Poster un message

En réponse à :
ITALIA ... "Forza ...ITALIA"( ?) ... e la "contraddizione insostenibile" !!!

PER SETTE QUESTIONI FONDAMENTALI - PER LA COSTITUZIONE. 20 0TTOBRE, IN PIAZZA A ROMA. Una grande manifestazione nazionale - a cura di pfls

samedi 20 octobre 2007 par Maria Paola Falchinelli
LA VIGNETTA DEI PRECARI DISTRIBUITA ALLA MANIFESTAZIONE (la Repubblica).
LE IMMAGINI DELLA MANIFESTAZIONE (la Repubblica)
Welfare, gli organizzatori : "Siamo un milione"
Ingrao sul palco : "Sono qui per i lavoratori"
A Roma il corteo della sinistra radicale contro la precarietà e per i diritti. In piazza Giordano e Diliberto.
Il verde Bonelli raccoglie firme. "Entro l’anno la Costituente della sinistra". Sfila la moglie di Bertinotti.
Prodi : "Ho sempre ascoltato il popolo"
Sul palco, gli (...)

En réponse à :

> PER SETTE QUESTIONI FONDAMENTALI. IL 20 0TTOBRE IN PIAZZA. Appello per una grande manifestazione nazionale a Roma - a cura di pfls

vendredi 10 août 2007

commento

-  20 ottobre.
-  Mettiamo in piazza anche la cultura

di Sandro Medici (il manifesto, 09.08.2007)

Il 20 ottobre tutti in piazza per salvare il salvabile. Ottima iniziativa, un ringraziamento a chi l’ha proposta : speriamo serva a imprimere quella svolta nelle politiche sociali e economiche che ridia un respiro di sinistra al governo Prodi. Anche perché, diversamente, quel respiro potrebbe rischiare di essere l’ultimo. Una manifestazione per chiedere tutele sul lavoro, garanzie per le pensioni, estensione dei diritti sociali.

Ma per quanto decisive, è il caso di autolimitarci alle sole rivendicazioni economiche ? O non varrebbe la pena di strattonare questo governo anche per altre vistose manchevolezze ? Se permettete, a queste, ne vorrei suggerire almeno una, tuttavia strategica : la cultura. Troverei utile che nella piattaforma del 20 ottobre ci fosse un accenno critico alle politiche culturali del governo e che si esprimesse un’alterità di sinistra a come vengono gestite.

Non fosse altro perché, nonostante scorrano i secoli, la contraddizione tra struttura e sovrastruttura sembra non essere superata, e consegnare il primato alla prima continua a deprimere sciaguratamente la seconda. Per dirla schietta, penso che affrontare anche la questione culturale non soltanto serva a scuotere l’immobilismo governativo, ma anche a scrollarci di dosso subalternità e minoritarismi. E a permettere un dialogo con strati sociali, in particolare giovanili, che difficilmente intercettiamo, compresi come siamo nel nostro sacro ruolo di custodi dell’ortodossia economicista.

Allora, se siamo d’accordo, comincerei a chiedere il conto sull’immutabile politica degli investimenti verso le istituzioni culturali. Cinema, teatro, musica, danza : sempre gli stessi, salvo qualche piccolo spostamento, ricevono finanziamenti pubblici. Mai un euro viene riversato su chi progetta il contemporaneo, su chi sperimenta forme e contenuti inediti, su chi ancora desidera esplorare nuovi orizzonti artistici e espressivi. Non c’è nulla per incentivare la produzione indipendente, le mille esperienze che animano le nostre città, le nostre periferie : e chissà quante intelligenze si disperdono e si schiantano nella vana attesa di qualcuno che le aiuti. Si lasciano al mercato, un mercato arcigno e conformista che detesta l’innovazione perché scarsamente redditiva.

E invece, così come dovrebbe essere per l’istruzione, la formazione e la ricerca, resta compito dello stato favorire e valorizzare le realtà culturali diffuse ma disperate. In altri paesi lo fanno e i risultati si vedono ; da noi si preferisce foraggiare l’accademia e coccolare le dinastie. Rinunciando alle nuove creatività affidandosi al solo patrimonio storico, che intanto si estingue.

Ci sarebbe molto altro su cui ragionare, dai musei all’archeologia dalla tv alla editoria, ma mi accontenterei se di cultura si accennasse almeno : prima, durante e dopo il 20 ottobre. Sarebbe un’apertura di discorso che farebbe bene intanto a noi stessi, che in questa palude sepolcrale di enti e istituzioni, festival e rassegne, mostre ecc. siamo (quota parte) saldamente presenti, ormai indifferenti a quanto vanamente, si agita intorno e oltre i palcoscenici convenzionati.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :