Poster un message

En réponse à :
Terra ! Terra !

OCCIDENTE E ORIENTE. Filosofia del "Sol calante" e filosofia del "Sol levante". Profonda frattura o connessione "nascosta" ? Interviste ai più eminenti filosofi giapponesi : "Penseurs japonais" a cura di Yann Kassile. Una recensione di Mario Perniola - a cura di Federico La Sala

mardi 27 mars 2007 par Maria Paola Falchinelli
[...] L’individuo non è mai una tabula rasa, ma presuppone una collocazione spazio-temporale, un condizionamento sociale. All’interno dell’individuo ci sarebbe già un punto di vista impersonale ed esterno, che è relazionale : con le parole di Lacan (tradotto e studiato con molto zelo in Giappone), si direbbe « la mediazione del Simbolico ». D’altronde la struttura negativa dell’essere umano impedisce l’esistenza di una società che annulla completamente l’individuo : una simile società (...)

En réponse à :

> OCCIDENTE E ORIENTE. Filosofia del "Sol calante" e filosofia del "Sol levante". --- L’indovino lacrimante alla ricerca di sé. « Tiresia », il primo e ultimo romanzo di Mario Perniola (di Fabrizio Scrivano).

samedi 9 mai 2020

IL "METAROMANZO" DI MARIO PERNIOLA. Un tentativo di uscire dalla caverna, e dalle trame millenarie del "romanzo familiare" di Giocasta ed Edipo... *

      • "Quando nel 1992 pubblicai il libro Del sentire, il mio amico Giorgio Tagini, con cui discorro di cattolicesimo fin dall’infanzia, mi fece osservare che di tutte le forme del sentire dell’Occidente antico e moderno trattavo, tranne che di quella cristiana. Colmo ora parzialmente questa lacuna e a lui dedico il presente lavoro, senza tuttavia voler minimamente coinvolgerlo in questa impresa che forse giudicherà temeraria.
      • Coraggiosa ho invece sempre considerato la sua opinione secondo la quale solo l’eredità dell’antichità classica ci mette in condizione di superare il fanatismo, nonché lo spirito di fazione e di setta, che sembrano oggi estendersi a tutta la società e coinvolgere anche i rapporti più personali e intimi ; del resto cercare di capire chi sente e pensa diversamente è una non trascurabile conseguenza del profondo legame che unisce la filosofia all’amicizia. M. P., 25 dicembre 2000" (Mario Perniola, "Del sentire cattolico", Premessa, Il Mulino, Bologna, 2001).

      • "Il sentire rituale implica l’abbandono di ogni prospettiva grettamente ideologica [...] Viene così colta con grande acume l’irriducibilità del rituale ad alcunché di cognitivo che può essere descritto in termini di vero o falso o ad alcunché di morale che può essere descritto in termini di bene o male.
      • « Manca solo il colpo di grazia - che si chiama passione ». Essa implica una perfetta aderenza al « questo » del vivere, il cui esempio è rappresentato dalla passione di Cristo ; essa perciò è la chiave della condizione umana, del G. H., del genere umano. « Quando si realizza il vivere, ci si domanda : era dunque solo questo ? E la risposta è : non è solo questo, è esattamente questo ». Ci si sente così « battezzati dal mondo » e più forte della speranza, più forte dell’amore, è la fiducia" (Mario Perniola, Del sentire casttolico, cit., pp. 156-157, senza le note).


L’indovino lacrimante alla ricerca di sé

« Tiresia », il primo e ultimo romanzo di Mario Perniola. Narrazione filosofica sull’identità, uscì nel 1968. Ora riedito da Mimesis

di Fabrizio Scrivano (il manifesto, 27.03.2020)

      • [Foto] L’anima di Tiresia appare a Odisseo, un dettaglio dall’opera di Johann Heinrich Füssli

In una breve divagazione risalente ai primissimi anni Quaranta del Novecento, Emil Cioran scrisse a proposito degli esseri umani che « niente li addolorerebbe peggio che ritrovarsi,sopra il mucchio dei loro piacevoli inganni, di fronte alla pura esistenza ». Questa frase, che è insieme un giudizio, una sfida e una prospettiva di studio, non starebbe malissimo, se non in epigrafe, almeno a lato del primo e ultimo romanzo di Mario Perniola, Tiresia (Mimesis, pp.110, euro 12), che il filosofo e teorico dell’arte contemporanea già rinnegava pubblicandolo nel 1968, in quanto « effettivo superamento della mia precedente attività di critico letterario, concentratasi nel libro Il Metaromanzo (edito nel 1966) ».

IN EFFETTI, narrazione filosofica sull’identità, sull’essere e sul divenire, Tiresia era pensato escritto come la messa in pratica di una teoria del racconto, e come tale metaromanzo, ma anche voluto da Perniola, in quel tratto di vita, come ultimo gesto prima di divenire altro.

Qualche anno prima di morire,cinquant’anni dopo averlo scritto, Perniola aveva pensato di ripubblicarlo, scrivendo, quale nuova premessa, una severa recensione di sé e dell’opera, che tuttavia riabilitava come strumento di una ricognizione autobiografica.

Il primo degli indovini lacrimanti che Dante nel XX Canto dell’Inferno vide camminare in processione con il volto ritorto rispetto al busto, tanto da far scorrere le lacrime nel solco intergluteo, fu proprio Tiresia, colui « che mutò sembiante / quando di maschio femmina divenne / cangiandosi le membra tutte quante ».

NELLA NARRAZIONE mitologica,quello di Tiresia è un tipico caso non risolto cui è comunque assegnata una pena senza fine. Diventato donna per aver toccato col bastone una serpentessa nel momento dell’accoppiamento, dopo sette anni di sessualità femminea decide di reinvertire la sua identità. Non ermafrodita né transessuale né omosessuale ma pienamente l’uno e l’altro sesso in tempi diversi. Per aver incautamente svelato(ma, in altre narrazioni, anche solo per aver conosciuto) i segreti dell’essere donna, viene punito da Era con la cecità e poi ricompensato da Zeus con la chiaroveggenza. Ed è per questo ultimo premio che si trova all’inferno. Diciamo che è un’identità che non sa mai cosa possa condannarlo o premiarlo, e che per questo è costretto ad affidarsi a una trasformazione continua.

PERNIOLA fu molto visionario nell’intercettare questo soggetto, che poteva rappresentare un certo modo di essere senza essere. In particolare qui prende il nome e l’immagine del borghese, inteso come colui che non milita, che non combatte (né può farlo essendo per definizione senza essere alcuno ed essendo anche inconsapevole di questa sua inesistenza) per affermare contemporaneamente sé e la negazione di sé.
-  Ma per procedere a questa acquisizione dell’essere e della coscienza di essere, è necessario mutare completamente il corpo, negare la propria identità per poterla riaffermare in quanto negazione della trasformazione. Così Tiresia, che non ha nulla da rappresentare ma ha il solo obbligo di essere qualcosa, sí manifesta a sé e all’altro da sé con una sola frase tanto rassicurante quanto paradossale : di aver fatto quelle cose solo con te, e per la prima volta. Poteva forse esserci memoria di un dramma teatrale di Guillaume Apollinaire, Les Mamelles de Tirésìas (1916), che recla-mava il piacere del cambiamento consapevole, ma rimane poco e niente di surrealista nel racconto che le diverse identità di Tiresia mettono in fila, che ora parla con lei o di lei, come estranea a sé, ora parla di sé come la lei che non è più o non è ancora.

Uno sdoppiamento sessuale che ricorda assai di più Carlo, il protagonista dell’incompiuto romanzo di Pier Paolo Pasolini, noto a noi tutti con il titolo di Petrolio (scritto dal 1972 e pubblicato postumo nel 1992), che prima si sdoppia tra un modello urbano, Carlo di Polis, e un modello silvestre, Carlo di Tetis, interpretando cioè i due poli dell’accomodamento e della metamorfosi, dell’ubbidienza e del rifiuto, ma che poi si accorge di essere diventato donna, cioè qualcuno di completamente diverso da sé (cangiate tutte quante le membra) e capace perciò di esperienze tutte diverse. « E un romanzo, ma non è scritto come sono scritti i romanzi veri », scriveva Pasolini ad Alberto Moravia : « Ho reso il romanzo oggetto non solo per il lettore ma anche per me : ho messo tale oggetto tra il lettore e me, e ne ho discusso insieme (come si può fare da soli, scrivendo) ». Un proposito che sa di metaromanzo anch’esso.

PERNIOLA VOLLE allontanarsi subito da quel modo di dire e ragionare, che percepiva egli stesso come troppo violento (però in realtà umoristico e qualche volta comico). Ma non dal problema che Tiresia poneva : « La femmina è tanto diversa dall’eroe che quando dice una cosa intende esattamente il contrario di ciò che dice ; perciò non è vero che menta, lei in realtà non mi mente mai, parla soltanto una lingua che non conoscevo ». Che, tentando di non leggere al rovescio questa frase, più o meno significa che conoscere è sorpassare l’inibizione di non riconoscere.


* SUL TEMA, NEL SITO, SI CFR. :

IDENTIFICARSI CON CRISTO PER SUPERARE EDIPO. "Frammento inedito" (1931) di Sigmund Freud

DAL DISAGIO ALLA CRISI DELLA CIVILTA’ : FINE DEL "ROMANZO FAMILIARE" EDIPICO DELLA CULTURA CATTOLICO-ROMANA.

DAL "CHE COSA" AL "CHI" : NUOVA ERMENEUTICA E NUOVO PRINCIPIO DI "CARITÀ"! DELLA TERRA, IL BRILLANTE COLORE.

DANTE, ERNST R. CURTIUS E LA CRISI DELL’EUROPA. Note per una riflessione storiografica -
-  L’EUROPA IN CAMMINO - SULLA STRADA DI GOETHE O DI ENZO PACI (“NICODEMO O DELLA NASCITA”, 1944) ?!

Federico La Sala


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :