Inviare un messaggio

In risposta a:
Politica

PRIMARIE O NON PRIMARIE: LA SOCIETA’ CIVILE SI INALBERA. IL GRIDO DI CALLIPO NEL DESERTO POLITICO CALABRESE.

domenica 26 giugno 2005 di Marco Militerno
Finiti i girotondi, già da un pezzo, si aprono le danze delle primarie.
La società civile, quella disincantata dai partiti e illusa dai Moretti, dai Flores d’Arcais, dai Pancho Pardi si è dissolta nel nulla; un’uscita di scena tanto silenziosa quanto incomprensibile.
Le primarie, così come concepite dai colonnelli della coalizione senza alcun riferimento a quelle collegiali, non serviranno certo a incoraggiare quel terzo settore tanto inviso a D’Alema e Rutelli.
Un atto di forza chiaro e (...)

In risposta a:

> PRIMARIE O NON PRIMARIE: LA SOCIETA’ CIVILE SI INALBERA. IL GRIDO DI CALLIPO NEL DESERTO POLITICO CALABRESE.

domenica 7 ottobre 2007

Callipo: ’’Gli imprenditori restano in Calabria’’

Criminalità, toghe sporche, corruzione. Ma il Sud e regioni come la Calabria e la Sicilia sono terre in cui non è possibile una vita normale? L’imprenditore calabrese, già numero uno di Confindustria nella sua regione resta in prima fila. ’’Noi non molliamo’’, spiega il patron dell’omonima azienda del tonno. E mostra ai fotografi la spilletta che lancia l’associazione ’Io resto in Calabria’.Dì la tua sul forum

Roma, 5 ott. (Ign) - Criminalità, toghe sporche, corruzione. Ma il Sud e regioni come la Calabria e la Sicilia sono terre in cui non è possibile una vita normale? Filippo Callipo (nella foto), imprenditore calabrese, già numero uno di Confindustria nella sua regione resta in prima fila. ’’Noi non molliamo’’, spiega il patron dell’omonima azienda del tonno. E mostra ai fotografi la spilletta che recita ’Io resto in Calabria’, un gadget che lancia l’associazione che l’industriale sta mettendo in piedi ’’per dare speranza agli imprenditori locali e a chiunque nella società civile ha deciso di restare, per combattere, lavorare e affermarsi con i valori del lavoro e della legalità’’

Un modo per dire che ’’la sete di legalità appartiene a tanti in Calabria’’, come per esempio ’’ai giovani di ’E adesso ammazzateci tutti’ che hanno preso posizione sul caso De Magistris, e che da tempo stanno sfidando la criminalità’’. ’’Sul caso De Magistris -aggiunge Callipo- c’è stato già un polverone. Interesse di tutti è accertare la verità dei fatti e questo è un compito che tocca al Csm’’. ’’Noi -conclude Callipo- siamo per la legalità in ogni caso e per fa sì che questi casi si chiudano in fretta, permettendo a tutti di lavorare con tranquillità e impegno’’


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: