Inviare un messaggio

In risposta a:
MEMORIA DEL LOGOS. Eu-ropa..... Eu-democrazia ed Eu-angelo!!!

EU-ROPA: TRATTATI DI ROMA. UE!!! RADICI CRISTIANE, NON RADICI "CATTOLICO RATZISTE"!!! IL VATICANO ABUSA DELLA "PAROLA" E NON SA PIU’ PARLAR CHIARO - SOPRATTUTTO CON SE STESSO!!! "CATTOLICESIMO COSTANTINIANO" NON VUOL DIRE "CRISTIANESIMO" e il dio della "Deus caritas" non è il "Deus CHARITAS" dei nostri Padri e delle nostre Madri Costituenti!!! Il discorso di Giorgio Napolitano a Tubinga (non a Ratisbona) e la Dichiarazione di Berlino (2007) - a cura di pfls

Sollecitazione del presidente della Repubblica a procedere alla ratifica del Trattato di Lisbona.
martedì 12 febbraio 2008 di Maria Paola Falchinelli
NAPOLITANO: CAMERE SCIOLTE RATIFICHINO TRATTATO UE *
TRENTO - Il presidente della Repubblica ritiene che anche a Camere sciolte si possa e si debba procedere alla ratifica del Trattato di Lisbona. Lo ha detto svolgendo la Lectio Magistralis all’Università di Trento.
Giorgio Napolitano ha ribadito la necessità "indispensabile" che il nuovo Trattato europeo entri in vigore l’anno prossimo, prima delle elezioni per il Parlamento di Strasburgo. "E’ indispensabile in questo contesto - ha detto - (...)

In risposta a:

> EU-ROPA. UE!!! RADICI CRISTIANE, NON "RATZISTE"!!! IL VATICANO ABUSA DELLA "PAROLA" E NON SA PIU’ PARLAR CHIARO - SOPRATTUTTO CON SE STESSO!!! "CATTOLICESIMO ROMANO" NON VUOL DIRE "CRISTIANESIMO" e il dio della "Deus caritas" non è il "Deus CHARITAS" dei nostri Padri e delle nostre Madri!!! - a cura di pfls

domenica 25 marzo 2007


-  Prodi al vertice di Berlino: "L’Ue è l’antidoto ai mali europei"
-  Nuove regole entro il 2009"

BERLINO - "L’Unione europea è tante cose insieme. Talmente tante che è difficile spiegarle tutte. Per me, oggi, a cinquant’anni dai suoi natali a Roma, l’Unione europea rappresenta soprattutto l’antidoto ai mali d’Europa, ai nostri mali. Il riscatto e lo slancio d’orgoglio di un continente che nella prima metà del secolo scorso è stato sul punto di suicidarsi". Così Romano Prodi nel suo intervento alle celebrazioni dei cinquant’anni dalla firma dei Trattati di Roma.

Quanto al futuro, alla necessità di uscire dall’impasse, il presidente del Consiglio ha affermato: "L’Europa ha bisogno di ritrovare un poco della sua follia creativa. Per convincersi che il mondo può essere cambiato, reso migliore, che non ci si debba accontentare si prenderselo così com’è. Per completare il suo progetto di pace e prosperità: il più grande, il più nuovo e il più visionario del mondo contemporaneo". E "per continuare a costruire - ha proseguito Prodi - servono nuove regole. Ma senza ripartire da zero. Perché il Trattato firmato a Roma nell’ottobre 2004 costituisce una base solidissima su cui edificare il nostro nuovo patto fondamentale. Un testo firmato da 27 capi di Stato e ratificato da 18 paesi. E queste nuove regole servono subito. In ogni caso entro il 2009, cioè prima della prossime elezioni europee".

* la Repubblica, 25-03-2007


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: