Inviare un messaggio

In risposta a:
Il personale e il politico ....

EMILIO COLOMBO E PIER FERDINANDO CASINI: "DICO" E NON "DICO"!!! "Colombo - ha rivelato al pubblico la sua omosessualità ed anche, sia pur per breve periodo, la sua condizione di consumatore di cocaina; l’altro - Casini - la sua condizione di concubino e come tale escluso dai sacramenti, il che per un cattolico praticante non è certo cosa di poco conto". Considerazioni e riflessioni di Eugenio Scalfari - a cura di pfls

martedì 27 febbraio 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] Entrambi tuttavia non solo criticano aspramente l’iniziativa del governo di presentare un disegno di legge che assicuri alcuni diritti ai conviventi; non solo preannunciano il loro voto contrario quando arriverà all’esame del Parlamento, ma si pongono come punti di riferimento d’una campagna politica e ideologica che sta contrapponendo laici e cattolici di stretta osservanza. Casini addirittura guida quella campagna, ne spiega la necessità, stigmatizza altri cattolici che ad essa si (...)

In risposta a:

> EMILIO COLOMBO E PIER FERDINANDO CASINI: "DICO" E NON "DICO"!!! ---- Vendola: «Un premier gay? C’è già stato». intervistato da Enrico Lucci nell’appuntamento speciale con «Le Iene Show».

lunedì 20 settembre 2010

intervistato da Enrico Lucci nell’appuntamento speciale con «Le Iene Show»

Vendola: «Un premier gay? C’è già stato»

Il presidente della Regione Puglia a tutto campo su primarie, Pd, Berlusconi e la sua vita privata *

MILANO - «Un gay è già stato presidente del Consiglio. Era un democristiano». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola (Sel), intervistato da Enrico Lucci nell’appuntamento speciale con «Le Iene Show» in onda domani alle 21.10 su Italia 1.

Vendola parla a tutto campo delle primarie, del suo programma, del Pd, di Berlusconi e anche della propria vita privata. Perché vuoi le primarie nel centrosinistra?, chiede Lucci.

«Perché il centrosinistra - spiega Vendola - è in uno stato comatoso. Possono essere un principio di rivitalizzazione».

E ancora: quando si andrà a votare? «Prossima primavera», risponde Vendola. Perché gli italiani dovrebbero votarti? «Perché sentono che sono una persona autentica».

Qualche parola, sollecitato dalle domande, anche su Massimo d’Alema: D’Alema, gli viene chiesto, ti è sempre contro. Tu per lui cosa provi? «Affetto», risponde Vendola. A proposito del comunismo, Vendola afferma che oggi si definirebbe «come un uomo della sinistra».

E ancora: sul premier Berlusconi. La sua virtù, secondo Vendola «è di saper vivere con cordialità i rapporti con gli avversari».

Cosa non ti piace di Berlusconi? «Dire una cosa per significare l’esatto contrario. La manipolazione del vocabolario».

Infine, la sua vita privata: Sei un gay? «certo», risponde.

Un gay può diventare Presidente del Consiglio? «Lo è già stato». Chi? «Non lo dirò neanche sotto tortura». Di che partito era? «Democristiano».

Infine, il presidente della Regione Puglia spazza via ogni dubbio sul suo orecchino di cui tanto si continua a parlare: se servisse per vincere lo toglieresti l’orecchino? «No. Sarebbe un modo per camuffarmi». (fonte: Ansa)

* CORRIERE DELLA sERA, 19 settembre 2010


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: