Inviare un messaggio

In risposta a:
Auguri

22 APRILE 2007. IL DIRITTO DI PAROLA: ITALIA!!! RESISTENZA E RESISTENZE: "RT". Dopo "un inconveniente tecnico" e un intervallo "durato cinque anni", Enzo Biagi ha ripreso il suo lavoro!!! - a cura di pfls

Una puntata dedicata alla Liberazione e alla Resistenza della gente comune. In studio, fra gli altri, Vittorio Foa, Tina Anselmi, Roberto Saviano
mercoledì 25 aprile 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] La Festa della Liberazione e le resistenze esemplari della gente comune, "perché la Resistenza non è mai finita, anche oggi c’è sempre da resistere a qualcosa": questo il tema scelto dal giornalista per il suo rientro televisivo, con un occhio agli ascolti ("spero che la gente lo guardi" dice a Fabio Fazio, nell’intervento a Che tempo che fa) e l’animo del cronista, "mi preoccupo di cercare di dire una verità in più di quelle che si dicono, e questo esaurisce la mia parte" [...] (...)

In risposta a:

> 22 APRILE 2007. IL DIRITTO DI PAROLA: ITALIA!!! RESISTENZA E RESISTENZE: "RT". Dopo "un inconveniente tecnico" e un intervallo "durato cinque anni", Enzo Biagi ha ripreso il suo lavoro!!! - a cura di pfls

lunedì 23 aprile 2007

La resistenza delle ACLI di Cernusco *

di Mario Pancera

Ci ricorda il 25 aprile. Leggete questa lettera: denunciava i disastri del berlusconismo sul piano umano e sociale. I lavoratori cristiani contano su uomini politici diversi

La lettera che segue è stata spedita agli iscritti e agli amici dopo le elezioni politiche del 2006 dal circolo ACLI di Cernusco sul Naviglio, comune di 20 mila abitanti alle porte di Milano. È un circolo molto attivo, in un paese che, dopo la seconda guerra mondiale, è diventato, come tanti altri in Lombardia, una cittadina industriale, e oggi ha pure una forte presenza multietnica. È passato un anno, ma la lettera è da meditare: ci sono denunce e speranze di lavoratori cattolici. Le denunce riguardano le violazioni del centrodestra, le speranze riguardano il futuro vagheggiato durante quella che è addirittura chiamata «seconda resistenza».

«Il risultato elettorale del 9-10 aprile - scrivevano le ACLI - ribalta di un soffio la situazione politica precedente e, se i dati diventeranno definitivi, si chiuderà un’epoca tra le più difficili della nostra storia repubblicana.

«Siamo come usciti da una specie di "seconda resistenza": i sindacati snobbati, la scuola ridotta e senza fondi, la revisione della Resistenza, il mondo del lavoro costretto ad una precarietà senza precedenti, l’approvazione di leggi non sempre a tutela di tutti i cittadini, i mezzi di comunicazione, la Magistratura. Il risultato è stato quello di ritrovarci in un’Italia più povera di soldi, di valori e di cultura, costringendo i nostri emigranti all’estero a difendersi di essere italiani. Il voto degli italiani all’estero ha contribuito a ottenere la maggioranza anche al Senato della Repubblica. Il Presidente delle ACLI della Svizzera, Franco Narducci, è stato eletto al Parlamento.

«Ora tocca a noi trasformare l’Italia in un "Paese normale" e lavorare per il "bene comune": acquisire il senso dello Stato che va preso in considerazione e difeso "pagando le tasse ognuno secondo i propri redditi" (Einaudi); tocca a noi lavoratori ed ex lavoratori difendere il lavoro dei giovani e il loro futuro; tocca a noi cittadini collaborare per la gestione più partecipata delle nostre città; tocca a noi, singole persone o famiglie, creare ambienti sereni senza farci travolgere dal consumismo, dai valori "televisivi", dai telefonini; tocca a noi laici fare in modo che le comunità cristiane "siano ciò che l’anima è per il corpo" (lettera a Diogneto).

«La Pasqua 2006 sia ancora una volta vissuta da noi come "un passaggio", una vita rinnovata, una Buona Pasqua.»

Che cosa aggiungere? Dovevamo «chiudere un’epoca tra le più difficili della storia repubblicana», dicono. L’Italia si è rinnovata? La delusione è diffusa, soprattutto tra i cattolici che operano nel sociale. Ora che la resistenza al fascismo, ricordata il 25 aprile di ogni anno, sembra diventata un mito, una festa in cui si gode, giustamente, per la recuperata libertà, ma in cui si dimenticano lutti e dolori della dittatura, questa lettera scritta con fedeltà ai valori cristiani da un piccolo gruppo di lavoratori, ci mette di fronte alla dura realtà. È un memento, un alto richiamo morale. Chiede a milioni di italiani di mantenere la schiena diritta.

Mario Pancera

* IL DIALOGO, Sabato, 21 aprile 2007


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: