Inviare un messaggio

In risposta a:

New York, Madrid, Londra, dove andate?

Una nota di Federico La Sala dopo l’attacco a Londra
venerdì 8 luglio 2005 di Federico La Sala
Dopo i terribili e devastanti attentati di Londra, cerchiamo di non ricadere nella trappola né delle emozioni, e né della rassegnazione e né della retorica: “È giusto essere arrabbiati in questo momento. Ma il nostro dovere - come ha subito dichiarato il ministro degli interni, Clarke - è di restare lucidi (“clearminded”) e di comportarci secondo logica e ragione”.
Al di là delle reazioni e degli attestati di solidarietà, questo è il problema all’ordine del giorno, (...)

In risposta a:

> New York, Madrid, Londra, dove andate?

martedì 12 luglio 2005

Caro Biasi ....approfitta dell’estate, documentati, e abbi più rispetto di te stesso e della tua intelligenza (non della mia !!!)!!! Ti ringrazio, ad ogni modo. M. cordiali saluti e buone vacanze. Federico La Sala P.S. - Se vuoi, ecco un pò di indicazioni per aggiornarti e riflettere meglio sui problemi (vedi allegati):

"La strage e’ un mezzo che il potere utilizza per creare uno stato di allarme tra la popolazione ed eventualmente poter intervenire per poter rassicurare questa stessa popolazione. Perche’ e’ un evento traumatico che ha interesse a determinare solo chi detiene il potere, perche’ solo chi detiene il potere può padroneggiare gli eventi successivi. Quindi la strage è un mezzo di prevaricazione del potere sulla popolazione" Vincenzo Vinciguerra, agente Gladio, Carcere di Opera, 8 luglio 2000 (http://www.cedost.it/testi/vincenzo.htm)

FALSE FLAG OVER LONDON Yesterday we saw a classic false flag attack in London, organized by western secret services to distract attention from the deepening political troubles of Bush and Blair, and perhaps even to create the pretext for war on Iran. Of course, Bush and his poll ratings have been sinking under scandals and rumblings of impeachment. Blair too has been badly hurt by the Downing Street memo http://www.propagandamatrix.com/articles/july2005/100705falseflag.htm

QUANDO LE GUARDIE SONO I LADRI. LA MESSA IN SCENA DEGLI ATTENTATI DIFFONDE IL TERRORE, MENTRE I VERI COLPEVOLI CONTINUANO AD ARRICCHIRSI Per quanto ancora permetteremo a questa perversa assurdità di continuare? Incidenti imbarazzanti in continuazione, la denuncia di abusi di potere, o la rivelazione di qualche inquietante copertura, e i poteri che inscenano un attacco terroristico (colpendo nel mucchio e sacrificando un numero casuale di vite innocenti) per poter dare la colpa a un nemico di fantasia, e avere il pretesto di appesantire l’immorale oppressione sulla gente comune http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=1179

A WARNING TO THE WORLD The London bombings are a clear indication that the Globalists have not changed tactics and are getting ever more desperate to advance an agenda based on a simple time tested manipulation of fear. Throughout history governments have used terrorism against their own people and created paper tiger enemies as a means of obtaining and retaining the trust of the masses in the process of gradually enslaving them. The Anglo-American establishment that controls the military-industrial complex of the West has been caught over a hundred times carrying out bombings and other terrorist attacks around the world to further their corporate aims and to blame their enemies http://www.propagandamatrix.com/articles/july2005/110705warningtotheworld.htm

FONDAMENTALISMO CONTRO FONDAMENTALISMO di Gennaro Carotenuto Ci sono due mostri. Il terrorismo di Al Qaeda, chiunque ci sia e qualunque cosa voglia, si configura oggi come il piu’ potente alleato del sistema anglosassone di terrore che regge il pianeta, da Abu Grajib a Guantanamo, da Falluja alle fosse comuni delle vittime delle dittature filostatunitensi che affiorano quotidianamente in America Latina, ai morti per fame indotti dal Fondo Monetario Internazionale. Al Qaeda e’ quindi oggi la spalla e la copertura ideale di questo sistema di terrore. Entrambi sono indesiderabili, ma il mondo viene obbligato ancora una volta con un’appello perverso a scegliere da che parte stare. Se si critica uno si e’ necessariamente amici dell’altro. Cui prodest? A chi conviene? http://www.gennarocarotenuto.it/dblog/articolo.asp?id=214

LE BOMBE DI BLAIR di John Pilger Nel classico di Lewis Carroll, Alice chiede al Gatto del Cheshire e al Cappellaio Matto di mostrarle la strada per uscire dal Paese delle Meraviglie. Loro lo fanno più volte, da questa parte, da quella parte, finché lei non perde la pazienza e il suo mondo dei sogni va in pezzi, svegliandola. Le persone uccise e mutilate in Iraq e la popolazione africana volutamente impoverita dai nostri governi e dalle nostre istituzioni, nel nostro nome, ci chiedono da tempo di svegliarci. Le bombe di Londra potrebbero averlo fatto http://www.zmag.org/Italy/pilger-lebombediblair.htm

LA REALTA’ DI QUESTI BARBARI ATTENTATI di Robert Fisk E’ facile per Tony Blair qualificare gli attentati come "barbari" - certo che lo sono - ma cos’erano allora le vittime civili dell’invasione anglo-americana dell’Iraq nel 2003, i bambini dilaniati dalle mine antiuomo, gli innumerevoli innocenti iracheni abbattuti ai posti di blocco militari americani? Quando essi muoiono, e’ un "danno collaterale"; quando "noi" moriamo, e’ "barbaro terrorismo" http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=543

LONDRA. IN SIMULTANEA: VERI ATTENTATI ED ESERCITAZIONE ANTITERRORISMO Un’agenzia di consulenza con contatti con il governo e la polizia stava effettuando un’esercitazione per una compagnia, il cui nome non e’ ancora stato reso noto, che prevedeva la simulazione di un attentato nella metropolitana di Londra, esattamente nello stesso tempo e nello stesso luogo in cui si sono verificate le reali esplosioni la mattina del 7 luglio http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=1174

:::::::::::::::::: TERRORISMO ::::::::::::::::::

LA GUERRA USA CONTRO L’IRAN E’ GIA’ COMINCIATA di Scott Ritter L’ex capo della squadra d’ispettori ONU incaricata di indagare sulle armi di distruzione di massa in Iraq, sostiene che Bush sta utilizzando dei gruppi terroristici persiani per portare attentati in Iran, oltre ad allestire basi militari per attaccare quel paese dall’Azerbaiján http://www.resistenze.org/sito/te/po/in/poin5g05.htm

IRAQ: GIUSTIZIATO AD UN CHECK-POINT USA IL REPORTER IRACHENO CHE AVEVA DENUNCIATO GLI SQUADRONI DELLA MORTE Martedi’ scrive sui "missing": venerdi’ ucciso. Yasser Salihee medico e giornalista per il gruppo Knight Ridder, indagava sugli scomparsi sunniti uccisi dai commandos guidati dai consiglieri Usa http://italy.peacelink.org/mediawatch/articles/art_11825.html

NUOVE PROVE SUI CRIMINI DI GUERRA DEGLI STATI UNITI E SULLE VIOLAZIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRESENTATE ALLA SESSIONE FINALE DEL TRIBUNALE MONDIALE SULL’IRAQ Il Tribunale richiede il ritiro immediato ed incondizionato di tutte le forze di occupazione e che i governi della coalizione paghino un compenso pieno agli Iracheni per tutti i danni, e che le leggi, i contratti, i trattati e le istituzioni creati sotto l’occupazione e considerati dannosi o inutili dagli Iracheni siano aboliti". Richiede inoltre indagini immediate per crimini contro l’umanita’ con imputati George Bush, Tony Blair, ed ogni altro presidente dei paesi che appartengono alla coalizione. Infine, richiede un processo per mancanza di responsabilita’ nei confronti dei giornalisti e dei media che hanno mentito e promosso la violenza nei confronti dell’Iraq, comprese le corporation che hanno guadagnato dalla guerra http://www.zmag.org/Italy/jamail-nuoveprovecontrousa.htm

TRIBUNALE MONDIALE SULL’IRAQ: TESTIMONIANZA PER LA SESSIONE FINALE di Dahr Jamail Questa testimonianza non e’ sullo spirito indomabile degli iracheni. Non e’ sulla dignita’ e la forza degli iracheni, che non abbiamo bisogno di provare. Questa testimonianza e’ sulle violazioni del diritto internazionale commesse quotidianamente dagli occupanti dell’Iraq con torture imperversanti, negligenza o ostruzione nella fornitura delle cure mediche e il fallimento, che continua, nel permettere agli Iracheni di ricostruire le loro infrastrutture http://www.zmag.org/Italy/jamail-tribunalemondialeiraq.htm

IRAQ, LA RESISTENZA VIOLENTA NASCE DA UN’OCCUPAZIONE MILITARE VIOLENTA. LA DISINFORMAZIONE NEI MEZZI DI COMUNICAZIONE DI MASSA E LA NATURA DELLA RESISTENZA IRACHENA Il “governo”, installato dagli USA, non ha alcuna forza ed e’ retto dagli stessi gruppi di esiliati che fecero pressione per l’invasione ed occupazione dell’Iraq. Gli USA stanno aizzando gli iracheni tra di loro, creando un clima di paura. A questo proposito, la creazione, il finanziamento e l’armamento di “milizie etniche” e squadroni della morte da parte degli USA, sono pensati per creare divisioni etniche e provocare attivita’ terroristiche contro civili iracheni http://www.resistenze.org/sito/te/po/ir/poir5f16.htm

DALL’AFGHANISTAN AL’IRAQ: TRAPIANTARE IL TERRORISMO ORDITO DALLA CIA http://members.fortunecity.co.uk/freebie/faiit.htm

CHI SONO I TERRORISTI INTERNAZIONALI Hadiza: i cecchini statunitensi assassinano indiscriminatamente gli abitanti http://www.resistenze.org/sito/te/po/ir/poir5g07.htm

AL-QAIM: UNA TRAGEDIA QUASI IMPOSSIBILE DA DESCRIVERE Siamo civili innocenti che vanno a lavorare. I cecchini statunitensi sono nascosti dappertutto e prendono di mira qualsiasi persona. Non possiamo far niente e questa situazione perdura cosi’ da mesi: cecchini, aerei, mortai, bombe... http://www.resistenze.org/sito/te/po/ir/poir5g05.htm

L’ OCCIDENTE CHIUDE UN OCCHIO MENTRE LA POLIZIA RIMETTE AL LAVORO I TORTURATORI DI SADDAM Le forze di sicurezza irachene, messe su dai soldati americani e britannici, torturano i detenuti strappando loro le unghie, bruciandoli con ferri roventi, o dando loro scosse elettriche, dicono funzionari iracheni. Sono stati registrati anche casi di prigionieri legati picchiati a morte dalla polizia http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1198

LA CIA DIETRO GLI "INSORTI" IRACHENI ED IL TERRORISMO GLOBALE? http://members.fortunecity.co.uk/freebie/tpsit.htm

OLTRE L’IPOCRISIA. IL SENSO PROFONDO DEL CASO POSADA CARRILES di James Petras Gli Stati Uniti anno negato l’estradizione del terrorista reo confesso Luis Posada Carriles in Venezuela dove e’ accusato di aver fatto esplodere un aereo di linea cubano causando 73 vittime http://www.contropiano.org/Documenti/2005/Giugno2005/13-06-05Petrs_Oltre_ipocrisia.htm

11/9, IL WTC CROLLO’ TRAMITE DEMOLIZIONE CONTROLLATA? IL RACCONTO DI UN TESTIMONE OCULARE SMENTISCE LA VERSIONE UFFICIALE Un portiere del World Trade Center ha portato in salvo una vittima ustionata da un’esplosione che ha scosso la Torre Nord alcuni secondi prima che un jet di linea colpisse i piani superiori. Inoltre altri due uomini intrappolati nel vano di un ascensore nello scantinato furono portati in salvo mentre si verificavano esplosioni sotterranee http://www.nexusitalia.com/nexus_new/index.php?option=com_content&task=view&id=395&Itemid=100

"THE POWER OF NIGHTMARES: THE MAKING OF THE TERROR MYTH" Il video e la trascrizione del documentario della BBC sul mito di Al Qaeda. Secondo l’autore del programma la minaccia terroristica nutrita dalla politica, sostenuta dai media e successivamente percepita dal pubblico ’’e’ un’oscura illusione che si e’ infiltrata nella politica’’, senza essere sottoposta a vaglio o riserve. ’’In un’eta’ - aggiunge Curtis - in cui i grandi progetti [della politica] hanno perso di credibilita’, il timore di un nemico fantasma e’ quanto rimane ai politici per mantenere il potere http://italy.indymedia.org/uploads/2005/07/the_power_of_nightmares.pdf


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: