Poster un message

En réponse à :
"Pietà per il mondo, venga il nuovo sapere"(M. Serres, Distacco, 1986) !!! "La violenza contro donne e bambine/i è tenuta nascosta in tutte le culture" !!!

Porre fine alle mutilazioni genitali femminili (MGF) !!! UN URLO LIBERATORIO E UN APPELLO DALLE DONNE DELL’ AFRICA : "VAGINA, VAGINA, VAGINA" di Sally Blakemore - a cura di pfls

WWW.EQUALITYNOW.ORG. UGUAGLIANZA ORA !!! USCIAMO DAL SILENZIO : DONNE E UOMINI, TUTTI E TUTTE - IN TUTTO IL MONDO !!!
dimanche 25 mars 2007 par Maria Paola Falchinelli
USCIRE DAL SILENZIO. Porre fine alle mutilazioni genitali femminili(MGF) - in tutto il mondo !!!

En réponse à :

> USCIAMO DAL SILENZIO : DONNE E UOMINI, TUTTI E TUTTE ---- « Il diritto di essere bambine ». Mutilazioni genitali settemila bimbe a rischio. In uno studio i dati choc sull’infibulazione in Italia (di Maria Corbi) .

lundi 6 février 2012


-  Mutilazioni genitali settemila bimbe a rischio
-  In uno studio i dati choc sull’infibulazione in Italia
-  Oggi è la giornata mondiale contro questa pratica
-  I dati sono contenuti nel dossier « Il diritto di essere bambine »

-  IL FENOMENO L’usanza si è diffusa con l’incremento dell’immigrazione
-  LA TESTIMONIANZA « Spesso sono le stesse mamme a imporre quel supplizio alle figlie »

-  di Maria Corbi (La Stampa, 06.02.2012)

Ci sono cose che crediamo lontane dal nostro piccolo mondo sicuro. O forse siamo solo miopi rispetto a quello che ci circonda. Altrimenti non c’è spiegazione per lo stupore che colpisce come una lama quando si leggono le cifre raccolte dall’Albero della Vita in occasione della giornata mondiale contro le mutilazioni femminili, oggi : « In Italia a rischio 93.000 donne, fra cui più di 7.700 bambine ».

Una cifra enorme, minuscola se rapportata al mondo dove ogni anno 140 milioni di donne sono sottoposte a queste pratiche barbare che ledono corpo, cuore, anima.

Il dossier « Il diritto di essere bambine » realizzato da L’Albero della Vita con l’Associazione Interculturale Nosotras, è una ferita anche per la società occidentale evoluta che deve fare i conti con il fenomeno dell’immigrazione. Per questo è partito nelle scuole (per adesso solo in Toscana) il progetto « pilota » di formazione e prevenzione. Per questo le parole di Gloria, una donna nigeriana sfregiata nella sua dignità quando era una bambina, sono oggi così importanti, la frattura di un muro di omertà. Gloria ha 35 anni, vive in Toscana e non si è mai sposata. Il pudore le impedisce di spiegare che anche la violenza che ha subito, quel coltello che le ha tolto un pezzo del suo essere donna, ha indirizzato la sua vita. « Voglio spiegare quello che mi è capitato perché non deve succedere più ».

Gloria viveva in un paesino della Nigeria con sua nonna, una delle « ostetriche » locali che avevano il compito di incidere con la lama i genitali delle bambine per preservare la loro purezza. « Il coltello di nonna - racconta - doveva passare a me quando avessi avuto l’età per diventare io stessa l’aguzzina delle mie simili ». Non c’è rancore nelle parole di questa donna che oggi ha deciso di aiutareil prossimo in Italia facendo l’infermiera. Lei ama sua nonna, una donna che aveva il limite di essere nata in un posto in cui le donne erano considerate ai suoi tempi solo forza da lavoro e da letto. Oggi che anche lì le cose sono cambiate, che ci sono donne in politica e negli affari, quello che non cambia è la consuetudine di imporre le mutilazioni alle bambine. Ne esistono di tre tipi, di ferocia diversa, dall’incisione al clitoride, all’asportazione delle piccole labbra, alla vera e propria infibulazione faraonica (cucitura delle grandi labbra per la restrizione dell’apertura vaginale).

In Egitto ancora oggi tra l’85 per cento e il 95 per cento delle donne ha subito l’infibulazione. In Somalia si sale al 98 per cento. Una donna non infibulata viene considerata impura, non riesce a trovare marito e rischia l’allontanamento dalla società.

Gloria ricorda il momento in cui decise che si sarebbe battuta contro questo orrore. « Avevo solo 11 anni quando ho assistito a una cerimonia in cui veniva mutilata una mia amichetta. Lei da neonata era stata male, era debole, per cui non le avevano praticato l’incisione. A nove anni invece la hanno considerata pronta e mia nonna mi ha detto che io dovevo fare parte del gruppo di donne che dovevano assistere al rito. Per spiegarmi per farmi accettare la cosa mi diceva che dopo una ragazza diventava più bella e pura. È stato terribile, un incubo che mi porto ancora dietro. In quel momento ho deciso che avrei combattuto per evitare ad altre donne questa ferita impossibile da rimarginare, soprattutto nella propria anima ».

Gloria spiega che nonostante le leggi severe messe in campo dall’Italia per contrastare le mutilazioni genitali femminili, la battaglia è solo all’inizio. Un problema culturale, non religioso ed è una guerra tutta femminile. « Spesso gli uomini non sanno nemmeno di cosa si parla, a volte non sono neanche d’accordo. Mentre spesso sono le donne della famiglia che insistono perché le nuove leve abbiano questo marchio di purezza. Conosco a Firenze una signora del mio paese il cui marito è contrario a sottoporre la figlioletta alla mutilazione genitale. Ma lei mi ha detto chiaramente che quando tornerà al paese per le vacanze porterà con se la bambina perché venga “purificata”. Non vuole subire il disonore quando la piccola sarà adulta ».


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :