Poster un message

En réponse à :
W o ITALY !!!

"DICO" CHE LE "INGERENZE" E LE "PRETESE" DEL VATICANO OFFENDONO TUTTA L’ITALIA E MOSTRANO SOLO LA SUA TOTALE PERDITA DI CREDIBILITA’ UMANA E TEOLOGICA. LA LEGGE DEI NOSTRI PADRI E DELLE NOSTRE MADRI (la Costituzione, la nostra "Bibbia civile") è PIU’ FORTE DELLA SUA "legge di mammasantissima" !!! Una riflessione e un "urlo" di Stefano Rodotà - a cura del prof. Federico La Sala.

vendredi 9 février 2007 par Maria Paola Falchinelli
[...] Nella debolezza della situazione politica italiana, nelle sue fragilità e convenienze, la pressione della Chiesa si sta manifestando con una intensità sconosciuta quando, in Francia o in Belgio o in Germania o in Spagna o in Olanda, sono state affrontate, e in modo assai più radicale, analoghe questioni intorno alla vita. La debole Italia più agevole terreno di conquista ? Una politica che porta a ritenere inammissibile nel "cortile di casa" quel che è tollerato quando Roma è più (...)

En réponse à :

> LA FACCIA FEROCE DELLA GERARCHIA CATTOLICO-ROMANA NASCONDE SOLO LA SUA TOTALE PERDITA DI CREDIBILITA’ E LA SUA RABBIA. LA LEGGE DEI NOSTRI PADRI E DELLE NOSTRE MADRI (la Costituzione, la nostra "Bibbia civile") è PIù FORTE DELLA SUA "legge di mammasantissima" !!! Una riflessione e un "urlo" di Stefano Rodotà - a cura del prof. Federico La Sala.

vendredi 9 février 2007

Unioni civili, ingerenza vaticana il Papa si scaglia contro la legge Non tutti i vescovi italiani d’accordo *

Il giorno dopo il varo dell’accordo sui diritti individuali dei conviventi a Palazzo Chigi, Papa Josef Ratzinger parla al nuovo ambasciatore colombiano e non nasconde la sua « grande preoccupazione » per l’avanzata di leggi contro la famiglia. Il riferimento è chiaro : a Palazzo Chigi e alla legge sui "Dico" in arrivo a fine mese in Italia. E il Pontefice non si limita a una valutazione ex post, ma aggiunge : « È necessario appellarsi alla responsabilità dei laici presenti negli organi legislativi, nel Governo e nell’amministrazione della giustizia, affinché le leggi esprimano sempre i principi e i valori che sono conformi al diritto naturale e che promuovano l’autentico bene comune ». È una intromissione inusitata di Benedetto XVI negli affari di un altro Stato, un appello ai parlamentari cattolici perché boicottino la trasformazione il legge del decreto che regola le unioni civili, che non porta più il nome di Pacs, ma quello di "Dico".

Incontrando il nuovo ambasciatore della Colombia, Juan Gomez Martinez, il pontefice ha preso spunto per esprimere tutto il suo dissenso contro il nuovo ddl Bindi-Pollastrini. « Come Pastore della Chiesa universale - ha detto - non posso non esprimere a vostra eccellenza la mia preoccupazione per le leggi che riguardano questioni molto delicate come la trasmissione della vita, la malattia, l’identità della famiglia e il rispetto del matrimonio ». Benedetto XVI ha sottolineato che « alla luce della ragione naturale e dei principi morali e spirituali che provengono dal Vangelo la Chiesa cattolica proseguirà a proclamare senza cessare la inalienabile grandezza della dignità umana ».

La linea di ingerenza del Vaticano nella politica italiana è seguito anche da tutti gli organi cattolici. Il quotidiano dei vescovi "Avvenire" dopo il "non possumus" di qualche giorno fa non dedica alla questione nessun editoriale, ma solo un "taglio medio" in prima e articoli di cronaca nella pagine interne. Nel contempo però l’Osservatore romano - organo della Santa Sede - titola a tutta pagina : « La famiglia ferita : arrivano i "Dico" » e insinua che il governo non voglia porre la fiducia, nel prossimo dibattito parlamentare, per non legare « le proprie sorti ai "Dico" ». Ma avverte come « per il momento non ci siano le condizioni per una intesa bipartisan » su questo tema.

L’attacco più duro arriva dai vescovi italiani tramite l’agenzia della Cei, il Servizio d’informazione religiosa, in sigla Sir. I « Dico » - sostiene la nota settimanale dell’agenzia - presentano « problemi più gravi di quelli che ci si ripromette di affrontare ». « Si parla di "Dico" - continua - ma si pensa a "Pacs", e soprattutto si prefigura una escalation legislativa in senso in questo senso ».

* l’Unità, Pubblicato il : 09.02.07, Modificato il : 09.02.07 alle ore 17.13


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :