Inviare un messaggio

In risposta a:
Opinioni

Le poco laiche minacce a Bagnasco. A chi giovano? - di Maria Mantello

domenica 22 aprile 2007 di Vincenzo Tiano
di Maria Mantello *
Il laico si confronta sui contenuti. Analizza dati e fatti. Non ha professioni pregiudiziali. Il laico non accende roghi e non mette mordacchie. Non ha bisogno di ricorrere a minacce e tanto meno alla violenza. Pertanto, chi ha prodotto le scritte contro il presidente della Cei, Bagnasco, sappia che non appartiene all’universo laico e alla sua storia. Ma sappia anche che sta trasformando il cardinale in un personaggio incontestabile.
Come chiunque altro, così anche le (...)

In risposta a:

> Le poco laiche minacce a Bagnasco. A chi giovano?

lunedì 30 aprile 2007


-  Il presidente della Repubblica invia un messaggio al segretario di Stato Bertone
-  Invito a garantire un dialogo costruttivo tra la Chiesa Cattolica e lo Stato

-  Napolitano: l’Italia non lascerà solo Bagnasco
-  Il Papa telefona al cardinale
*

ROMA - "L’Italia non lascerà solo monsignor Angelo Bagnasco". Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato un messaggio al cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato Vaticano, per esprimere la propria solidarietà al presidente della Cei bersaglio da un mese di una serie di intimidazioni culminate nei giorni scorsi con l’invio di un bossolo accompagnato da parole minacciose. E poco dopo dal Vaticano è stata data notizia di una telefonata di solidarietà del Papa al cardinale.

Il presidente della Repubblica, nel suo messaggio, dicer tra l’altro: "Raccolgo le parole da lei pronunciate in relazione a recenti e gravi episodi di intolleranza nei confronti della Chiesa Cattolica", ha scritto Napolitano al cardinale Bertone. "Desidero assicurarle che l’Italia non lascerà solo monsignor Angelo Bagnasco di fronte alle inammissibili, vili minacce di oscura provenienza di cui è stato fatto oggetto".

Il presidente Napolitano lancia un appello affinchè sia garantito "il più sereno esercizio della missione pastorale del presidente della Conferenza Episcopale Italiana", ed invita al "più pacato, responsabile e costruttivo dialogo tra la Chiesa Cattolica, la politica e la società civile, in linea con gli ottimi rapporti che intercorrono tra la Santa Sede e lo Stato italiano".

Anche il presidente della Camera Fausto Bertinotti ha chiesto uno "scatto etico e politico" per fermare "questo clima pericoloso". "La mia solidarietà e la mia condanna sono scontate. Il fatto è che a questo punto non bastano più". Conversando sulle minacce ricevute dal monsignor Angelo Bagnasco, Bertinotti ha chiesto di fare argine al degrado, che impoverisce e imbarbarisce il discorso pubblico sul quale finiscono per lasciare un segno le "schegge impazzite" di qualunque colore.

* la Repubblica, 30 aprile 2007


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: