Inviare un messaggio

In risposta a:
Politica addio?

"Pd" - Un partito democratico? Un partito nuovo? Ma di quale Italia e di quale Europa? "Note da lontano 13": un commento di Rossana Rossanda, prima della investitura di Walter Veltroni - a cura di pfls .

Il convitato di pietra di tutta la storia, quello che è stato ucciso e si spera sepolto, è la radice socialista della sinistra.
giovedì 28 giugno 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] Il socialismo è stato declinato in molte maniere, ma un’idea forte aveva alla base, l’ insopportabilità politica, alla luce della modernità, di un modo di vivere e di produrre inuguagliante e strumentale come quello capitalistico, non regolato se non dal mercato. Sul come rimediarvi, se per riforme o per rivoluzione, è stato l’oggetto del contendere fra socialisti e comunisti, ma che quel «sistema» fosse intollerabile, per l’illibertà sostanziale che esso comporta per la grandissima (...)

In risposta a:

> "Pd" - Un partito democratico? Un partito nuovo? Ma di quale Italia e di quale Europa? "Note da lontano 13": un commento di Rossana Rossanda, prima della investitura di Walter Veltroni - a cura di pfls .

mercoledì 18 luglio 2007

Il numero 50 di Adista è da non perdere.

segnalazione di Aldo [don Antonelli]

Vi si riporta un interessantissimo dibattito sull’attuale stato della politica italiana e non: America, la Destra italiana, Berlusconi, la sinistra, il cattolicesimo democratico, il partito democratico ed altro ancora.

Al forum partecipano Angelo Bertani, Furio Colombo, Raniero La Valle e Giorgio Tonini.

Vi riporto solo alcuni passi dell’intervento di Furio Colombo. Le evidenziazioni in grassetto sono mie. (Aldo)

Se vi interessa tutto il forum potete leggerlo nel sito www.adistaonline.it

Furio Colombo: Il vento nuovo che soffia dagli Usa aiuterà l’Italia a fare definitivamente i conti col berlusconismo? (......)

Ho vissuto a lungo in un Paese, gli Stati Uniti, profondamente permeato dalla cultura democratica: il Paese che veniva da Roosevelt, dalla lotta all’anti-fascismo, dalla enorme importanza che avevano i sindacati, la cultura del solidarismo, la militanza di preti e suore sui temi della pace e del disarmo. Nell’arco di questi ultimi anni ho visto come è nata la nuova destra americana. Una destra che, benché a livello profondo avesse sempre avuto le sue punte di diamante dentro i grandi interessi economici, in superficie ha iniziato a presentarsi nelle forme “popolari” della destra cristiana fondamentalista. Ad un certo punto le grandi Chiese protestanti, principalmente quella battista, hanno dato segni di fondamentalismo, iniziando a proclamare l’importanza della fede a scapito delle opere; anzi, quasi il disprezzo per le opere. Nel mio libro del 1982, “Il Dio d’America”, affermavo che l’America sarebbe stata segnata dai grandi movimenti religiosi e confrontavo i tre grandi movimenti allora presenti: quello evangelico-pentecostale-battista, con forti venature fondamentaliste e grande spinta verso la destra popolare di massa; quello cattolico, ancora vastamente solidarista e basato sui grandi valori del lavoro, dei poveri, del mito di Madre Teresa di Calcutta; quello del militantismo ebraico che era principalmente democratico e solidaristico, tanto è vero che, nonostante Israele, tuttora una piccola maggioranza dei 5 milioni di ebrei americani vota democratico, piuttosto che repubblicano.

Il cambiamento della destra americana è avvenuto all’improvviso, con un meccanismo molto simile a quello che in seguito sarà il meccanismo berlusconiano. In questo processo, Reagan ha agito in un modo piuttosto sommario e improvvisato. Qualcosa di molto più solido è accaduto con Bush padre, dove l’aggancio con alcune centrali di attività internazionale di destra e di estrema destra era forte, tuttavia Bush padre si sentiva ancora legato alle forme della politica, a certi aspetti costituzionali, per cui il suo spostamento a destra è stato, dal punto di vista degli effetti, meno visibile di quello operato da Reagan. Invece, con George W. Bush la destra ha perso qualsiasi pudore, rompendo ogni barriera politico-istituzionale. E qui c’è la saldatura con la situazione italiana, che ha con gli States un rapporto molto particolare. George W. Bush ha saldato con Silvio Berlusconi un rapporto assolutamente omogeneo e corrispondente tra destre decise a non avere alcun pudore.

Bush figlio è corso verso il voto della prateria cristiana rimuovendo ogni ostacolo, ha messo il piano inclinato e ha permesso che tutta la politica del partito repubblicano andasse verso quella parte: “Cosa volete? la preghiera nelle scuole, anche se offende le altre religioni? Non importa, noi siamo per la preghiera nelle scuole. Limitazioni all’aborto anche quando è in pericolo la salute della donna? Non c’è problema”. Quella di Bush è stata una corsa indifferenziata per ingraziarsi i favori della destra cristiana e in questa sua corsa è stato seguito dai media, che riflettevano gli interessi di quella finanza (......)

Questa manovra è stata ripresa in pieno da Berlusconi che ha capito da subito che bisognava mettere il piano inclinato, e lasciar scorrere tutto ciò che favoriva atteggiamenti tradizionalisti, conformisti, opportunisti, cercando di risvegliare tutto il vecchio e tutto il peggio della società italiana. L’incoraggiamento non esplicito ma molto diffuso nel mondo berlusconiano recita: “Tu devi fingere di essere credente, non devi essere credente”. Un grande incoraggiamento alla finzione; e nella finzione di essere credente non c’è limite, non c’è obiezione. L’Italia ha alle spalle secoli di opportunismo per poter sopravvivere: risvegliare l’opportunismo della finzione di essere credenti è stata una mossa vincente.

Stessa dinamica per un fatto accaduto recentemente: il caso della Guardia di Finanza. Il giorno che Padoa Schioppa riferiva in Senato sulla questione del generale Speciale, abbiamo saputo che a destra avevano previsto l’arrivo delle fiamme gialle nei loggioni del Senato, che avrebbero dovuto popolarsi di finanzieri. Un fatto gravissimo, che Marini ha impedito con un pretesto, facendo dire agli uscieri che mancava la richiesta. Ora, non è che a destra siano stati presi da una vampata di patriottismo, è che una volta messo il piano inclinato, non c’è più limite, non c’è più modo di fermarlo. Per questa ragione, in quattro anni di direzione dell’Unità io ho sostenuto il pericolo grave, mortale rappresentato da Silvio Berlusconi. Sono rimasto l’unico; non sono stato sostenuto e ad un certo punto sono stato pregato di andarmene. Zanda (Margherita) ha recentemente fatto appello a Berlusconi “a lavorare assieme per il bene della patria”. Gli ho detto: “Guarda, avrai la risposta di Berlusconi entro questa sera”. Sono passati 5 minuti e la destra ha occupato l’aula con i cartelli con il volto di Visco come quello del padrino, con le scritte “ridateci la democrazia”, bloccando i lavori e assumendo un comportamento indegno. E questo dopo l’appello di Zanda a “lavorare assieme”...

Allora io continuo a vedere il pericolo non in Ruini, ma in Berlusconi. Perché una calca di miscredenti è entrata con forza nelle chiese con il nuovo comandamento “tu crederai senza credere”. Alle spalle dei cattolici è arrivata la calca di miscredenti e ha cominciato a fare a gomitate e a pugni nello spazio nei pressi del papa. Per cui il papa non fa in tempo ad aprire la bocca che ottiene lo spazio in tutti i telegiornali: è un bollettino quotidiano, moltiplicato per tutti i telegiornali che l’Italia possiede, con delle sequenze che finiscono per influenzare la gente. Quindi in questo momento tutto ciò che chiamiamo Chiesa è in mano a miscredenti! In mano ad uomini come Giuliano Ferrara, in mano ai cosiddetti atei devoti; sono loro che condizionano e spingono la folla, creando dei mostri come il Family Day, che è stata una delle cose più umilianti che abbia mai visto, da italiano: l’esibizione di famiglie con sette figli io le ho viste da bambino solo al tempo del fascismo.

Il Family Day, così come ci è stato illustrato dalle televisioni, dai miscredenti, ci ha mostrato che la famiglia vera è quella che ha almeno sette figli. Invece era un’oscena operazione “anti”: contro i diritti di altre persone, attraverso un passaggio di una nefandezza logica e inesistenza logica assoluta, quella per cui se due persone si vogliono bene, vivono insieme e vogliono una legge che gli consenta di passarsi l’apparta-mento, per non farsi sfrattare in caso di morte di uno dei due, questo minaccia me, mia moglie, i miei figli e i miei nipotini! Ma come si può affermare una illogicità così profonda? Soltanto tra miscredenti. Soltanto tra gente senza fede, senza amore, senza solidarietà, senza rapporti tra esseri umani. Soltanto tra cinici si possono dire cose di questo genere, e per imporre questa logica perversa c’è bisogno che la piazza sia occupata da una folla di miscredenti e di finti credenti, di signore divorziate che stanno con il nuovo amico, scollate e con il crocefisso, nel loro quarto matrimonio benedetto da qualche vescovo. (.....) Penso .... che il cambiamento che viene dall’America porterà dei cambiamenti anche in Italia. Purtroppo, anche nel Senato italiano, ancora si continuano a lanciare appelli a Berlusconi, il peggiore personaggio che sia apparso alla ribalta della vita politica del mondo negli ultimi tredici anni. Al punto che, nella stampa francese, i detrattori o gli scettici di Sarkozy si domandano: sarà un Kennedy o un Berlusconi? Ma è nel vento nuovo che soffia in America che vedo l’aggancio con la speranza che si possa superare questa impasse, anche all’interno del nascente Partito Democratico, che però è afflitto al momento da un’anemia paurosa, in particolare nella parte che è numericamente più ampia, ovvero nella sinistra che ci sta entrando in condizioni di debolezza. Dalla posizione mite e prudente di Hillary Clinton a quella infinitamente più esposta e generosa di Barack Obama, c’è un’America solidaristica, un’America dei poveri, un’America dell’anti-guerra, dei grandi sentimenti popolari, come quella della signora Cindy Sheehan che ha perduto il figlio in Iraq, l’America che ha portato la cattolica Nancy Pelosi a divenire la speaker della Camera (con un Senato robustamente rappresentato da cattolici come Kennedy e Kerry) nel Congresso più anti-guerra che ci sia mai stato dopo il Vietnam. E se vedo dei cedimenti strani, terribili e poco promettenti, spero comunque che la scossa americana dia il frutto che potrebbe dare. Ma può darsi che abbia un eccesso di ottimismo.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: