Inviare un messaggio

In risposta a:
Per l’Italia e per l’Europa!!!

DICHIARAZIONE DEI REDDITI: 8 PER MILLE ALLA CHIESA VALDESE. "Micromega" lancia un doppio appello (laico e dei cattolici) per i Dico e contro le ingerenze ecclesiastiche - a cura di Federico La Sala

domenica 1 aprile 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] Particolarmente significativo l’appello dei cattolici. Sottoscritto anche da molti religiosi. Undici firme sotto un testo severo: "Siamo scandalizzati da una politica dei vertici ecclesiali sempre più tesa a usare il potere che deriva dal denaro, dalle clientele, dalle influenze politiche, dal dominio sulle coscienze per condizionare la politica degli stati e in particolare di quello italiano". L’appello vede nomi noti: da don Mazzi a don Vitaliano Della Sala. Uniti nel dire quanto (...)

In risposta a:

> DICHIARAZIONE DEI REDDITI: 8 PER MILLE ALLA CHIESA VALDESE. ---- Le Confessioni religiose riconosciute e le vicende dell’otto per mille (di Marco Ventura)

domenica 12 agosto 2012

Le Confessioni religiose riconosciute e le vicende dell’otto per mille

di Marco Ventura (Corriere della Sera, 12 agosto 2012)

Diventeranno legge dal 22 agosto tre intese firmate cinque anni fa dal governo Prodi: con la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi del Settimo giorno, cioè i mormoni; con gli ortodossi del Patriarcato di Costantinopoli; e con i pentecostali della Chiesa Apostolica d’Italia. Queste chiese avranno ora più armi contro le discriminazioni, beneficeranno di vantaggi fiscali e potranno compiere atti religiosi con effetti civili senza il surplus di burocrazia che grava sui «culti ammessi» ancora soggetti all’obsoleta legge del 1929.

Il passo avanti non deve illudere. Si tratta di un risultato limitato a poche migliaia di credenti italiani e a confessioni politicamente sensibili, come quei mormoni nelle cui vele soffia non da ora la diplomazia americana.

Delle sei intese stipulate nel 2007 restano al palo, non a caso, le più espressive dell’Italia multireligiosa. Da troppo tempo buddisti e Testimoni di Geova aspettano che il Parlamento onori l’impegno assunto da D’Alema nel 2000 e rinnovato da Prodi cinque anni fa: alla loro forza spirituale risponde un vile ostracismo, di cui dal 2007 è ormai vittima anche l’induismo italiano.

Restano poi ben lontani dai benefici di un’intesa due milioni e mezzo di islamici e ortodossi, rumeni e ucraini in particolare. La questione economica è centrale. L’accesso all’otto per mille di milioni di credenti oggi esclusi cambierebbe il quadro. Tra l’altro, si ridurrebbero assai le entrate della Chiesa cattolica, oggi premiata dal meccanismo per cui chi esprime la propria preferenza, ovvero meno della metà dei contribuenti, sceglie anche per chi non lo fa. I

mormoni hanno invece rinunciato all’otto per mille: tirano fuori i soldi di tasca propria e si accontentano che lo Stato garantisca la deducibilità delle offerte fino a mille euro. Resta dunque da verificare il significato di questo colpo di reni parlamentare, merito dell’impegno trasversale di pochi senatori e della determinazione di valdesi e federazione dei protestanti.

Anche sulla religione, il Paese è al bivio: saprà trovare il coraggio di riconoscersi cambiato e di girare pagina davvero?


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: