Poster un message

En réponse à :
W o ITALY...

ALLARME ITALIA. MAFIA PIU’ FORTE DELLO STATO : UN SONDAGGIO CHOC TRA I GIOVANI DI PALERMO. Messaggio del Presidente della Repubblica al convegno per il 25° anniversario dell’omicidio di Pio La Torre e Rosario Di Salvo : "Solo un grande movimento di popolo può sconfiggere la mafia" - a cura di pfls

mercredi 23 avril 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] La mattina del 30 aprile del 1982 Pio La Torre, deputato del Pci e "papà" della legge che ha introdotto il reato di associazione mafiosa e la confisca dei beni dei boss, era a Palermo e stava andando alla sede del partito in macchina, una Fiat 132. Con lui c’era l’amico e collega Rosario Di Salvo. A un semaforo la macchina fu accostata da due grosse moto che fecero fuoco e uccisero i due politici. Quegli uomini, hanno accertato poi i processi, erano stati mandati da Totò Riina [...] (...)

En réponse à :

> MAFIA, SOCIETA’, E UN SONDAGGIO CHOC TRA I GIOVANI DI PALERMO. ----- Un patto tra mafia e ’ndrangheta. Duro colpo alla malavita sottol la Mole. (di Massimo Numa).

mercredi 23 avril 2008

LA STORIA, DURO COLPO ALLA MALAVITA SOTTO LA MOLE

La cosca del poker

C’era un patto tra mafia e ’ndrangheta. Decimati i padroni del gioco d’azzardo

di MASSIMO NUMA (La Stampa, 23/4/2008)

Sei boss del crimine organizzato in cella, centoquindici persone denunciate, cinque bische sequestrate. E’ la sintesi dell’operazione « Gioco duro », della sezione anti-racket della squadra mobile, coordinata dal capo, Sergio Molino, e dal responsabile dello Sco, il vicequestore Marco Martino (pm Maurizio Laudi, Onelio Dodero, Antonio Malagnino e Dionigi Tibone). Accusa, associazione per delinquere di tipo mafioso. Al centro, il business delle bische clandestine.

Indagine lunga, nata da un delitto avvenuto a Barriera Milano, vittima il gestore del night « Champagne », Vincenzo Casucci. Giustiziato dal racket perché, nel suo locale, si giocava ai dadi. Un danno per i club privé delle cosche. Uno sgarro pagato con il sangue. Da lì, anno 2001, passo dopo passo, parte l’indagine sulle bische, saldamente in mano alle famiglie calabresi e ai residui dei clan mafiosi siciliani. Siamo già nel 2006. Carte e dadi, un modo come un altro per far soldi, con meno rischi del narcotraffico e conseguenze penali quasi irrisorie. « Dunque - osservano i pm - un’importante e lucrosa forma di finanziamento per le organizzazioni malavitose di origine calabrese. L’attività ha consentito inoltre di verificare che i gruppi criminali dominanti nella zona di Torino gestivano le attività di controllo del gioco d’azzardo intascando decine di migliaia di euro ».

I sei sono Giuseppe Belfiore, 52 anni ; Aldo Cosimo Crea, 34 anni, e il fratello Adolfo, 37 anni, già detenuto a Bologna per una condanna definitiva per un’estorsione avvenuta a Torino ; Antonio Samà, 40 anni ; Natale Genovese, 53 anni ; Alfonso Triggiani, 37 anni, detto « Tenerone ». Sequestrati i circoli Ermitage, Euro 5, Fight Club, Billard Top e Number One. Gli indagati sono Renato Riccio, Giuseppe Possomato, Giuseppe Pace, Gianluca Arcadi, Michele Elmo e Raffaele Dragone.

Personaggi di altro profilo criminale, i Crea, finiti a Torino nel 2001 per sfuggire alla faida. In Calabria, a Locri, erano sfuggiti per miracolo a un attentato dinamitardo. Assieme a Giuseppe « Peppe » Belfiore, avevano costituito un « cartello » torinese. Belfiore assistito dal suo legale di fiducia, Carmine Ventura, ha fatto alcune « dichiarazioni « spontanee » : « Non sono un mafioso, non so nulla delle bische, sono in difficoltà economiche ». Professione, assicuratore. Un mutuo da pagare per la sua casa di Airasca. Spesso in viaggio per l’Olanda, su una Porsche Cayenne intestata a un amico. Gli hanno trovato anche un catalogo di diamanti. Prezzi e caratteristiche delle pietre. Indirizzi di Amsterdam e Anversa.

Fu il pm Malagnino ad occuparsi, per primo, dei fratelli Crea. Che a Torino avevano trovato un ambiente ideale, per riorganizzare la cosca. Gente serie. Un lavoro di copertura, niente lussi. Al contrario dei soci torinesi, amanti di auto di lusso e vestiti firmati. E scarpe. Tante scarpe : « Hai l’armadio delle Hogan ! », commenta la moglie di un boss, al cellulare.

Intrecci e amicizie ancora da verificare. L’indagine sulle bische è solo l’inizio. C’è la storia dello « Zio », Mario Ursini, costretto a lasciare Torino, incalzato dalla polizia. Lo seguono persino sino a quando lui, diretto a un bar dove deve ricevere soldi dai soci dei club ; ha lasciato i cellulari nell’auto, parcheggiata lontana. Gli agenti lo sorprendono e lo « Zio » si arrende : « Adesso basta, me ne devo andare via ». Insopportabile pressing.

Gente cauta. I Crea, nelle bische, non sono mai entrati. I colloqui di lavoro, solo sui marciapiedi davanti a casa. Telefoni spenti, camminando avanti e indietro. Per ore. Lontani da microspie, dalla rete delle intercettazioni.

Un blitz dietro l’altro. Al Billard Top di via San Paolo, la punta di diamante, i frequentatori hanno finto di guardare un film porno. Fiches e carte, nascoste anche nei calzini. Quindici grammi di cocaina, nella plafoniere di un neon. All’appello, mancano ancora gli usurai. Così il cerchio si chiude.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :