Inviare un messaggio

In risposta a:
Ma che Assisi!!! Ma quale ecumenismo!!! Forza "Deus caritas est"!!!

RATZINGER PROFETA ... DI SVENTURA E DI GUERRA!!! Il segretario del Papa, Padre Georg Gänswein, torna sul discorso di Ratisbona, conferma, e rilancia. Prepararsi alla mobilitazione contro l’Islam!!! - a cura di pfls

domenica 29 luglio 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] A Ratisbona nel settembre 2006 papa Ratzinger sollevò una tempesta internazionale perché aprì il suo discorso con una citazione di un imperatore medievale bizantino, secondo cui Maometto non aveva portato nulla di "buono e umano" perché esortava a diffondere la fede con la spada. Ratzinger pronunciò la citazione senza distanziarsi e ci vollero scuse vaticane a ripetizione e un’edizione aggiornata del discorso per ristabilire rapporti normali con il mondo islamico. In parecchi (...)

In risposta a:

> RATZINGER PROFETA ... DI SVENTURA E DI GUERRA!!! ----- Perché papa Ratzinger è così popolare (di Sergio Romano).

sabato 27 ottobre 2007

Gli Usa decretano: le Guardie iraniane sono «terroristi»

Nuove sanzioni all’Iran

di Ma.Fo. (il manifesto, 26.10.2007)

Gli Stati uniti hanno annunciato ieri nuove sanzioni contro l’Iran, con un gesto che sembra più un preludio a un attacco militare che un semplice inasprimento delle misure già in vigore.

Le sanzioni annunciate ieri infatti riguardano le Guardie della rivoluzione (Sepah-e-pasdaran). La segretaria di stato Condoleezza Rice, insieme al segretario al tesoro Henry Paulson, ha accusato la divisione al-Quds delle Guardie (le truppe di élite) di «sostenere il terrorismo», e l’intero corpo delle Guardie della Rivoluzione di «proliferare armi di distruzione di massa». Ha quindi annunciato sanzioni contro oltre 20 aziende iraniane, banche e individui, nonché contro il ministero della difesa di Tehran. Misure, ha detto Rice, pensate per «aumentare per l’Iran il costo del suo comportamento irresponsabile», e costringere Tehran a mettere fine al suo programma di arricchimento dell’uranio e alle sue «attività terroriste». L’effetto pratico di tali sanzioni non è evidente: il Sepah-e-pasdaran non è certo in rapporti d’affari con le banche americane, e anche le banche iraniane colpite (Bank Melli, Bank Mellat e Bank Saderat) erano comunque già tagliate fuori da ogni transazione con istituti di credito americani.

L’effetto è soprattutto politico. E’ infatti la prima volta che gli Stati uniti adottano sanzioni contro le forze armate di uno stato sovrano. Washington ha più volte accusato negli ultimi mesi l’Iran (anzi, le Guardie della Rivoluzione) di armare e sostenere milizie in Iraq: ora, dichiarando le Guardie organizzazione «terrorista», Washington si dà un appiglio per giustificare eventuali operazioni militari contro Tehran.

La decisione statunitense ha avuto l’immediato sostegno di Londra e Gerusalemme, e questo non sorprende. «Sosteniamo le ulteriori pressioni americane sul regime iraniano», ha detto il portavoce del ministero degli Esteri britannico. Contraria è invece la Russia. Il presidente Vladimir Putin ieri sera ha obiettato all’annuncio americano, dicendo che così si mette Tehran alle strette: «Perché dovremmo peggiorare la situazione, metterli all’angolo, minacciando nuove sanzioni?», ha detto durante una visita a Lisbona. Mosca ha già chiarito che non appoggerà una nuova risoluzione del Consiglio di sicurezza con nuove sanzioni a Tehran». In serata è giunta anche la prima reazione di Tehran. L’Iran condanna il gesto degli Stati uniti: «Le politiche ostili dell’America contro la nazione iraniana e le nostre organizzazioni legali sono contrarie alle norme internazionali e non hanno alcun valore», ha detto il portavoce del ministero degli esteri alla tv di stato.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: