Inviare un messaggio

In risposta a:
Al Ministro Fioroni (e a Pietro Citati)

MILANO. ROZZANO: SCUOLA MEDIA STATALE "LUINI-FALCONE". UMILIATI E OFFESI DA "LEGITTIMI" GIOCHI BUROCRATICI E "POLITICI" BRAVI "MISERABILI" PROFF. E CITTADINI. Rischierò di venir silurato ma non posso tacere: la coraggiosa testimonianza di un cittadino, sacerdote, professore della Scuola - a cura di pfls

domenica 29 luglio 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] per i colleghi che ho avuto la fortuna di incontrare e con cui ho potuto collaborare nel mettere tutte le energie e gli sforzi possibili per cercare di ascoltare e andare incontro alle esigenze di ragazzi e famiglie che vivono in una situazione davvero difficile, spesso ai limiti dell’umanità.
Mi sono trovato in un ambiente, una scuola davvero d’eccellenza, che non si è mai limitata a fare il suo dovere di insegnare le materie stabilite dal Ministero dell’Istruzione ma si è inserita (...)

In risposta a:

> MILANO. ROZZANO --- SCUOLA E NATALE. I SOLONI difensori della cristianità de noartri! e un progetto di lto valore socio-culturale. Sostegno a Parma per l’indecente attacco subito.

domenica 29 novembre 2015

SCUOLA. Complimenti: Agogliati sputtana Parma e il progetto Garofani *

di RF *

Dalla classe della figlia del fratello della sindaca nasce, con la connivenza de Il Giorno, la polemica che ha portato il reggente del comprensorio di via Garofani, Marco Parma, a rimettere il mandato. E la sindaca si frega le mani: non le pareva vero di spargere un po’ di fumo ora che il fallimento di Api e della gestione del teleriscaldamento manifesterà la debolezza dell’economia comunale e tutti i limiti della gestione clientelare di questa e delle passate amministrazioni. I fatti.

Sin dallo scorso anno l’associazione 11 note che gestisce la consueta festa pre natalizia aveva dovuto fronteggiare le polemiche di alcuni genitori della scuola di via Milano (che fa parte del comprensorio) frequentata dal nipote della sindaca, perché non venivano cantate le solite canzoncine di natale. A tal proposito, a settembre (settembre!) l’associazione aveva comunicato che, per evitare polemiche, avrebbero rinviato la festa al Fellini a gennaio.

Ecco allora nascere la petizione dei genitori integralisti che, non bastandogli la festa in classe, volevano assolutamente il "tu scendi dalle stelle" a teatro. Nulla di male, ma perchè collegarlo ai fatti di Parigi?

Il giornalista poco indagatore di turno, magari bypassando il responsabile locale, raccoglie e rilancia, con un titolo ad effetto, e magari con l’incitamento di qualche amico in amministrazione, così da togliere un po’ l’attenzione anche dalle recenti problematiche del teleriscaldamento (per la legge dell’equilibrio politico).

Ale’... il gioco è fatto e la notizia e’ servita, prontamente raccolta da altri fenomeni dell’informazione come Del Debbio (futuro politicante nazionale) e le televisioni unificate. Poi si apre la cloaca e scendono da Roma o dalla padania i SOLONI difensori della cristianità de noartri!

Insomma: Marco Parma non ha altra "colpa" se non quella di condividere una scelta fatta in altro momento e da altri. E questa non è una colpa, e’ coerenza.

Per il resto segnaliamo che stava portando avanti da due anni in modo eccellente un progetto nel comprensorio Garofani di alto valore socio-culturale, motivando i docenti e i genitori, che ora potrebbe andar disperso.

Domani i docenti stessi, che non accettano la strumentalizzazione, faranno un presidio e comunicheranno il sostegno a Parma per l’indecente attacco subito.

Complimenti alla sindaca per il tempismo e per la faccia tosta!

RF

* Pubblicato da Rozzano Futuro, 28.11.2015,


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: