Poster un message

En réponse à :
Eu-ropa

ILIADE E ODISSEA. Duplice il centro di elaborazione : l’Atene dei tiranni e gli esuli di Sigeo. L’ipotesi dello studioso Antonio Aloni - a cura di pfls

samedi 12 mai 2007 par Maria Paola Falchinelli
Omero trasloca :
epica da rivedere ?
Muovendo da Pilo, la città di Nestore, l’ipotesi dello studioso Antonio Aloni è che
il centro di elaborazione e l’uditorio per i cantori dell’« Iliade » e dell’« Odissea »
sarebbero duplici : l’Atene dei tiranni e gli esuli di Sigeo
di Bianca Garavelli (Avvenire, 12.05.2007)
Anche Nestore, l’eroe di un tempo antico, personaggio già anziano nell’Iliade, ha avuto un passato da giovane glorioso. E attenzione ai suoi racconti di imprese e conflitti : sono ricordi (...)

En réponse à :

> ILIADE E ODISSEA. Duplice il centro di elaborazione : l’Atene dei tiranni e gli esuli di Sigeo. --- ULISSE E FILOTTETE... Provate a immaginare che Ulisse non sia tornato mai dal regno dei morti e che a compiere la vendetta verso i Proci sia stato in sua vece il più abile degli arcieri achei, Filottete, il quale, secondo la leggenda, usava le armi forgiate da Ercole (di Dino Messina, sul saggio di Alberto Majrani).

vendredi 20 juin 2008

Ulisse e Filottete : il commerciante e l’arciere

Provate a immaginare che Ulisse non sia tornato mai dal regno dei morti e che a compiere la vendetta verso i Proci sia stato in sua vece il più abile degli arcieri achei, Filottete, il quale, secondo la leggenda, usava le armi forgiate da Ercole.

E’ questa in estrema sintesi la suggestiva ipotesi su cui si basa il saggio in forma di romanzo "Ulisse, Nessuno, Filottete" di Alberto Majrani, che viene presentato giovedì 19 giugno, alle 18 nella libreria Odradek in via Principe Eugenio 28 a Milano.

L’autore ha preso spunto per il suo libro, che ha una prefazione di Giulio Giorello, da un saggio sulla geografia omerica di Felice Vinci, "Omero sul Baltico", in cui si ipotizza che il figlio di Ulisse, Telemaco, abbia ingaggiato un mercenario per impersonare Ulisse e sterminare i pretendenti alla mano della madre Penelope e quindi al trono di Itaca. Perché si sa che Penelope aveva più titoli nobiliari del lontano, o probabilmente defunto consorte, Ulisse, abile navigatore che si era arricchito con l’arte del commercio.

Fra le tante virtù di Ulisse, afferma Majrani, non comparirebbe mai nei poemi omerici quella dell’arciere, che era invece la specialità di Filottete, che la tradizione vuole abbandonato sull’isola di Lemno perché infettato a un piede da una grave ferita. I compagni lo avrebbero recuperato per vincere la guerra di Troia e fatto curare dal medico Macaone.

Filottete, secondo Majrani, sarebbe stato un amico della famiglia di Ulisse e quindi disposto a rischiare per salvare il trono al giovane Telemaco, che ormai consapevole della morte del padre avrebbe architettato lo sbarco del finto Ulisse a Itaca, anche con la complicità di Penelope.

A parte un congruo bottino, a Filottete, che come tutti i bravi guerrieri era anche narciso, ne sarebbe derivata gloria eterna. Perché parte del piano di Telemaco e dell’astuta Penelope sarebbe stato di ingaggiare il cieco poeta, Omero, per tramandare ai posteri la grande bugia. Oltre alla verità che Filottete era il più valente degli arcieri.

* Corriere della Sera - LA NOSTRA STORIA di Dino Messina, 19.06.2008.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :