella spedizione in partenza

"Barche di aiuti nel nome di Vik" torna in mare la Freedom Flotilla

La missione prevista a maggio sarà ribattezzata con il suo motto: "Restiamo umani"

di Valeria Fraschetti (la Repubblica, 17.04.2011)

Non ci sarà, come aveva sperato. Eppure Vittorio Arrigoni sarà presente. Anzi, della flottiglia internazionale che nelle prossime settimane salperà ancora una volta verso la Striscia l’attivista strangolato a Gaza sarà il protagonista morale. Perché quello che era il suo mantra, la sua firma in calce ad ogni messaggio del suo blog, sarà il nome della prossima Fredoom Flotilla: "Stay Human".

L’invito a se stesso e agli altri a "restare umani" lanciato da Arrigoni era nato dopo essere arrivato a Gaza nel 2008 proprio a bordo di una delle prime imbarcazioni del Freedom Gaza Movement: barche dirette verso le coste palestinesi per protesta contro il blocco navale imposto da Israele al milione e mezzo di abitanti della Striscia. Arrigoni era stato uno dei primi 44 attivisti a intraprendere la missione e anche per questo il Coordinamento nazionale della Freedom Flotilla 2 ha deciso di rendergli omaggio: sul suo sito ha annunciato che la missione umanitaria «tornerà a Gaza in suo onore».

«Vittorio era un emblema della flottiglia e le adesioni sono aumentate anche grazie al suo attivisimo», spiega la giornalista Angela Lano, dell’ufficio stampa di Freedom Flotilla nonché direttrice del sito di notizie palestinesi Infopal. La partenza è prevista a fine maggio. Una data precisa ancora non c’è, anche perché, dicono gli organizzatori, la coalizione che costituisce il movimento continua ad ampliarsi e si cercano nuove imbarcazioni. Ad oggi i Paesi partecipanti sono 50, le imbarcazioni previste 12: un migliaio tra attivisti, cooperanti, giornalisti e cittadini salperanno da diversi porti del mondo per ritrovarsi in acque internazionali e dirigersi alla volta di Gaza per consegnare carrozzine per disabili, desalinizzatori, medicinali, kit scolastici e altro materiale umanitario.

Lo scorso anno la spedizione, che Israele accusò di trasportare armi dirette ai miliziani di Hamas, finì in tragedia: l’assalto dei commando dell’esercito israeliano a sei navi fece 20 morti, per la maggior parte turchi. Ora, alla vigilia della seconda Freedom Flotilla, Israele è in fibrillazione. Due settimane fa il primo ministro Benjamin Netanyahu avrebbe convocato gli ambasciatori stranieri per avvertirli della spedizione. E gli attivisti arrivano ad ipotizzare: «Abbiamo il forte sospetto che il suo assassinio sia stato un messaggio di Israele ai paesi membri della coalizione pro-Palestina - dichiara la Lano - Ma dopo la morte di Vik siamo ancora più determinati a portare a termine la nostra missione di aiuto agli abitanti di Gaza».


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: