Inviare un messaggio

In risposta a:
Linee di politica e antropo-teologia cattolica del Terzo Millennio dopo Cristo...

PEGAH EMAMBAKHSH. LE DUE RAGIONI PER CUI L’"AVVENIRE" NON HA DATO FINORA RISALTO ALLA VICENDA DELLA CITTADINA IRANIANA: IL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA E IL SILENZIO DEI MEDIA INGLESI. La risposta del direttore a una lettera di Fabrizio Spano - a cura di pfls

mercoledì 29 agosto 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] Sono con lei, con una cautela - che spiega perché non abbiamo finora dato risalto alla notizia -: sui media inglesi (Times, Independent, Guardian, Bbc...), solitamente molto solerti nel dare eco alle battaglie in favore dei gay, non risulta traccia della vicenda, che ha trovato spazio solo su testate italiane. Con ciò, resto dell’avviso che sia giusto fare tutto il possibile per impedire che in una qualsiasi parte del mondo una persona sia messa a morte o finisca in prigione solo (...)

In risposta a:

> PEGAH EMAMBAKHSH. LE DUE RAGIONI PER CUI L’"AVVENIRE" NON HA DATO FINORA RISALTO ALLA VICENDA DELLA CITTADINA IRANIANA: IL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA E IL SILENZIO DEI MEDIA INGLESI. ... RIMPATRIO FORZATO SEMBRA RINVIATO!!!

lunedì 27 agosto 2007


-  ASILO A LESBICA IRANIANA, VERSO RINVIO RIMPATRIO
-  FRATTINI: LONDRA TENGA CONTO DEI RISCHI DEL RIMPATRIO
*

La Gran Bretagna dovrebbe tenere conto del fatto che per Pegah Emamabakhsh "il rimpatrio in Iran potrebbe comportare non solo l’imprigionamento, ma anche la tortura e forse la morte". E’ quanto auspica, parlando con l’ANSA, il vice presidente della Commissione Ue Franco Frattini, che invita le autorità britanniche ad andare oltre "la questione tecnico-giuridica" che impedisce alla Gran Bretagna di riconoscere alla lesbica iraniana di 40 anni lo status di rifugiata politica. Frattini accoglie con favore la disponibilità manifestata dal governo italiano ad accogliere Pegah ("se serve a salvare una vita umana, ben venga questa iniziativa"), ma sottolinea che c’é un problema di "rispetto delle regole", che richiede da parte della Gran Bretagna "un approfondimento dell’ istruttoria".

BUTTIGLIONE: SI DEVE ACCETTARE ASILO

"L’Italia può e deve accettare la domanda di asilo politico di Pegah Embabkashsh, la donna iraniana condannata a morte nel suo paese perché lesbica". Lo afferma Rocco Buttiglione (Udc). "In sede di trasposizione di una direttiva europea sulla non discriminazione - spiega Buttiglione - il Senato ha approvato un emendamento, riformulato in Aula su mio suggerimento, che amplia in modo molto generoso il dettato della direttiva e mette l’Italia all’avanguardia nel mondo civile. Il Senato ha deciso che sia possibile accogliere le domande di asilo di chiunque sia perseguito nel suo paese per comportamenti che in Italia non costituiscono reato. Vi rientra il caso di Pegah come quello dei cristiani perseguitati nel mondo. L’emendamento è stato approvato praticamente all’unanimità". "E’ ovvio - aggiunge - che esso non implica nessuna valutazione moralmente positiva della omosessualità ma semplicemente una corretta distinzione fra la sfera della morale e quella del diritto ed il riconoscimento della trascendente dignità della persona umana che va sempre rispettata, anche quando compia delle scelte che possiamo non condividere. La distinzione fra morale e diritto è (dovrebbe essere) un cardine di una società liberale ed è proprio questa distinzione a non essere recepita dagli integralisti islamici".

POLLASTRINI: RIMPATRIO FORZATO SEMBRA RINVIATO

Sulla vicenda di Pegah "giungono primi segni di schiarita. Il rimpatrio forzato sembra, per il momento rinviato". Lo afferma il ministro dei Diritti e delle Pari Opportunità Barbara Pollastrini in una lettera inviata al gruppo Everyone in occasione del sit-in a sostegno della donna lesbica iraniana. Il ministro ha sottolineato che "l’impegno del governo Prodi per i diritti umani continuerà in questa come in altre vicende drammatiche".

IL POPOLO DELLA RETE FA APPELLO AL GOVERNO

Si moltiplicano i consensi e le iniziative di solidarietà sui siti internet irlandesi e britannici nei confronti di Pegah Emambakhsh, la lesbica iraniana, detenuta dal 13 agosto scorso nel centro detentivo di Yarls Wood (Sheffield), che dovrebbe essere rimpatriata domani in Iran e rischia la morte per lapidazione una volta messo piede nel suo Paese. Mentre il ministero degli Interni britannico mantiene il riserbo sulla questione, in Rete sempre più persone chiedono infatti al governo di cambiare idea e concedere l’asilo alla donna, che in patria ha avuto due figli in seguito ad un matrimonio combinato e ha perso la compagna, condannata a morte per lapidazione. Il portale di informazione britannico ’UK gay news’, che nei giorni scorsi aveva pubblicato articoli al vetriolo come quello intitolato ’Ashamed to be british’ (’Che vergogna essere britannicì), ha riportato oggi con risalto la notizia secondo la quale l’Italia è pronta a offrire asilo politico a Pegah. Il dibattito italiano ha avuto risalto anche sui media tradizionali: il quotidiano ’Guardian’ ha intervistato alcuni membri del Gruppo EveryOne, che che ha manifestato a Roma in sostegno della 38enne iraniana. Il caso di Pegah, che da giorni tiene anche l’Italia col fiato sospeso, è vissuto insomma con trepidazione da migliaia di persone anche nel Regno Unito. "Pegah must stay", Pegah deve rimanere, dice Queera, una utente del forum irlandese ’Sapphic Ireland’ e cita l’Islamic Punishment Act in vigore in Iran, che dagli articoli 127 a 134 regolamenta il reato dell’omossessualità, prevedendo pene che vanno dalle 100 frustate alla lapidazione. Crabapple, un’altra utente di Sapphic Ireland, suggerisce di fare quello che molti in Gran Bretagna hanno già fatto, cioé scrivere un appello a Jacqui Smith, il ministro degli Interni britannico. La Iranian Queer Organization (l’organizzazione dei gay e delle lesbiche iraniani) ha creato, su petitiononline.com, una pagina per Pegah, dove chiunque può sottoscrivere la petizione contro la sua deportazione.

* ANSA» 2007-08-27 17:31


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: