Poster un message

En réponse à :
US-Afghanistan

LA "FORZA ITALIA" DELL’ITALIA E LA "PAROLA ITALIA" DELL’ITALIA. La denigrazione del chirurgo italiano Gino Strada e la espulsione della sua organizzazione Emergency (quasi due milioni di vite salvate) dall’Afghanistan. Un commento di Furio Colombo - a cura di pfls

dimanche 15 avril 2007 par Maria Paola Falchinelli
[...] il patto d’acciaio fra opposizione della Repubblica italiana e servizi segreti afghani ha tentato la seconda strada : Gino Strada è un fiancheggiatore. L’offesa è grande, perché investe non solo una persona coinvolta su vasta scala e da molti anni in una missione umanitaria celebre, rispettata, onorata nel mondo, ma l’intero governo italiano e tutte le sue istituzioni che hanno chiesto a Gino Strada di addossarsi la missione di salvezza.
Ma - come si è detto - la violenza dell’accusa (...)

En réponse à :

> LA "FORZA ITALIA" DELL’ITALIA E LA "PAROLA ITALIA" DELL’ITALIA. La denigrazione del chirurgo italiano Gino Strada e la espulsione della sua organizzazione Emergency (quasi due milioni di vite salvate) dall’Afghanistan. Un commento di Furio Colombo - a cura di pfls

mercredi 18 avril 2007

Emergency, domani sit-in « Libertà per Hanefi » *

Si svolgerà davanti all’ambasciata dell’Afghanistan, a Roma, il Sit-in promosso dall’Ong Emergency, Arci, Cgil e altre sigle della rete dei movimenti, come Action, Left e Rinascita. Le associazioni scenderanno in piazza giovedì 19 aprile alle ore 17,30 di fronte alla sede diplomatica afghana in Italia, per chiedere il rilascio immediato da parte delle autorità del governo di Kabul di Rahmatullah Hanefi, l’uomo che - come spiegano i movimenti nel loro annuncio - ha svolto un ruolo essenziale nella liberazione del giornalista di "Repubblica" Daniele Mastrogiacomo, Hanefi opera da anni a fianco nel Paese martoriato dalla guerra a fianco della popolazione civile ». Se di professione Rahmatullah Hanefi fa il responsabile del personale di Emergency nell’ospedale di Lashkar Gah, da quasi un mese Rahmatullah è in un carcere del governo di Kabul, senza che gli sia stata mossa alcuna imputazione. Il che è accaduto nei giorni successivi alla liberazione di Mastrogiacomo, ma l’uccisione di due cittadini afghani (uno dei quali Adjmal, l’interprete di Mastrogiacomo) ha tragicamente oscurato la vicenda. « Chiediamo al governo afghano di liberare immediatamente Rahmatullah hanefi e di creare il clima favorevole affinché Emergency possa riprendere normalmente il lavoro », spiega la rete dei movimenti nel loro comunicato. Che aggiunge : « Chiediamo anche al governo italiano di usare tutti i mezzi disponibili, ufficiali e informali, per ottenere questi obiettivi ».

Il tutto riguardo anche alle vicende alle quali è andata incontro Emergency a partire dal giorno dopo alla liberazione di Mastrogiacomo. « Respingiamo le vergognose dichiarazioni del governo Karzai - ricordano i movimenti - che ha accusato Emergency di fiancheggiamento con i terroristi ». Al presidio, organizzato per giovedì, prenderà parte anche la "Sinistra Critica" di Salvatore Cannavò, l’ala sinistra dello schieramento di Rifondazione comunista, e alcuni gruppi di Rc.

* l’Unità, Pubblicato il : 18.04.07, Modificato il : 18.04.07 alle ore 14.48


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :