Inviare un messaggio

In risposta a:
Politica

Lettera a Prodi, Fassino e Veltroni, da parte degli amici del Phorum Palestina e compagni

Sulla visita a Sharon: un documento da leggere subito e divulgare all’istante
sabato 21 maggio 2005 di Emiliano Morrone
All’On.le Romano PRODI
All’On.le Piero FASSINO
Al Sindaco Walter VELTRONI
Abbiamo appreso dalla stampa che avete in programma una visita in Israele, dove incontrerete ufficialmente il Primo Ministro Ariel Sharon. Riteniamo che questo incontro sia un atto politicamente inopportuno e moralmente deplorevole, per i seguenti motivi.
Ariel Sharon non è un leader politico qualsiasi: è direttamente responsabile dell’assassinio di migliaia di uomini e donne, la cui unica colpa era quella di essere (...)

In risposta a:

> Gaza, l’appello degli attivisti:“L’Italia protegga la Flottiglia" Il governo: tenteremo di fermarvi. La Farnesina: "Gli aiuti vanno portati attraverso i valichi terresti, evitare le provocazioni".

sabato 25 giugno 2011

Gaza, l’appello degli attivisti “L’Italia protegga la Flottiglia"

Il governo: tenteremo di fermarvi

L’anno scorso l’assalto israeliano alla Mavi Marmara si concluse con la morte di 9 persone

La Farnesina: "Gli aiuti vanno portati attraverso i valichi terresti, evitare le provocazioni"

di Giampaolo Cadalanu (la Repubblica, 25.06.2011)

ROMA - La Farnesina non ha nessuna intenzione di schierarsi a difesa della Freedom Flotilla e dei cittadini italiani che saranno imbarcati nel viaggio verso Gaza. Anzi, il ministero degli Esteri «vuole adoperarsi per evitare la partenza» del convoglio intenzionato a forzare il blocco israeliano al largo della Striscia. L’appello dei militanti al governo è stato respinto nettamente: per Franco Frattini «il modo migliore per portare assistenza agli abitanti di Gaza è quello di inviare gli aiuti umanitari attraverso gli appositi valichi terrestri, evitando ogni tipo di provocazione». Tanto più dopo che l’anno scorso la missione della flottiglia era finita tragicamente, con l’assalto delle truppe speciali israeliane alla nave turca "Mavi Marmara" che apriva il convoglio e l’uccisione di nove persone.

Ma i militanti non ci stanno e hanno chiesto l’intervento di Gianni Letta, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio: «Ci muoviamo con mezzi assolutamente pacifici, siamo disarmati e non riteniamo di essere una minaccia per Israele: il governo italiano è tenuto a garantire l’incolumità dei cittadini italiani che saranno in acque internazionali e disarmati». La delegazione italiana, accompagnata da un robusto numero di giornalisti, sarà a bordo della nave "Stefano Chiarini", carica, garantiscono gli organizzatori, di medicinali, aiuti alimentari e sacchi di cemento per la ricostruzione della Striscia.

Intanto Israele sottolinea che la sua linea non è cambiata. La Marina militare dello Stato ebraico si prepara a bloccare la strada alla flottiglia, annunciando che userà gli idranti. Essa «rappresenta un pericolo per la sicurezza dei civili israeliani», ribadisce un portavoce militare, secondo cui consentendo la libera navigazione verso Gaza si consentirebbe ai «terroristi di Hamas» la possibilità di rifornirsi di armi da utilizzare contro Israele.

Di opinione completamente diversa la scrittrice afroamericana Alice Walker, che in un’intervista a Foreign Policy ha annunciato l’intenzione di far parte della spedizione. L’autrice del "Colore viola" sottolinea che la missione delle navi non è solo quella di portare aiuti, quanto soprattutto quella di «portare attenzione» sulla situazione dei palestinesi. La Walker ricorda che la riapertura del valico fra la Striscia e l’Egitto è insufficiente: «Si possono solo portare due valigie, non si possono certo ricostruire le fognature in questo modo».


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: