Poster un message

En réponse à :
In principio era il Logos ...

LA LEGGE DI ERACLITO COME DELL’ITALIA NON E’ UN "LOGO" DI PARTE O DI UN PARTITO !!! In Senato, sul caso Visco, il ministro Tommaso Padoa-Schioppa : « Speciale inqualificabile », « L’obiettivo è stato quello di ridare fiducia alle Fiamme Gialle » - a cura di pfls

jeudi 7 juin 2007 par Maria Paola Falchinelli
[...] l’attacco a Speciale : « Ha tenuto un comportamento inqualificabile, ha mostrato una gestione personalistica del Corpo, con gravi manchevolezze di trasparenza e di comunicazione al punto tale che le Fiamme Gialle sono arrivate a diventare un corpo separato ». Il suo operato si è caratterizzato per « opacità », per « scarsa lealtà » e per un uso di « encomi e premi » privo di criteri oggettivi, tanto è vero che l’aiutante in campo dello stesso generale Speciale ha al suo attivo « un numero (...)

En réponse à :

> LA LEGGE DI ERACLITO COME DELL’ITALIA NON E’ UN "LOGO" DI PARTE O DI UN PARTITO !!! In Senato, sul caso Visco, il ministro Tommaso Padoa-Schioppa : « Speciale inqualificabile », « L’obiettivo è stato quello di ridare fiducia alle Fiamme Gialle » - a cura di pfls

jeudi 7 juin 2007

Visco, l’Unione tiene e vince Il ministro : « Speciale sleale »I

l dossier del Governo sul generale *

Dopo una giornata tesissima, un lungo ed estenuante dibattito al Senato sul caso Speciale e la Guardia di Finanza, il governo ottiene il sì di tutta la maggioranza sul suo odg. La destra ha tentato in tutti i modi di logorare l’Unione, con urla, strepiti e striscioni con il ministro Visco.

Il ministro dell’economia Tommaso Padoa Schioppa è stato il protagonista in Aula e nella sua replica ha presentato un dossier contro dell’ex comandante generale della Guardia di Finanza, Roberto Speciale. Appena il ministro ha iniziato a parlare dai banchi della Cdl si sono alzate prima contestazioni e urla, poi sono apparsi cartelli con la scritta : « Ridateci la democrazia », cartelloni con la figura di Visco con su scritto "il padrino". Dopo una giornata tesissima in Parlamento, la destra si presenta al dibattito come se andasse allo stadio. Gli ultrà di Berlusconi hanno interrotto subito Padoa Schioppa e il presidente del Senato Marini ha sospeso la seduta.

Solo dopo una riunione dei capigruppo la seduta è ripresa e il ministro dell’Economia ha potuto fare il suo intervento. « Non voglio immaginare come gli italiani giudichino lo spettacolo che hanno visto », ha esordito il ministro. « L’obiettivo dominante del mio comportamento in questa delicatissima circostanza è stato restituire serenità e fiducia al corpo della Guardia di Finanza », ha detto Padoa-Schioppa. Per spiegare la rimozione del Generale della Guardia di Finanza, « ero consapevole della responsabilità che mi assumevo compiendo questo grave passo ». Per quanto riguarda il comportamento del generale Roberto Speciale, fu reticente, poco trasparente ed eticamente scorretto. « Tutta la vicenda - ha affermato Padoa-Schioppa - è stata caratterizzata dall’assenza di una comunicazione serena e cooperativa, dalla mancanza di trasparenza, prudenza e riservatezza, e dal venir meno delle regole etiche e deontologiche che si chiama omissione ». « La continua distorsione - ha aggiunto - di regole e procedure ha finito col deformare l’autonomia, che è indubbia prerogativa del Corpo, in qualcosa di diverso che chiamerei "separatezza", quasi che fosse venuto meno l’essenziale legame fra l’autorità di governo e il vertice del Corpo a servizio dello Stato ».

Il ministro dell’Economia ha voluto rassicurare anche i tre senatori del gruppo svp che chiede rassicurazioni sulla politica fiscale : è « un tema all’attenzione del governo su cui sono pronto a un approfondimento », ha detto Padoa Schioppa. Nella risposta, il gruppo per le Autonomie ha dato il suo Sì all’odg della maggioranza.

Nel corso delle votazioni, il Senato ha infine respinto la mozione della Cdl in cui si chiedeva la revoca di tutte le deleghe al viceministro Visco con 160 no, 155 sì e nessun astenuto. In seguito, l’aula ha approvato l’ordine del giorno dell’Unione. L’ordine del giorno afferma che « il Senato condivide l’operato del governo ed esprime pieno apprezzamento per il ruolo che svolge la guardia di finanza, essenziale per l’ordine democratico e l’equità fiscale ».

* l’Unità, Pubblicato il : 06.06.07, Modificato il : 07.06.07 alle ore 15.07


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :