Poster un message

En réponse à :
Repubblica Italiana e ... cattolicesimo "adulto"

SCUOLA E RELIGIONI. STATO E CHIESE. Scrutini ed esami di maturità : crediti scolastici ed insegnamento della religione cattolica. Il Ministro della Pubblica Istruzione ha deciso di ricorrere al Consiglio di Stato invece di recepire l’ordinanza del TAR Lazio. E ora ? - a cura di pfls

Comunicato urgente della Consulta romana per la laicità delle istituzioni
mercredi 6 juin 2007 par Maria Paola Falchinelli
[...] Il Ministro Fioroni ha cercato di introdurre surrettiziamente l’ora di religione fra le materie che concorrono a pieno titolo a formare la valutazione degli studenti per gli esami di Stato. Questo determina una situazione di discriminazione e disparità fra gli studenti che si avvolgono e quelli che non si avvalgono dell’insegnamento della religione cattolica, senza poter o voler usufruire di attività alternative. Come ha infatti stabilito la Corte Costituzionale con le sentenze 203/89 (...)

En réponse à :

> SCUOLA E RELIGIONI. STATO E CHIESE. Crediti scolastici ed insegnamento della religione cattolica. Il Ministro della Pubblica Istruzione ha deciso di ricorrere al Consiglio di Stato invece di recepire l’ordinanza del TAR Lazio - Il Presidente della CEI, Bagnasco, ai docenti di Irc : « Non è catechesi ma cultura. E ha un fondamento giuridico nel Concordato »

mercredi 5 septembre 2007

« L’ora di religione non è un privilegio della Chiesa »

Il presidente della Cei Bagnasco ai docenti Irc di Genova : « Non è catechesi ma cultura. E ha un fondamento giuridico nel Concordato »

Da Genova Adriano Torti (Avvenire, 05.09.2007)

Né privilegio, né concessione : l’insegnamento della religione cattolica, anche nelle scuole di Stato, ha un fondamento giuridico che si basa sul Concordato tra Stato e Chiesa. Lo ha ricordato l’arcivescovo di Genova e presidente della Cei, Angelo Bagnasco, in occasione del primo incontro plenario degli insegnanti di religione della diocesi che si è svolto ieri pomeriggio nel capoluogo ligure. L’insegnamento della religione cattolica nella scuola di Stato, ha spiegato, « è presente a pieno titolo in quanto non è una forma di catechesi ma di cultura » e lo statuto di tale insegnamento nelle scuole di Stato « è inscritto nella revisione del Concordato del 1984, all’articolo 9 ». Inoltre « non ha valenza catechetica », cosa che « avviene in parrocchia », ma culturale, e « ha le sue radici nella storia del nostro Paese e più ampiamente dell’Europa ». Perciò « per vivere in Italia, ma potremo parlare anche dell’Europa, dobbiamo conoscere la religione cristiana, e noi in modo particolare quella cattolica ».

Il rischio altrimenti è quello di vivere « spaesati » all’interno di un Paese e dello stesso continente, che « ha prodotto e continua a produrre cultura ispirandosi alla simbologia e alla tradizione cristiana ».

In merito al Concordato ha chiarito che quest’ultimo « giustifica, da un punto di vista giuridico, l’insegnamento della religione cattolica nella scuola di Stato ». « Mi è caro richiamarlo - ha aggiunto - perché, non di rado, su qualche giornale o in qualche pubblico dibattito emergono confusioni ». L’insegnamento della religione cattolica, ha poi ricordato l’arcivescovo di Genova, è « una grande opportunità, un servizio che gli insegnanti di religione e la Chiesa rendono al Paese nella persona dei bambini, dei ragazzi e dei giovani, cioè al futuro del Paese ». I giovani, infatti, hanno sete di verità e di obiettivi alti per la loro vita e l’esperienza di Loreto lo testimonia. « In fondo tutto si riassume in una sola domanda - ha concluso - ossia se la vita valga o no la pena di essere vissuta ». E su questo punto ha aggiunto che « l’insegnante di religione ha molto da dire, magari provocando i giovani sulle domande fondamentali sul senso della vita » e proponendo da un punto di vista culturale l’insegnamento della fede e della tradizione cristiana come una risposta alle domande esistenziali dell’uomo di ogni epoca.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :