Poster un message

En réponse à :
"Bustine" di "Filosofia minima" ... e "Berlusconismo". Che brutta storia !!!

"Alt, nano ! O io ! O tu !". L’eterno ritorno del nano ?! Umberto Eco passa le consegne ad Armando Massarenti e insieme ri-lanciano "il sogno" e "il lancio del nano". Come una proposta per la scuola di una nuova Italia - ma quella dei "nani" e delle nane" o quella dei cittadini e delle cittadine ?! Boh e Bah ?!

Una recensione (2006) di Francesca Rigotti e una nota di Federico La Sala
mercredi 24 octobre 2007 par Maria Paola Falchinelli
[...] Di alcuni dei piccoli saggi si percepisce addirittura che sono stati scritti ancora in epoca berlusconica, quando molti di noi usavano le piccole o grandi palestre del loro esercizio scritto o orale per criticare quel triste e tristo - pur nella sua ridicolaggine - periodo della storia d’Italia, caratterizzato dai peggiori « ismi » : neooscurantismo, cesarismo, populismo, scientismo, pressappochismo e così via. Ne è un esempio l’elogio della critica dei cattivi governi, contenuto nel (...)

En réponse à :

> "Alt, nano ! O io ! O tu !". L’eterno ritorno del nano ?! Umberto Eco passa le consegne ad Armando Massarenti e insieme ri-lanciano "il sogno" e "il lancio del nano". Come una proposta per la scuola di una nuova Italia ... l’eroe della battaglia di Solferino e il consiglio di Mons. Ravasi-Pascal.

samedi 1er septembre 2007

ETICA (responsabilità). Per l’"Avvenire", però, per seguire meglio il gioco e la corsa de Il Sole-24 Ore, è oppurtuno cominciare con un buon "mattutino" .... "abbandonare il pensiero troppo debole" e "ritornare alla seria, faticosa e sostanziosa riflessione" dopo !!!(fls)


MATTUTINO

pensieri svolazzanti

Nel suo cervello i pensieri svolazzavano come uccelli solitari attraverso nuvole vuote, senza stormo e senza lasciare traccia.

Aveva salvato la vita del giovane imperatore Francesco Giuseppe nella battaglia di Solferino (1859) e per questo era diventato, anche nei libri di storia, "l’eroe di Solferino". Ma la nobiltà e la dedizione un po’ retorica di questo personaggio, Joseph Trotta, si scontra con la sua discendenza che vede invece in scena un debole nipote, Carl Joseph, il vero protagonista del romanzo La marcia di Radetzky (1932) di uno scrittore austriaco ebreo, Joseph Roth, particolarmente amato dai lettori di questi ultimi decenni. Il cervello di quel giovane erede incapace e irresoluto è appunto attraversato da pensieri vani e inconsistenti, simili ai voli di uccelli solitari.

Ebbene, questo ritratto amaro sembra purtroppo adattarsi a molti la cui mente ospita solo pensieri svolazzanti, superficiali, pronti a cambiar rotta, senza mai lasciare una traccia nella vita. Aveva un bel dire il grande Pascal - l’autore di quel testo decisivo che s’intitola appunto I pensieri - che « il pensiero fa la grandezza dell’uomo », ma spesso quelle ideuzze vaghe che si agitano nelle scatole craniche di molti sono solo colpi di testa, soffi d’aria, traiettorie destinate a dissolversi come le scie della carena di una nave nel mare. Aveva ragione Leonardo da Vinci quando lapidariamente annotava : « Chi poco pensa, molto erra ». Ecco, allora, la necessità di abbandonare il pensiero troppo debole e di ritornare alla seria, faticosa e sostanziosa riflessione. Perché - ed è ancora Pascal ad ammonirci - « impegnarsi a pensare bene è il principio della morale ».

Gianfranco Ravasi

* Avvenire, 01 Settembre 2007


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :