Inviare un messaggio

In risposta a:

New York, Madrid, Londra, dove andate?

Una nota di Federico La Sala dopo l’attacco a Londra
venerdì 8 luglio 2005 di Federico La Sala
Dopo i terribili e devastanti attentati di Londra, cerchiamo di non ricadere nella trappola nÚ delle emozioni, e nÚ della rassegnazione e nÚ della retorica: “╚ giusto essere arrabbiati in questo momento. Ma il nostro dovere - come ha subito dichiarato il ministro degli interni, Clarke - Ŕ di restare lucidi (“clearminded”) e di comportarci secondo logica e ragione”.
Al di lÓ delle reazioni e degli attestati di solidarietÓ, questo Ŕ il problema all’ordine del giorno, (...)

In risposta a:

> New York, Madrid, Londra, dove andate?

giovedì 14 luglio 2005

Caro Federico,

ti mancava solo Gad Lerner da citare !!!

Gad Lerner dimentica (volutamente) che Mortara Ŕ scomparso che aveva quasi novant’anni, nel 1940 e che per ottantatre anni non ha fatto che benedire Pio IX e ringraziare il Cielo per essere stato battezzato, dicendo che era stata la mano di Dio a guidare la sua vecchia domestica. Si Ŕ fatto religioso, Ŕ diventato un missionario instancabile, un predicatore famoso ed Ŕ morto addirittura in odore di santitÓ. Questo, Gad non lo scrive ??

Pio IX, papa Giovanni Mastai Ferretti, a causa di questa vicenda, fu il bersaglio di attacchi feroci. La leggenda nera (prendi appunti!) su di lui nacque perchŔ la posta in palio era molto alta: il possesso dello Stato Pontificio, appetito dai piemontesi. Lo stesso Cavour (se leggi la storia d’Italia) strumentalizz˛ il caso per attaccare il potere temporale del papa: il suo obbiettivo era fare di Roma la capitale del regno.

La reazione varc˛ anche i confini nazionali. Sulla vicenda si mobilit˛ tutto il movimento ebraico internazionale. Furono gli ebrei piemontesi, incoraggiati da Cavour, a creare il "caso Mortara" con un appello a tutti gli ebrei del mondo e a tutte le logge massoniche internazionali.

C’Ŕ un problema di giustizia e veritÓ nei riguardi di Pio IX, diffamato come se fosse un cinico rapitore di bambini e verso lo stesso padre Mortara, il quale, rivolgendosi al mondo laico e massonico, diceva: volete o no rispettare la mia scelta, anche se questa Ŕ avvenuta in circostanze complicate? Un ebreo vero, dice Mortara, non pu˛ non diventare cristiano, perchŔ nell’ebreo Ges¨ questo Ŕ giÓ avvenuto !

Nella sua ricostruzione della vicenda viene sottolineata da Messori la connessione tra mondo ebraico e la massoneria.. e la massoneria in quel tempo era molto anticlericale. Il grande maestro della massoneria era Garibaldi il quale, con una espressione molto gentile, definiva Pio IX "un metro cubo di letame"╗.

In definitiva, il vero protagonista del libro citato da te Ŕ Pio IX.

Di quella vicenda papa Mastai fu, in un certo senso, prigioniero. Egli avrebbe fatto volentieri a meno di separare il piccolo Edgardo dalla famiglia, ma non potŔ agire diversamente, perchŔ sia il diritto canonico che il diritto civile prevedevano che il battezzato, anche in caso di battesimo furtivo, purchŔ valido, doveva essere educato come cristiano fino all’etÓ adulta.

Il papa sapeva che il caso avrebbe avuto come conseguenza la caduta dello Stato Pontificio, ma a chi gli proponeva una mediazione rispondeva: "Non possumus".

Come vedi, il mio invito di "ri-pensare la storia" Ŕ sempre valido ! Ri-guarda il tutto e noterai che questa vicenda era stata "montata" per un unico scopo : impedire la beatificazione di Pio IX, il "rapitore di bambini"..

Saluti e.. buona abbronzatura. Biasi


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: